EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

L'accordo migratorio Italia-Albania è "al di fuori" del diritto dell'Ue, dice la commissaria Ylva Johansson

In base al protocollo, l'Italia esaminerà fino a 36.000 richieste di asilo in due centri costruiti in territorio albanese.
In base al protocollo, l'Italia esaminerà fino a 36.000 richieste di asilo in due centri costruiti in territorio albanese. Diritti d'autore TIZIANA FABI/AFP or licensors
Diritti d'autore TIZIANA FABI/AFP or licensors
Di Jorge Liboreiro
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

L'accordo stipulato tra Italia e Albania per esternalizzare il trattamento delle richieste di asilo non viola il diritto dell'Unione europea perché si colloca "al di fuori" del diritto comunitario, ha dichiarato la commissaria europea Ylva Johansson

PUBBLICITÀ

"La valutazione preliminare del nostro servizio legale è che non si tratta di una violazione del diritto dell'Unione europea, ma di una materia al di fuori del diritto comunitario", ha dichiarato Ylva Johansson, responsabile del portafoglio degli Affari interni.

I commenti arrivano più di una settimana dopo che la premier italiana, Giorgia Meloni, e il suo omologo albanese, Edi Rama, hanno firmato un protocollo che esternalizzerà il trattamento di un massimo di 36.000 domande di asilo all'anno al Paese balcanico.

La procedura si applicherà ai migranti soccorsi in mare dalle autorità italiane e poi sbarcati nella città costiera albanese di Shëngjin, dove saranno costruiti due centri a spese di Roma e sottoposti esclusivamente alla giurisdizione italiana.

I migranti ospitati negli hub non potranno lasciare i locali in attesa dell'esame delle loro richieste, che non dovrebbe durare più di 28 giorni. 

Secondo Meloni, saranno esclusi le donne incinte, i bambini e le persone vulnerabili.

La data di avvio è stata fissata per la primavera del 2024, anche se il protocollo deve ancora essere tradotto in atti giuridici veri e propri e sottoposto alla ratifica del Parlamento albanese.

"Considero questo un accordo di portata europea", ha detto Meloni, accanto a Rama.

Se alla fine verrà applicato, l'accordo segnerà la prima volta che uno Stato membro dell'Unione europea scarica parte delle sue responsabilità in materia di asilo a un Paese terzo, un'idea che è stata ventilata da Danimarca e Austria in reazione al piano Regno Unito-Rwanda, ritenuto illegale dalla Corte Suprema britannica.

Il progetto dell'Italia ha sollevato preoccupazioni circa l'applicazione extraterritoriale del diritto dell'Ue, poiché le domande presentate nei centri albanesi saranno presentate con l'obiettivo di ricevere protezione internazionale in Italia, non in Albania.

"Il diritto dell'Ue non è applicabile al di fuori del territorio dell'Unione", ha dichiarato Johansson.

Ma, ha aggiunto, data l'appartenenza dell'Italia al blocco e l'adozione obbligatoria di una legislazione comune, le regole che si applicheranno all'interno dei centri albanesi saranno effettivamente di natura europea e imiteranno il quadro che si applica sul territorio italiano.

"Se si applicano le leggi italiane, le persone dovrebbero essere esaminate secondo le leggi italiane dalle autorità italiane e, dopo una decisione (positiva) in materia di asilo, essere portate in Italia o, in caso contrario, nel Paese di origine e, se non è possibile, in Italia - ha aggiunto Johansson - l'Italia sta rispettando il diritto dell'Unione europea, quindi le regole sono le stesse, ma dal punto di vista legale non è la legge dell'Ue, bensì la legge italiana che segue la legge dell'Ue".

I commenti di Johansson, tuttavia, non risolvono completamente l'incertezza giuridica che circonda il protocollo: non è ancora chiaro se l'Italia sarà autorizzata a discostarsi dalle norme Ue in territorio albanese e ad applicare una procedura di asilo diversa ai richiedenti trasferiti nei centri. 

Non è nemmeno chiaro se le potenziali violazioni che si verificheranno all'interno dei centri possano portare a un'azione legale da parte della Commissione europea, dal momento che l'esecutivo sembra aver preso le distanze dall'attuazione dell'accordo.

Un'altra questione ancora da chiarire è se l'Italia sarà autorizzata a trasferire in un Paese terzo i migranti salvati nelle acque italiane, considerate parte del suo territorio sovrano, rispetto a quelli salvati in acque internazionali.

La valutazione legale è preliminare e non è ancora stata resa pubblica: Euronews ha contattato la Commissione europea, chiedendo ulteriori informazioni.

Amnesty International aveva già avvertito che il protocollo Italia-Albania "potrebbe avere conseguenze devastanti per i richiedenti asilo, che potrebbero essere sottoposti a lunghe detenzioni e ad altre violazioni, al di fuori del controllo delle autorità giudiziarie italiane".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Accordo Italia-Albania sui migranti: l'Europa tra dubbi legali e Paesi pronti a seguire l'esempio

Guerra in Ucraina, "Serve almeno un decennio per bonificare i territori dalle mine"

Ucraina, la battaglia dei volontari per salvare gli animali abbandonati