This content is not available in your region

La UE e le sue guerre spaziali

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
La UE e le sue guerre spaziali
Diritti d'autore  JM GUILLON, HANDOUT / CNES / AFP

Lo spazio è il nuovo campo di battaglia strategico, economico e di sicurezza delle grandi potenze. Questo problema è stato al centro delle discussioni alla Conferenza spaziale europea che si sono tenute a Bruxelles.

L'Unione Europea vuole mantenere e rafforzare il suo posto in questa competizione. Alcuni concorrenti strategici stanno cercando di limitare o addirittura impedire l'accesso allo spazio, secondo il ministro francese delle Forze armate.

Simbolo di questi attriti: il lancio di un missile a novembre da parte della Russia per distruggere uno dei suoi satelliti. Questo atto è considerato irresponsabile da Washington e dalla NATO. Per la Commissione Europea, queste tensioni mostrano l'importanza della sicurezza e della sovranità nello spazio.

Così Thierry Breton, Commissario Europeo per il Mercato Interno:  "Lo spazio è un'area sempre più contesa. È un'area strategica. È un'area che va protetta, che va difesa, anche per noi europei. L'abbiamo visto di recente con quanto accaduto durante il lancio di un satellite che ha lasciato detriti ovunque e che potrebbero mettere a repentaglio i nostri interessi, e penso in particolare a quelli che sono utili alla nostra vita quotidiana: Galileo, Copernico..."

Ogni anno decine di satelliti vengono inviati nello spazio. In media, la Cina ha effettuato un lancio alla settimana nel 2021. La gestione del traffico spaziale è quindi una questione importante perché il rischio di collisione è sempre maggiore e i detriti possono trasformarsi in proiettili. Ma la perdita di un satellite avrebbe conseguenze molto reali, persino pericolose, sulla Terra. Ad esempio, uno smartphone utilizza ogni giorno decine di satelliti a seconda delle applicazioni utilizzate.

Dice Josef Aschbacher, Direttore generale dell'ESA, l'Agenzia spaziale europea:  "Immaginiamo che i satelliti fossero spenti per solo un giorno. Sarebbe un disastro. Le previsioni del tempo sarebbero pessime. Forse potremmo convivere con piogge e sole, ma ci sarebbe un'enorme implicazione dell'economia. Le previsioni meteorologiche dallo spazio contribuiscono a 61 miliardi di euro di benefici economici per l'economia europea. Quindi enorme impatto economici sulle previsioni meteorologiche. E poi c'è la navigazione. Se si spengono i satelliti di navigazione, ovviamente, la navigazione non funziona più. E le telecomunicazioni? E i mercati azionari? Tutto dipende dai satelliti oggi. Quindi sì, siamo già assolutamente dipendenti e questa dipendenza aumenterà in futuro".

Per rispondere a questo rischio e garantire la sicurezza dell'UE, il prossimo mese la Commissione europea presenterà una proposta per la gestione del traffico spaziale.