EventsEventi
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Macedonia del Nord, presidenziali: alla candidata conservatrice il primo turno

Elettori alle urne in Macedonia del Nord
Elettori alle urne in Macedonia del Nord Diritti d'autore Boris Grdanoski/Copyright 2024 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Boris Grdanoski/Copyright 2024 The AP. All rights reserved
Di Stefania De Michele
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il primo turno va alla candidata conservatrice Gordana Siljanovska Davkova. Con oltre il 90% dei voti scrutinati, Siljanovska-Davkova vince con quasi il 40% e stacca di venti punti percentuali il presidente uscente Stevo Pendarovski, sponsorizzato dal partito socialdemocratico (Sdsm) al potere

PUBBLICITÀ

Gli elettori in Macedonia del Nord hanno votato mercoledì per le presidenziali.
Il ballottaggio è in programma l’8 maggio unitamente alle elezioni parlamentari. 
Il primo turno va alla candidata conservatrice Gordana Siljanovska Davkova. Con oltre il 90 per cento dei voti scrutinati, Siljanovska-Davkova ha vinto con quasi il 40 per cento e ha staccato di venti punti percentuali il presidente uscente Stevo Pendarovski, sponsorizzato dal partito socialdemocratico (Sdsm) al potere. 

Al terzo posto c'è il ministro degli Esteri Bujar Osmani. Consensi minori agli altri quattro candidati in lizza. Secondo la commissione elettorale, l'affluenza alle urne è stata superiore al 49%, circa otto punti in più rispetto al primo turno delle elezioni presidenziali del 2019.

Adesione all'Ue e rapporti di cattivo vicinato con la Bulgaria

La campagna si è concentrata in gran parte sui progressi verso l'adesione all'Ue, lo stato di diritto e la lotta alla corruzione. Il primo turno delle elezioni presidenziali si è svolto in particolare nel mezzo dell'impasse, che dura da due anni, tra il governo e l’opposizione sui rapporti con la Bulgaria che blocca il suo percorso verso l’adesione all’Unione.

I rapporti di vicinato tra Sofia e Skopje non sono buoni. Nel 2022 la Bulgaria ha accettato la proposta di revocare il veto sull'integrazione, ma a una condizione: veto ritirato quando la Macedonia del Nord aggiungerà la minoranza bulgara alla costituzione del paese. I socialdemocratici al potere non avevano però i numeri in Parlamento per apportare le modifiche in costituzione. 

Il ballottaggio Siljanovska Davkova-Pendarovski

Nel ballottaggio dell'8 maggio la sfida è dunque nuovamente tra Pendarovski e Siljanovska Davkova. Nel 2019 prevalse il candidato socialdemocratico col 51 per cento delle preferenze contro il 44 per cento dell'avversaria. 

In vista del ballottaggio saranno importanti i voti raccolti dalle altre forze politiche che potranno confluire su uno dei due candidati.

Il Paese balcanico conta circa 2 milioni di abitanti ed è uno degli Stati nati dall'implosione dell'ex Federazione jugoslava. La Macedonia del Nord è membro della Nato dal 2020 e dal 2022 il Paese è impegnata nel negoziato di adesione all'Unione europea.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Macedonia del Nord, un incendio distrugge la Universal hall di Skopje: nessuna vittima

Macedonia del Nord: code alle stazioni di polizia per i nuovi passaporti

La Macedonia del Nord riuscirà a superare la sua dipendenza dal carbone?