I piani della Svezia, presidente di turno dell'Unione europea

Svezia, presidente di turno dell'Ue
Svezia, presidente di turno dell'Ue Diritti d'autore European Union, 2022.
Di euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Tra le priorità ci sono sicurezza e crisi energetica

PUBBLICITÀ

Per la terza volta dall'adesione all'Unione europea, la Svezia assume la presidenza di turno del Consiglio dell'Unione europea.

Per i prossimi sei mesi, il paese nordico avrà il compito di definire l'agenda politica e guidare il dibattito tra gli Stati membri, un duro lavoro che è diventato ancora più difficile nel mezzo del moltiplicarsi delle crisi.

Il nuovo governo di coalizione di destra, composto da tre partiti e guidato dal primo ministro Ulf Kristersson, ha promesso di difendere i diritti fondamentali del blocco anche sulla scia dell'invasione russa dell'Ucraina.

Ma il sostegno che i Democratici svedesi di estrema destra stanno prestando alla coalizione di minoranza ha gettato un'ombra sull'inaugurazione della presidenza, con esperti e diplomatici che si chiedono quanto il partito euroscettico farà sentire la sua presenza a livello europeo

Stoccolma insiste sul fatto che i Democratici svedesi non fanno parte del governo e l'accordo di fiducia si concentra su questioni interne, non sulla politica dell'Ue.

"La presidenza svedese sarà attiva e offrirà una leadership costruttiva per approfondire i punti di forza dell'Unione europea e trovare compromessi", ha detto Kristersson al parlamento nazionale, il Riksdag, lo scorso mese mentre presentava il programma del suo governo. "Tuteleremo gli interessi europei comuni di fronte alla diversità degli Stati membri".

Tra le sfide e difficoltà, la Svezia ha scelto quattro punti come priorità principali per il suo semestre di presidenza: sicurezza, competitività, energia e valori democratici.

Sulla sicurezza, Stoccolma vuole garantire che i paesi dell'Ue mantengano intatto - o addirittura aumentino - il sostegno economico e militare all'Ucraina. Per il 2023, l'Ue dovrebbe erogare regolarmente 18 miliardi di euro, denaro fondamentale per coprire il crescente deficit di bilancio dell'Ucraina e sostenere i servizi pubblici di base.

Altro tema in cima all’agenda è la competitività. In poche parole l'Europa deve mantenere un ruolo di primo piano per gli investitori esteri.

Alcuni leader europei, come il presidente francese Emmanuel Macron e il primo ministro italiano Giorgia Meloni, stanno chiedono una revisione delle norme sugli aiuti di stato decennali del blocco, che hanno lo scopo di garantire una concorrenza leale tra piccoli e grandi Stati membri . 

Per sapere tutto guardate il nostro video.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Svezia: finta esecuzione di Erdogan fa infuriare la Turchia

Svezia, al via il processo d'appello a carico di Hamid Nouri

State of the Union: Decisioni su clima, trasparenza e migrazione