La scienza dà ragione alla saggezza popolare: non coprirsi quando fa freddo fa ammalare di più

Image
Image Diritti d'autore The Cube
Diritti d'autore The Cube
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Nel 2022 alcuni ricercatori statunitensi hanno scoperto che l'aria fredda danneggia la risposta immunitaria dei nostri nasi, favorendo la propagazione dei germi

PUBBLICITÀ

Avrete probabilmente sentito dire che bisogna coprirsi quando le temperature si abbassano per evitare di prendere il raffreddore.

Ma è vero? Il freddo in quanto freddo può farvi ammalare?

Nel momento in cui le temperature si abbassano, può sembrare che tutti intorno a voi starnutiscano e tossiscano all'improvviso. Ma batteri e virus sono presenti tutto l'anno, quindi come mai l'influenza o il raffreddore sono più comuni in inverno?

Nel 2022 gli scienziati hanno scoperto il motivo per cui le malattie respiratorie sono più frequenti quando fa freddo. Il motivo principale: l'aria fredda danneggia la risposta immunitaria del nostro naso, creando una situazione favorevole alla propagazione dei germi.

Alcuni ricercatori statunitensi hanno scoperto che quando la temperatura all'interno del naso scende di 5 gradi Celsius, passando da 37 a 32 gradi, le pareti nasali si indeboliscono. Questo perché il calo di temperatura uccide quasi il 50% dei miliardi di batteri buoni di cui abbiamo bisogno per combattere i virus.

"Il nostro studio dimostra che una volta che una popolazione virale è presente nella comunità, le difese che abbiamo per combatterla si abbassano durante la stagione fredda. Anche un cambiamento di temperatura di cinque gradi, quindi una diminuzione da 37 a 32 gradi, può portare a una riduzione delle nostre difese per quanto riguarda le infezioni", spiega a Euronews Mansoor Amiji, presidente del Dipartimento di Scienze farmaceutiche della Northeastern university.

Con una precisazione importante: "La presenza del virus è fondamentale. Non è possibile contrarre un raffreddore senza che il virus sia presente nell'ambiente", aggiunge Amiji. 

Questo studio contraddice ricerche precedenti che concludevano che il freddo non ha ripercussioni sul nostro sistema immunitario.Ma appunto è comunque necessario entrare in contatto con un rhinovirus per prendere il raffreddore o essere infettati dall'influenza per ammalarsi di influenza.

Quindi, se indossare un cappello o non uscire con i capelli bagnati non impedisce di ammalarsi, qual è il metodo migliore?

Ebbene, la pandemia ha reso popolare un oggetto importante che aiuta a combattere questi fastidiosi germi: la mascherina

"L'unica cosa utile che abbiamo scoperto, è qualcosa che già facciamo in molte parti del mondo, cioè indossare la mascherina, anche se il Covid-19 si è attenuato ed è scemata la preoccupazione. Quello che fa la maschera è, soprattutto se si utilizza una maschera più spessa, tenere il naso caldo. E solo questo è di per sé protettivo. Così si evita che le particelle entrino, ma si mantiene anche il naso caldo, in modo che le difese rimangano più forti".

In attesa di farmaci nasali topici in grado di impedire l'abbassamento della temperaturaall'interno del naso, a quanto pare il miglior metodo è coprirsi il naso e indossare una mascherina.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Spagna, ondata influenzale e picco di casi Covid: mascherina obbligatoria negli ospedali

Pronto soccorso al collasso in Italia e in Spagna: troppi ricoveri per virus influenzali e Covid

Il "raffreddore lungo", sintomi anche dopo 11 settimane. Una situazione da non sottovalutare