Eva Kaili rimossa dall'incarico di vice-presidente del Parlamento europeo

Eva Kaili
Eva Kaili Diritti d'autore AP Photo
Diritti d'autore AP Photo
Di euronews e ansa
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'eurodeputata greca era già stata sospesa dal suo gruppo ed espulsa dal suo partito. In attesa della prima udienza davanti al giudice, la sua carriera politica sembra già tramontata

PUBBLICITÀ

L'eurodeputata greca Eva Kaili, coinvolta nello scandalo di corruzione legato al Qatar, è stata rimossa dalla vice-presidenza del Parlamento europeo

L'aula di Strasburgo ha approvato l'attivazione dell'**art.21 del regolamento dell'Eurocamera a larga maggioranza:**625 voti a favore, due astenuti e solo un contrario, il croato Mislav Kolakušić.

Una carriera stroncata

In precedenza Kaili era stata espulsa dal suo partito, il greco Pasok, e sospesa dal suo gruppo politico al Parlamento, i Socialisti e Democratici. Ora perde la vice-presidenza, ma conserverà il seggio di europarlamentare, che può essere revocato solo dalle autorità nazionali.

L'ex vice-presidente è chiamata ora a rispondere alla Camera di consiglio di un tribunale belga per una prima udienza: sarà il giudice a decidere se resterà detenuta fino al processo o meno. Il suo avvocato ha affermato che è "innocente", e "non ha nulla a che fare con le tangenti del Qatar". La giustizia farà il suo corso, ma la sua carriera politica sembra già finita.

Intanto, con un ex eurodeputato e un assistente parlamentare coinvolti nell'indagine, in molti temono che la vicenda di Kaili sia solo solo la punta dell'iceberg di uno scandalo che che potrebbe presto allargarsi in Parlamento, come spiega Petri Savanaa, eurodeputato finlandese a Euronews: "Dobbiamo cercare ogni singolo deputato che c'entra qualcosa con quello che sta succedendo. Purtroppo sono sicuro che non è finita. Ci saranno altri casi".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Come funzionano le attività di lobbying nel Parlamento europeo

Stato dell'Unione: i problemi che alimentano la rabbia antidemocratica

Esclusivo - Charles Michel: "Spero che il contrattacco israeliano all'Iran ponga fine all'escalation"