Ecco perché le sanzioni dell'Ue non impediranno a Putin di restare al potere

Il Presidente russo Vladimir Putin gesticola mentre parla durante un'intervista con un'organizzazione mediatica statale russa a Mosca, Russia, 12 marzo 2024.
Il Presidente russo Vladimir Putin gesticola mentre parla durante un'intervista con un'organizzazione mediatica statale russa a Mosca, Russia, 12 marzo 2024. Diritti d'autore Gavriil Grigorov, Sputnik, Kremlin Pool Photo via AP
Diritti d'autore Gavriil Grigorov, Sputnik, Kremlin Pool Photo via AP
Di Clara Preve
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

La vittoria del presidente russo alle elezioni è scontata: gli oppositori, molti dei quali dietro le sbarre, esiliati all'estero o morti, dicono che i funzionari dell'Ue devono intensificare gli sforzi per colpire Mosca dove fa male

PUBBLICITÀ

I critici del presidente russo Vladimir Putin affermano che l'Ue deve fare di più per aiutarli a incrinare la presa delle élite sul potere, in vista di un'elezione presidenziale così strettamente controllata dall'attuale presidente del Cremlino da non lasciare spazio ad alcuna opposizione.

Le elezioni si svolgono dopo che Mosca, nelle ultime settimane, ha guadagnato un territorio significativo in Ucraina. Nel frattempo l'élite al potere si arricchisce, la Russia vende petrolio a un prezzo superiore al tetto stabilito dal G7, l'esercito di Mosca si assicura tecnologia militare sanzionata attraverso i Paesi alleati e la voce del più feroce critico di Putin, Alexei Navalny, è stata messa a tacere per sempre il mese scorso, quando è morto nella colonia penale in cui era detenuto.

La Russia sarà anche il Paese più sanzionato al mondo, ma "ci sono stati molti errori" nelle misure restrittive attuate dagli alleati occidentali, ha dichiarato a Euronews il politico russo e leader dell'opposizione Dmitry Gudkov. Le sanzioni, ha aggiunto, hanno avvantaggiato Putin e stanno danneggiando i cittadini russi.

I funzionari europei si stanno rendendo conto solo ora che "qualcosa è andato storto", ha aggiunto Gudkov. Il mese scorso un tribunale di Mosca ha impedito al principale sfidante di Putin, Boris Nadezhdin, un oppositore della guerra in Ucraina, di candidarsi alle elezioni.

Gudkov, leader del Partito dei Cambiamenti all'opposizione, è stato esiliato in Ucraina nel 2021 dopo essere stato detenuto - e rilasciato poco dopo - per quello che sostiene essere un "falso caso penale" contro di lui. A febbraio un tribunale di Mosca ha emesso un mandato di arresto nei suoi confronti con l'accusa di aver diffuso informazioni false sull'esercito russo. L'ex politico rischia fino a 10 anni di carcere.

Dmitry Gudkov durante un intervento alla Duma nel 2015
Dmitry Gudkov durante un intervento alla Duma nel 2015Provided by Dmitry Gudkov

Per i dissidenti russi l'illegittimità di Putin non dovrebbe essere messa in discussione: il leader russo è oggetto dal marzo 2023 di un mandato di arresto della Corte penale internazionale per crimini di guerra commessi in Ucraina. Il referendum del 2020 che gli ha permesso di candidarsi per altri due mandati presidenziali di sei anni è stato considerato una farsa dagli osservatori internazionali, e queste elezioni si svolgeranno nei territori illegalmente annessi di Donetsk, Luhansk, Kherson e Zaporizhzhia.

Come mai l'Occidente non è riuscito ad applicare le sanzioni in modo efficace?

Secondo Rasa Juknevičienė, membro del Parlamento europeo della Lituania, l'Ue non ha una "struttura efficace" per attuare le sanzioni contro la Russia a causa della mancanza di esperienza del blocco. Il mese scorso l'Unione a 27 ha presentato il tredicesimo pacchetto di sanzioni contro la Russia per limitare ulteriormente l'accesso di Mosca alle tecnologie militari e impedire l'elusione delle sanzioni.

Ma i leader occidentali, ha aggiunto Juknevičienė, "hanno paura di punire Putin, di schiacciare il regime di Putin e di fornire tutto il sostegno necessario all'Ucraina".

Secondo Forbes la ricchezza complessiva dei russi più ricchi è aumentata di 152 miliardi di dollari (139 miliardi di euro) dal 2022. Parlando ai ministri degli Esteri dell'Ue a febbraio, la vedova di Navalny, Yulia Navalnaya, ha affermato che le sanzioni non hanno colpito abbastanza l'élite russa. Sostiene che hanno trasferito i loro beni a parenti e amici per evitare il sequestro dei loro beni. "Gli amici di Putin stanno semplicemente ridendo di voi", ha detto Navalnaya.

Secondo il Consiglio Atlantico, dall'invasione su larga scala dell'Ucraina la Russia è stata in grado di vendere petrolio al di sopra del tetto di 60 dollari al barile stabilito dai Paesi del G7 nel dicembre 2022. Il Cremlino movimenta oltre il 70% del suo petrolio "attraverso una flotta ombra".

Un rapporto dei ricercatori del King's College di Londra ha rilevato che la Russia è riuscita a eludere le sanzioni importando i prodotti vietati attraverso Paesi amici come Georgia, Bielorussia e Kazakistan.

"Le sanzioni non funzionano, e questo è ovvio per l'Occidente", ha dichiarato a Euronews la dissidente russa Anastasia Shevchenko. Pur ritenendo che il concetto di sanzioni in generale possa essere efficace, Shevchenko sostiene che gli alleati hanno "molto lavoro da fare" per influenzare Putin.

Come può l'Unione europea aiutare l'opposizione russa?

Shevchenko è stata la prima persona in Russia a essere perseguita penalmente in base alla legge del Cremlino sulle "organizzazioni indesiderabili". Durante il periodo di detenzione la figlia maggiore, Alina, si è ammalata. Le autorità russe permisero ad Anastasia di vedere la figlia solo poche ore prima che morisse.

Per Shevchenko una delle cose più importanti che i funzionari europei possono fare nelle prossime elezioni è riconoscere il regime di Putin come illegittimo. "Questo è un punto cruciale per noi", ha detto Shevchenko a Euronews.

Anastasia Shevchenko at a protest in Rostov, Russia, to demand the release of Oleg Navalny, brother of Alexei Navalny, in 2016.
Anastasia Shevchenko at a protest in Rostov, Russia, to demand the release of Oleg Navalny, brother of Alexei Navalny, in 2016.Provided by Anastasia Shevchenko.

Nelle elezioni del 2018, Paesi come Stati Uniti, Ungheria e Israele si sono congratulati con Putin per la sua rielezione. Francia e Germania hanno riconosciuto la sua vittoria, ma si sono astenuti dal congratularsi. Anche i dissidenti sottolineano la necessità di un sostegno occidentale ai russi sfuggiti al regime.

Dimitri Androssow, un critico di Putin che attualmente vive a Berlino, ha dichiarato a Euronews che in varie parti del mondo i russi sono stati esclusi da alcuni programmi. Tra questi uno stage nel Bundestag tedesco che ha cambiato la sua carriera 10 anni fa, ma che è stato vietato ai cittadini russi in seguito all'aggressione del Paese all'Ucraina due anni fa.

"L'Occidente dovrebbe concentrarsi su coloro che osano mostrare in qualche modo di essere contro questo regime - ha detto Androssow -. Questo è il nostro futuro. Questa è la possibilità democratica per la Russia. Bisogna sostenere le persone che sono contro questo regime e che non hanno paura di parlarne".

Androssow è un membro del consiglio di amministrazione del Partito della Libertà Popolare della Russia. Ha lasciato il Paese nel 2022 a causa di persecuzioni politiche. Per l'ormai esiliato Gudkov i funzionari dell'Ue dovrebbero includere anche i dissidenti russi nella definizione della politica delle sanzioni. Gudkov sostiene di aver presentato alcune proposte ai colleghi europei, ma non sono state prese in considerazione.

PUBBLICITÀ

"Nessuno conosce Putin meglio di noi. Nessuno conosce il nostro Paese meglio di noi. Nessuno conosce le élite e la società civile russa meglio di noi - ha dichiarato Gudkov -. Ma sfortunatamente, la nostra esperienza non viene presa in considerazione mentre vengono attuate alcune delle politiche sanzionatorie".

Spingere per il cambiamento dall'esilio

Nel frattempo i leader dell'opposizione hanno invitato i russi a presentarsi alle urne il 17 marzo a mezzogiorno e a scrivere "Navalny" o a strappare la scheda elettorale come forma di protesta. Anche se questo non avrà un effetto diretto sul regime, l'obiettivo è quello di "influenzare la percezione di queste cosiddette elezioni - ha detto Gudkov-. A livello nazionale questo minerà la legittimità di Putin. Vogliamo dimostrare che molte persone che scendono in strada e si recano ai seggi elettorali sono contro Putin e la guerra. È l'unico modo sicuro per manifestare ed esprimere la propria posizione senza essere arrestati".

Shevchenko ha detto di vedere già un cambiamento nella società russa. Le immagini e i video del funerale di Navalny di questo mese hanno mostrato centinaia di persone in coda per rendere omaggio al leader dell'opposizione, nonostante le minacce di arresto da parte della polizia russa. "Quando la gente vede quante persone come loro sono in giro, si libera dalla paura - ha detto Shevchenko -. Passo dopo passo, smettono di avere paura".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Elezioni in Russia: oltre 110 milioni al voto, Putin unico favorito

Elezioni in Russia: Putin trionfa ma crolla l'affluenza

Stato dell'Unione: i problemi che alimentano la rabbia antidemocratica