EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Concessioni balenari, altra bocciatura dall'Unione europea

Secondo Federbalenari, è necessaria una riforma del settore che tenga in considerazione le attuali concessioni
Secondo Federbalenari, è necessaria una riforma del settore che tenga in considerazione le attuali concessioni Diritti d'autore IVAN TORTORELLA/AP
Diritti d'autore IVAN TORTORELLA/AP
Di Ana LAZAROVincenzo Genovese
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La corte di giustizia dell'Ue condanna il rinnovo automatico e raccomanda una procedura di selezione imparziale e trasparente

PUBBLICITÀ

Un'altra stroncatura per l'Italia sul tema delle concessioni balneari arriva dall'Unione europea.

Questa volta non da Bruxelles, ma da Lussemburgo, dove la Corte di giustizia dell'Ue ha ribadito che ogni Stato deve applicare una procedura di selezione imparziale e trasparentetra i candidati alla gestione delle proprie spiagge.

Strigliate dall'Europa

La sentenza riguarda un caso particolare, quello di Ginosa, in provincia di Taranto, ma serve come monito per un governo che ha prorogato le concessioni attualmente in vigore fino alla fine del 2024.

Sul tema potrebbe arrivare presto anche una procedura d’infrazione europea, per violazione della direttiva Bolkestein del 2006 sulla concorrenza.

"La presidente del Consiglio ha garantito che le autorità italiane assicureranno molto rapidamente l'attuazione della legislazione europea"
Sonya Gospodinova, portavoce della Commissione Europea

Giorgia Meloni sembra aver promesso a Bruxelles di risolvere a breve la questione, ma non sarà facile per la premier superare la resistenza degli altri partiti che compongono il suo esecutivo, e che ancora oggi difendono la continuità lavorativa dei proprietari degli stabilimenti balneari.

Intanto il settore spera in soluzioni di compromesso, come spiega a Euronews Marco Maurelli, presidente di Federbalneari.

"Ci sono ovviamente delle criticità perché se una componente così importante della nostra economia, tra l'altro prevalentemente a gestione familiare, si dovesse fermare dall'oggi al domani, avremmo delle difficoltà economiche notevoli. Ma anche difficoltà di organizzazione del sistema turistico. Su questo faccio appello al Parlamento e al governo, per delle soluzioni normative e una riforma organica di settore".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Rimpatri sì, ricollocamenti no, muri forse: la nuova politica migratoria dell'Ue

I finanziamenti deI Pnrr colmeranno il divario tra nord e sud in Italia?

Dall'Italia una multa da 1,2 miliardi ad Amazon: "Gravi danni alla concorrenza"