EventsEventi
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Macedonia del Nord: alle presidenziali vince Siljanovska-Davkova, è la prima donna presidente

Gordana Siljanovska-Davkova diventerà la prima donna presidente del Paese
Gordana Siljanovska-Davkova diventerà la prima donna presidente del Paese Diritti d'autore Boris Grdanoski/Copyright 2024 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Boris Grdanoski/Copyright 2024 The AP. All rights reserved
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Vince la coalizione "La tua Macedonia" a guida del Partito democratico per l'unità nazionale macedone al quale andranno 58 dei 120 seggi disponibili nel Parlamento di Skopje

PUBBLICITÀ

Con il 43,23 per cento dei voti è il Partito Democratico per l’Unità Nazionale Macedone (Vmro-Dpmne) a vincere le elezioni in Macedonia del Nord di mercoledì 8 maggio. Secondo i risultati della commissione elettorale nazionale il partito di centrodestra e nazionalista ha ottenuto la maggioranza con oltre 430mila preferenze contro il 15,36 per cento dell’Unione Socialdemocratica di Macedonia (Sdsm), di centrosinistra, filoeuropeo e alla guida dell’attuale coalizione di governo. La terza forza politica più votata è stata la coalizione Per un futuro europeo, composta da 17 partiti, ferma al 13,79 per cento.

La prima presidente donna in Macedonia del Nord

Per la prima volta nel Paese la presidente del Paese ex jugoslavo sarà una donna, la conservatrice Gordana Siljanovska-Davkova, appoggiata dal partito Vmro-Dpmne all'opposizione, che ha sconfitto con largo margine il capo di stato uscente, il socialdemocratico Stevo Pendarovski. 

"Non esiste riforma più grande di quella del primo presidente donna", ha detto Siljanovska-Davkova ai sostenitori del partito nella notte tra mercoledì e giovedì a margine del voto. 71 anni il prossimo 11 maggio, Siljanovska-Davkova è docente universitaria all'Università di Skopje e avvocato: prima di vincere le elezioni del 2024 si era candidata alle presidenziali del 2019 perdendo al ballottaggio contro Stevo Pendarovski. 

La strada in salita verso l'Ue

Il successo del fronte conservatore, largamente previsto alla vigilia dopo il primo turno vinto da Gordana Siljanovska-Davkova, è destinato ad avere un impatto sul cammino europeo della Macedonia del Nord. Il Paese, già membro della Nato, due anni fa ha avviato il negoziato di adesione alla Ue. 

Sia la futura presidente che il partito sono fortemente critici nei riguardi degli accordi raggiunti da Skopje negli anni scorsi con Grecia e Bulgaria. Per i conservatori e sovranisti le intese che hanno spianato la strada all'integrazione euroatlantica del Paese ex jugoslavo sono considerate una umiliazione per il popolo macedone. 

Siljanovska-Davkova e il leader di Vmro-Dpmne Hristijan Mickoski intendono prendere iniziative, compreso un referendum, per abolire il nome di Macedonia del Nord, imposto dall'accordo del 2018 con la Grecia, e tornare a quello di Macedonia. Entrambi si oppongono inoltre alle modifiche costituzionali richieste dalla Bulgaria per l'inclusione della minoranza bulgara in costituzione. Sofia le pone come condizione per non bloccare ulteriormente il cammino di Skopje verso l'integrazione nella Ue.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Macedonia del Nord, presidenziali: alla candidata conservatrice il primo turno

Macedonia del Nord, un incendio distrugge la Universal hall di Skopje: nessuna vittima

Macedonia del Nord: code alle stazioni di polizia per i nuovi passaporti