This content is not available in your region

Petro Poroshenko ai nostri microfoni: "aiutateci"

Access to the comments Commenti
Di Efi Koutsokosta
euronews_icons_loading
Image
Image   -   Diritti d'autore  Martin Meissner/The Associated Press

Questa settimana i leader dell'UE hanno deciso di tagliare il 90% delle importazioni di petrolio dalla Russia entro la fine dell'anno, risolvendo una situazione di stallo con l'Ungheria sul pacchetto di sanzioni più severe contro Mosca dall'invasione dell'Ucraina.

Il primo ministro ungherese Viktor Orban ha finalmente abbandonato il suo veto dopo che è stato raggiunto un compromesso che esenta le importazioni di petrolio tramite oleodotto lasciando l'Ungheria nella stessa situazione. Questa è stata vista come una grande vittoria per Orban.

E lui non ha perso l'occasione di rivendicare pubblicamente la sua vittoria: "Le famiglie possono dormire sonni tranquilli stanotte, l'idea più pericolosa è stata sconfitta".

Una politica degli "ostaggi" sfida l'unità dell'UE in un momento così critico?

Il corrispondente di Euronews Sandor Zsiros ha incontrato l'ex presidente ucraino Petro Poroshenko al Congresso del Partito popolare europeo a Rotterdam e glielo ha chiesto.

Sándor Zsiros, Euronews: Il Consiglio europeo ha deciso di vietare il petrolio russo, ma un paese, l'Ungheria, non è d'accordo a causa dei suoi interessi economici. Come vede l'unità europea in questo senso?

Petro Poroshenko, ex presidente dell'Ucraina: Qual è la differenza tra l'Unione Europea, almeno una delle differenze, e la Russia? L'Unione Europea è un'Unione di Stati, basata sui valori. La Russia si basa sul denaro, sulla corruzione politica. Il tipo di cooperazione con la Russia è tossico per i paesi, tossico per i politici, tossico per le istituzioni economiche. Se metti più alto l'interesse del denaro rispetto all'interesse del valore, ho solo una medicina per questo: quelli che sono contro l'Ucraina, li voglio invitare. Per favore, venite con me con il quinto presidente dell'Ucraina. Sarò la vostra guida per visitare Bucha, per visitare Yrpin, per visitare Chernigov, per visitare Proztenecz. Per visitare tutti i luoghi in cui decine di migliaia di civili ucraini sono stati uccisi, violentati e uccisi. Le donne sono state violentate e uccise. Uccisi i loro figli. Pensate al vostro futuro, ai soldi. Questa non è una questione di soldi.

Sándor Zsiros, Euronews: Al vertice dell'UE si è parlato molto anche del possibile status di candidato dell'Ucraina all'UE, ma molti Stati membri dell'UE sono scettici su questo tema. Non pensa che questo problema darà false speranze agli ucraini?

Petro Poroshenko, ex presidente dell'Ucraina: Ho l'opportunità di parlare con tutti i leader europei e posso dirvi che la situazione è molto più positiva in una conversazione faccia a faccia. Non riesco a trovare nessuno che sia completamente contrario alla nostra futura adesione. E con quella situazione, sicuramente l'Ucraina sarà membro dell'Unione Europea perché siamo un paese europeo e perché il popolo ucraino sta combattendo in un anno dal 2014, non per l'aumento dello stipendio o per la diminuzione delle tasse. Combattiamo per i nostri desideri di essere europei e odiamo l'idea di tornare in Unione Sovietica o nell'impero russo.

Sándor Zsiros, Euronews: In che modo l'Europa e l'Ucraina dovrebbero affrontare la Russia in futuro?

Petro Poroshenko, ex presidente dell'Ucraina: Dobbiamo de-putinizzare la Russia. Perché la Russia con Putin come presidente, nonostante il fatto che noi possiamo fermare la guerra, potrebbe rappresentare in qualsiasi momento un pericolo per il continente europeo. Stiamo parlando di strumenti democratici. Parliamo di sanzioni. Parliamo di embargo. E quando il popolo russo comincerà a non poterne più di pagare questi prezzi e di avere questo maniaco come presidente, ci darà una fortissima possibilità.

Nel complesso, la guerra della Russia ha costretto i paesi dell'UE a ripensare alcune delle loro scelte strategiche.

A seguito delle richieste di Finlandia e Svezia di aderire alla NATO, è stata poi la volta della Danimarca di ripensare la propria rinuncia alla politica di difesa dell'UE.

Quasi il 67 per cento del popolo danese ha detto sì all'adesione del Paese alla politica di Difesa e di Sicurezza comune dell'Unione Europea in uno storico referendum.

Così Mette Frederiksen: “In un periodo in cui Putin ha iniziato una guerra brutale in Europa, un periodo in cui il mondo continua a diventare sempre più insicuro. Quindi oggi dimostriamo che la Danimarca è pronta ad assumersi una responsabilità più grande. Per il mondo che ci circonda, per l'Europa"​.

Allo stesso tempo, le richieste Nato di Finlandia e Svezia sono tenute in sospeso da un altro alleato. La Turchia, che le accusa di essere un rifugio sicuro per i militanti curdi e vuole che aboliscano i divieti all'esportazione di armi.

Durante la sua visita negli Stati Uniti, il Segretario generale della NATO ha dichiarato che nei prossimi giorni convocherà alti funzionari delle tre nazioni a Bruxelles per garantire che vengano compiuti progressi in vista del vertice della NATO di questo mese un Vertice descritto da Stoltenberg come un'opportunità "storica" ​​di fronte all'aggressione russa contro l'Ucraina.

Jens Stoltenberg: "Concorderemo il prossimo concetto strategico della NATO, rafforzeremo la nostra deterrenza e difesa e ci prepareremo per un'era di maggiore competizione strategica con potenze autoritarie come Russia e Cina.

Ciò include lavorare ancora più strettamente con i nostri partner nella regione Asia-Pacifico e con altri partner che la pensano allo stesso modo nell mondo".

E parlando di partner che la pensano allo stesso modo... La Russia e le forze aeree cinesi hanno condotto un pattugliamento aereo congiunto alcuni giorni fa sul Mar del Giappone, sul Mar Cinese orientale e sul Pacifico occidentale, ha affermato il ministero della Difesa cinese.

L'esercitazione - la prima dall'invasione russa dell'Ucraina - faceva parte di un'esercitazione militare annuale, ha affermato il ministero sul suo sito web ufficiale.

Allo stesso tempo, la Cina sta unendo le forze con la Russia in più campi. Il ministro degli Esteri cinese ha affermato che "la Cina è disposta a collaborare con la Russia e la comunità globale per promuovere una vera democrazia basata sulle condizioni delle nazioni" in un vertice del think tank Cina-Russia.