EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

I lavoratori europei sempre più in difficoltà

L'inflazione nell'Unione europea ha raggiunto il 9,2% nel 2022
L'inflazione nell'Unione europea ha raggiunto il 9,2% nel 2022 Diritti d'autore Frank Augstein/AP/File
Diritti d'autore Frank Augstein/AP/File
Di Isabel Marques da Silva
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Un rapporto dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico evidenza la riduzione del potere d'acquisto negli Stati europei, tra inflazione e rialzo dei tassi

PUBBLICITÀ

I lavoratori di tutta Europa sono stretti in una tenaglia: mentre l'inflazione comprime il valore dei loro salari, le tasse sul lavoro aumentano. L'allarme arriva da un rapporto dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, che ha registrato una diminuzione del potere d'acquisto in 35 dei suoi 38 stati membri.

Tassi di interesse no, tassa sugli extra-profitti sì

L'aumento dei tassi d'interesse deciso dalla Banca centrale europea non fa che peggiorare le cose, spiega Esther Lynch, vice-segretaria generale della Confederazione europea dei sindacati.

"L'aumento dei tassi di interesse è la soluzione sbagliata. Non fa che colpire più duramente i lavoratori e le famiglie. Molte famiglie hanno contratto prestiti per vari motivi, come l'acquisto di un'automobile, e ora ci sono pure le bollette dell'elettricità. Quando si aumentano i tassi di interesse, una situazione già difficile diventa impossibile da gestire".

"Bisognerebbe aumentare le tasse straordinarie sugli extra-profitti delle aziende"
Esther Lynch
Vice-segretaria generale della Confederazione europea dei sindacati

L'anno scorso, l'aumento dei prezzi di affitti, servizi pubblici, trasporti e generi alimentari è stato superiore a quello dei salari di tre o quattro volte. L'inflazione totale nell'Unione europea ha raggiunto il 9,2%, mentre gli stipendi sono cresciuti del 4,4%.

Piuttosto, dice Lynch, sarebbe necessario estendere ad altri settori la tassa temporanea sugli extra-profitti delle società di combustibili fossili decisa a livello europeo lo scorso settembre.

"Bisognerebbe aumentare le tasse straordinarie sugli extra-profitti, perché molte aziende durante il 2022 hanno aumentato i fatturati, raddoppiando i propri profitti senza alcun aumento delle tasse".

Mancanza di concorrenza alla base dell'aumento dei prezzi

Ma per il commissario europeo al Lavoro e ai Diritti sociali Nicolas Schmit, non è necessario alcun nuovo strumento finanziario anticrisi. Servirebbe piuttosto dare un sostegno mirato ai più vulnerabili e contrastare le pratiche sleali in alcuni settori.

"In alcuni settori c'è una mancanza di concorrenza, con profitti straordinari ottenuti a causa dell'inflazione. Questa è la ragione dell'aumento dei prezzi in alcuni settori e deve essere affrontata. Anche attraverso una maggiore concorrenza su differenti mercati".

Secondo il rapporto, a subire in maniera più pesante le conseguenze di questa congiuntura economica sono le famiglie con bambini e bassi livelli di reddito: i benefici fiscali di cui dovrebbero godere nei rispettivi Paesi non sono adeguati all'inflazione.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Cosa farà l'inflazione nei prossimi mesi?

Cos'è la "sgrammatura", la risposta dei supermercati olandesi all'inflazione

Cos'è l'inflazione di fondo e come incide sullo stato dell'economia europea