Il governo ucraino: "Le Big Tech potrebbero rendere la vittoria sulla Russia molto più veloce"

Mykhailo Fedorov, ministro ucraino per le innovazioni, lo sviluppo dell'istruzione, della scienza e delle tecnologie.
Mykhailo Fedorov, ministro ucraino per le innovazioni, lo sviluppo dell'istruzione, della scienza e delle tecnologie. Diritti d'autore Efrem LukatskySource:APCopyright
Diritti d'autore Efrem LukatskySource:APCopyright
Di Pascale Davies
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Euronews Next ha parlato con il ministro per il digitale ucraino Mykhailo Fedorov, la mente dietro le difese tecnologiche del Paese

PUBBLICITÀ

Dall'esercito di droni che protegge i confini dell'Ucraina ai messaggi quotidiani sui social media del presidente Volodymyr Zelenskyy la tecnologia ha salvato vite umane e aiutato il Paese a resistere all'invasione su larga scala della Russia.La mente dietro queste tattiche è Mykhailo Fedorov, un ex esperto di marketing digitale di 33 anni, diventato ministro della trasformazione digitale dell'Ucraina.

"Non abbiamo un numero di persone pari a quello della Federazione Russa, questa è semplice aritmetica - dice a Euronews Next in un'intervista via Zoom da Kiev -. È per questo che la tecnologia ha un vantaggio competitivo molto specifico che ci permette di fermare il nemico dove si trova e di agire in modo asimmetrico".

Secondo Fedorov le tecnologie senza equipaggio hanno cambiato le carte in tavola. I droni autodetonanti dell'Ucraina sono stati un'arma economica ed efficace nella guerra per raccogliere informazioni e distruggere le costose attrezzature militari della Russia. Nelle ultime settimane i droni ucraini hanno attaccato le strutture petrolifere russe e hanno dato la caccia alle navi russe in mare aperto e nelle basi navali.

La guerra elettronica

I droni autodetonanti sono un punto fermo dell'arsenale dell'Ucraina. Ma la Russia dispone di forti contromisure elettroniche, tra cui apparecchiature di disturbo che possono disturbare i segnali ucraini bloccando o interferendo con le comunicazioni wireless utilizzate dai suoi droni.

Fedorov afferma che la scuola di ingegneria del Paese sta sfornando una schiera di ingegneri esperti di codifica, che stanno dimostrando il loro valore nel conflitto con la Russia. Secondo il ministro l'Ucraina ha aperto il mercato e ha creato una forte concorrenza con le aziende private. Rimanere al passo con le ultime tecnologie è fondamentale, perché "si tratta di una guerra tecnologica che si evolve molto rapidamente", dice Fedorov.

Ma i disturbi russi ai sistemi gps sono stati segnalati anche nell'estremo nord dell'Europa, nella regione del Circolo Polare Artico, dove Norvegia e Finlandia confinano con la Russia.

Un soldato ucraino prepara un drone da lanciare sulla linea del fronte nel villaggio di Robotyne, in Ucraina, venerdì 1 marzo 2024
Un soldato ucraino prepara un drone da lanciare sulla linea del fronte nel villaggio di Robotyne, in Ucraina, venerdì 1 marzo 2024AP Photo/Andriy Andriyenko

Alla domanda se i Paesi della Nato debbano preoccuparsi dei disturbi russi, Fedorov risponde così: "I nostri partner dovrebbero seguire quanto sta accadendo in Ucraina, perché il ritmo del cambiamento è incredibile. Se non si tiene il passo di questo continuo ritmo di adattamento bellico e la propria produzione non si adatta quotidianamente a questo ritmo, è molto difficile recuperare in seguito".

Ci sono anche altre sfide, come la saturazione della difesa aerea, in particolare l'uso da parte della Russia dei droni iraniani "Shahed", che volano verso il bersaglio ed esplodono all'impatto. Per questo motivo l'Ucraina sta offrendo ai suoi alleati e alle sue aziende un terreno di prova per testare le sue difese e persino i test sul campo di battaglia.

L'intelligenza artificiale come arma

Anche l'intelligenza artificiale sta giocando un ruolo nella guerra elettronica: si tratta di una guerra centrata sulla rete, con molta tecnologia digitale, come i sensori utilizzati per i sistemi di consapevolezza del campo di battaglia e in tempo reale.

"L'intelligenza artificiale consente di riconoscere gli eventi sul campo di battaglia e di rispondere di conseguenza, il che significa che in futuro dovremo aspettarci un maggiore utilizzo di sistemi abilitati all'intelligenza artificiale", dice Fedorov

Ma l'intelligenza artificiale dei droni è ancora agli inizi e non è in grado di condurre un drone al suo obiettivo su una traiettoria completa. Per risolvere questo problema, Fedorov dice che stanno analizzando costantemente i dati provenienti dal campo di battaglia e stanno testando sul campo alcune nuove tecnologie per la guerra elettronica.

Fedorov afferma che la Russia sta utilizzando droni assistiti dall'IA e l'IA nelle applicazioni di visione computerizzata per consentire l'acquisizione dei bersagli dei droni ucraini, nonché l'apprendimento automatico.

Portare la Big Tech sul campo di battaglia

Dall'inizio dell'invasione del 2022 Fedorov ha chiesto alle Big Tech di sostenere l'Ucraina nella guerra, esortando gli amministratori delegati di YouTube, Apple, Google e Netflix a bloccare o limitare i servizi russi. Ha anche usato X, all'epoca noto come Twitter, per chiedere all'amministratore delegato di SpaceX, Elon Musk, di attivare la sua rete Starlink in Ucraina per fornire Internet via satellite.

"Mentre voi cercate di colonizzare Marte, la Russia cerca di occupare l'Ucraina! - ha scritto Fedorov il 26 febbraio 2022 -. Vi chiediamo di fornire all'Ucraina le stazioni Starlink". Fedorov è stato accontentato e i terminali Internet satellitari si sono rivelati fondamentali per le operazioni militari, ma anche per gli ospedali e le attività commerciali.

Anche altri giganti della tecnologia, come Microsoft e Ibm, hanno offerto il loro sostegno all'Ucraina. Fedorov afferma che il Paese è grato per il sostegno, ma che "ha sicuramente bisogno di maggiore assistenza" da parte delle aziende tecnologiche.

Mykhailo Fedorov
Mykhailo FedorovEfrem Lukatsky- The Associated Press. All rights reserved.

"Capiamo che la vita va avanti e che a volte l'Ucraina entra ed esce dai titoli dei giornali, ma allo stesso tempo dobbiamo ricordare che gli attacchi russi continuano, che la gente continua a morire e che questa è una guerra orrenda - dice Fedorov -. Se le grandi aziende tecnologiche facessero uno sforzo nella tecnologia di difesa e nel supporto all'Ucraina, saremmo molto, molto più potenti della Russia".

A suo avviso il Paese ha bisogno di sostegno per i servizi cloud e per poter aprire strutture di ricerca e sviluppo, che potrebbero consentire lo sviluppo di tecnologie a duplice uso e un luogo per lo scambio di competenze e risorse. Alla domanda su quale messaggio vorrebbe trasmettere alle Big Tech, Fedorov risponde così: "Di essere più coinvolti e di capire che abbiamo una guerra importante e che questo riguarda tutti. Se siamo uniti possiamo fermare tutto questo molto più velocemente. Ma dobbiamo essere uniti".

La guerra dell'informazione

Un altro modo in cui le aziende tecnologiche globali possono unirsi per sostenere l'Ucraina è quello di combattere la disinformazione e l'informazione scorretta. "Lavoriamo con aziende internazionali che ci aiutano a bloccare le reti bot e le reti di canali russi", ha dichiarato Fedorov, aggiungendo che il Paese potrebbe ancora avere bisogno di un maggiore aiuto da parte delle aziende tecnologiche di tutto il mondo per limitare le capacità della Russia.

PUBBLICITÀ

Fedorov sostiene che al momento l'Ucraina dispone di organi governativi ufficiali che rispondono rapidamente alla disinformazione per evitare che "la propaganda russa prenda piede". Un altro punto di forza sono i cittadini del Paese, che sono esperti nel contrastare la disinformazione, comunque molto potente e in continua evoluzione.

Tuttavia, secondo l'esperto, la cosa più importante nella guerra dell'informazione è la comunicazione nazionale attraverso il presidente Zelenskyy, che "è un comunicatore molto potente. Ogni giorno il presidente si presenta al suo popolo e parla delle cose che sono successe".

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy
Il presidente ucraino Volodymyr ZelenskyyUkrainian Presidential Press Office via AP

Non è solo Zelenskyy ad aver scalato i ranghi fino a diventare un'icona globale per la sua forte leadership durante un'invasione da parte di uno dei Paesi più potenti del mondo. Anche Fedorov è passato dall'essere il più giovane ministro ucraino all'architetto della strategia di difesa digitale dell'Ucraina. Già prima della guerra aveva fatto scalpore il lancio di Diia, un'applicazione per creare un sistema di governance più conveniente.

L'applicazione fornisce ai cittadini un ID digitale e consente loro di registrare un'impresa o di ottenere molti altri servizi governativi. Ma durante la guerra ha creato altre funzioni, come la possibilità di presentare un reclamo se le case sono danneggiate dai bombardamenti russi, ottenere assistenza per l'evacuazione e inviare rapporti e video sui movimenti delle truppe russe.

È stato persino utilizzato per trasmettere una finale di Coppa del Mondo durante un blackout. "Dopo la guerra, vogliamo consolidare il nostro status di Stato più cool in termini di trasformazione digitale - dice Fedorov -. Ma vogliamo anche diventare un'azienda di tendenza nel settore della difesa e della tecnologia militare per i decenni a venire, perché la nostra esperienza è preziosa per il mondo, per ogni singolo Paese. Questo può diventare una parte importante della nostra economia in futuro".

PUBBLICITÀ

Video editor • Roselyne Min

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Quali paesi hanno vietato TikTok e perché?

Il nuovo patto Ue per la migrazione "inaugurerà un'era mortale di sorveglianza digitale"

Forse una svolta per Assange: Biden apre alla possibilità di far cadere le accuse