This content is not available in your region

Un progetto di legge per l'Irlanda del Nord potrebbe permettere l'impunità agli stupratori

Access to the comments Commenti
Di Shona Murray
L'attivista lealista Jamie Bryson cammina davanti a un murale dell'Ulster Volunteer Force nella zona est di Belfast, Irlanda del Nord, 15 ottobre 2019.
L'attivista lealista Jamie Bryson cammina davanti a un murale dell'Ulster Volunteer Force nella zona est di Belfast, Irlanda del Nord, 15 ottobre 2019.   -   Diritti d'autore  AP Photo

I piani del governo britannico di far approvare un'amnistia generalizzata per gli autori di violenze avvenute durante il conflitto in Irlanda del Nord permetteranno a stupratori e abusatori sessuali di non essere perseguiti. Questo è il campanello d'allarme suonato dai legislatori dell'opposizione britannica.

"Questo disegno di legge non vieta a chiunque abbia commesso atti di violenza sessuale durante il conflitto o li abbia coperti di chiedere l'immunità", ha dichiarato Peter Kyle, Segretario di Stato ombra laburista per l'Irlanda del Nord in un discorso durante la seconda lettura del disegno di legge alla Camera dei Comuni.

Il Northern Ireland Troubles and Reconciliation Bill è stato criticato anche dal governo irlandese, oltre che dai gruppi che chiedono giustizia e dalle vittime di tutte le parti coinvolte nelle ostilità in Irlanda del Nord.

L'accusa che muovono al governo britannico è di stracciare l'Accordo di Stormont House, di cui il governo britannico e quello irlandese sono entrambi parti, che prevede un percorso definito verso indagini sostanziali sui crimini commessi da tutte le parti durante i Troubles.

Secondo Amnesty International, il disegno di legge creerebbe un sistema giudiziario a due livelli e consentirebbe l'impunità di gravi violazioni dei diritti umani commesse durante il conflitto in Irlanda del Nord.

"Se venisse promulgato, creerebbe anche un preoccupante precedente a livello internazionale, dando il via libera ad altri Paesi che vogliono negare giustizia alle vittime di violazioni dei diritti umani", ha dichiarato Grainne Taggart di Amnesty International UK. "Il 'Troubles' bill' suonerebbe la campana a morto per la giustizia delle vittime del conflitto nordirlandese", ha aggiunto.

I piani offrirebbero l'immunità a chiunque sia disposto ad ammettere di aver causato "gravi lesioni" durante il periodo più caldo dei Troubles, dal 1966 al 1998.

"È fondamentale che i parlamentari siano al fianco delle vittime e respingano la mossa del governo di legiferare a favore dell'impunità", ha dichiarato ancora Amnesty in un comunicato.

Le vittime non avranno mai giustizia

Il disegno di legge è stato concepito per fornire protezione ai soldati britannici coinvolti nelle uccisioni di civili irlandesi mentre erano in servizio in Irlanda del Nord. In questi fatti sono inclusi la Domenica di sangue a Derry nel 1972, quando furono uccise 13 persone, e il precedente Massacro di Ballymurphy, quando furono uccisi 10 nazionalisti irlandesi disarmati.

"Questo disegno di legge potrebbe portare all'immunità penale per chi ha commesso uno stupro", ha dichiarato Kyle. "È sbagliato che lo stato di diritto possa essere scavalcato in questo modo", ha detto ancora Kyle. "Se la procura dell'Irlanda del Nord avesse le risorse giuste, sono sicuro che la giustizia di cui stiamo parlando potrebbe essere garantita", ha aggiunto.

Mairia Cahill, un'attivista che è stata violentata da un membro dell'IRA e che poi è stata costretta ad affrontarlo in un tribunale fittizio, organizzato dal gruppo, ha detto che il disegno di legge permetterà a coloro che hanno commesso crimini di violenza sessuale legati al conflitto e a coloro che li hanno coperti di chiedere l'amnistia.

"Il governo Tory è determinato a farlo passare, nonostante l'opposizione di tutti i partiti politici e dei gruppi di vittime dell'Irlanda del Nord", ha detto Cahill. "Non solo garantirebbe l'immunità in Irlanda del Nord, ma anche per qualsiasi reato legato al conflitto in tutto il Regno Unito. Significa che le vittime non avranno mai giustizia e che sia lo Stato che i paramilitari se la caveranno senza problemi", ha aggiunto. 

"La violenza sessuale è una grave violazione della persona", ha sottolineato ancora. "Questo disegno di legge violerà ulteriormente le vittime ed è uno spaventoso affronto alla giustizia", ha evidenziato.

"Brandon LewiseBoris Johnson dovrebbero ritirarlo immediatamente. Se continua, avrà implicazioni non solo per le famiglie di coloro che sono stati uccisi, ma anche per le vittime di stupro e per la protezione dei bambini", ha dichiarato ancora a Euronews.

Il governo è "completamente disonesto"

In risposta alle preoccupazioni, il Northern Ireland Office - la rappresentanza del governo britannico in Irlanda del Nord - ha dichiarato che "solo i reati gravi o connessi ai Troubles che hanno avuto luogo tra il 1° gennaio 1966 e il 10 aprile 1998 e che sono legati alla morte o a gravi lesioni saranno ammissibili per l'immunità".

Ma il Partito laburista britannico e i gruppi per i diritti umani affermano che non è così. Siamo "assolutamente chiari" sul fatto che questa legge non esclude dall'immunità i reati sessuali e lo stupro, ha sottolineato Kyle.

L'ex senatrice irlandese Cahill, nel frattempo, ha accusato l'Ufficio dell'Irlanda del Nord di "essere completamente disonesto".

"Chiunque abbia violentato qualcuno può dire di aver causato 'gravi lesioni' e quindi accedere all'amnistia", ha affermato.

Anche i legislatori del partito conservatore al governo hanno espresso preoccupazione.

Il deputato conservatore ed ex Segretario di Stato Julian Smith ha dichiarato di essere "profondamente a disagio nel votare una legge che formalizzerà l'immunità per coloro che hanno commesso omicidi e altri crimini".

Alla Camera dei Comuni ha ricordato gli episodi di rapimento e omicidio di civili innocenti da parte dell'IRA: il disegno di legge prevede che i responsabili siano liberi.

"Il disegno di legge afferma che l'amnistia condizionale deve essere concessa se un individuo fornisce un resoconto, giudicato da una figura giudiziaria nominata dallo Stato, che sia 'vero al meglio delle sue conoscenze e convinzioni'. Una volta concessa, non può essere revocata", ha detto Taggart.

Ma i contrari al disegno di legge sostengono, inoltre, che la norma non rispetti gli standard richiesti dalla Convenzione europea dei diritti umani.