20 maggio: è il Giorno delle Api nel mondo

20 maggio: è il Giorno delle Api nel mondo
Di Simona Zecchi
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Domenica 20 maggio si celebra il primo World Bee Day, una giornata indetta dalle Nazioni Unite nel 2017 per ricordare l'importanza che questi insetti hanno per l'equilibrio dell'intera umanità.

PUBBLICITÀ

Domenica 20 maggio si celebra il primo World Bee Day, una giornata indetta dalle Nazioni Unite nel 2017 per ricordare l'importanza che questi insetti hanno per l'equilibrio dell'intera umanità. Una festa con eventi in tutto il mondo, dal Canada all’Australia passando dall’India e Malta.

Si stima che il 76% del cibo che mangiamo sia il frutto del lavoro di impollinazione dei piccoli insetti. Ma tutto questo sta scomparendo a causa dei cambiamenti climatici, dell’inquinamento, dell’uso intensivo di sostanze chimiche per l’agricoltura. senza le api salta il mantenimento della biodiversità.

Ma come grande pubblico, quanto le conosciamo queste api? Perche' ne abbiamo bisogno ?

I motivi sono diversi, innanzitutto per salvaguaradre 170mila specie di piante e poi per alimentare l'80% di frutta e verdura: insomma un terzo di ogni portata che mangiamo dipende da loro

Oggi si stimano circa 265 miliardi di api nel mondo di cui 22 solo in Europa.

E in Europa in particolare circa il 10% delle 2000 specie di api note è considerato a rischio di estinzione, Per questo la Fao e l'Organizzazione mondiale della Sanità, hanno sviluppato il Codice di condotta internazionale sulla gestione dei pesticidi per promuovere pratiche agricole sostenibili riducendo così l’esposizione degli insetti agli agenti chimici.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gaza: Netanyahu presenta piano post guerra, colloqui per una possibile tregua a Parigi

Guerra in Ucraina, le Nazioni Unite: ancora più di dieci milioni di sfollati

Cessate il fuoco a Gaza: veto degli Usa al Consiglio Onu, ma Washington propone la sua bozza