This content is not available in your region

Quali le ricadute inflazionistiche della variante Omicron del Coronavirus?

Access to the comments Commenti
Di Stefan Grobe
Quali le ricadute inflazionistiche della variante Omicron del Coronavirus?
Diritti d'autore  Alastair Grant/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved

È stata una di quelle settimane in cui tutti hanno imparato a conoscere una parola sconosciuta la settimana prima: Omicron. Scoperta in Sud Africa, la variante del coronavirus fortemente mutata è entrata in Europa diversi giorni prima di quanto precedentemente noto e ora circola praticamente ovunque, in Europa.

Con reazioni istintive, i governi di tutto il continente hanno stabilito nuovi divieti di viaggio sui voli dai paesi dell'Africa meridionale, scatenando il caos negli aeroporti e lasciando le persone con un possible scenario da incubo per le vacanze. Il fatto è che gli esperti pensano che, in questa fase, i divieti di viaggio siano ridicoli.

Jaouad Mahjour, Assistente Direttore Generale dell'OMS: "È chiaro che un divieto di viaggio non può fermare la circolazione del virus e, cosa più importante, questo (divieto di viaggio) può compromettere gli sforzi per combattere l'epidemia". I tempi sono foschi per il continente già strangolato dalla più grande ondata di pandemia finora.

Molti governi stanno ora contemplando di ridimensionare drasticamente i piani per rimanere aperti per le vacanze. Tutti hanno imparato dal passato. Troppo spesso, i paesi hanno abbassato la guardia, pensando che il peggio della pandemia fosse alle spalle, solo per essere travolti da un altro problema.

Quale sarà il prossimo problema? Tutti concordano sulla necessità di intensificare le campagne di vaccinazione. E anche le vaccinazioni obbligatorie non sono più un tabù.

Così Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea: "Penso che sia comprensibile e appropriato condurre questa discussione ora, come possiamo incoraggiare e potenzialmente pensare alla vaccinazione obbligatoria all'interno dell'Unione Europea, questo necessita di discussione".

Una discussione? Ma di cosa volete discutere? O siete favorevoli o contrari. Ciò che è considerato necessario dagli esperti non dovrebbe essere controverso politicamente, poiché la grande maggioranza della popolazione è favorevole ai vaccini . Nel frattempo, la pandemia continua a scuotere l'economia. I mercati azionari hanno avuto una settimana di montagne russe con gli investitori preoccupati per l'impatto di Omicron.

E i prezzi al consumo nell'area dell'euro hanno continuato a salire a un ritmo record. Il tasso di inflazione annuale ha toccato il 4,9% a novembre, il più alto da quando sono iniziati i record nel 1997, due anni prima del lancio dell'euro: le cose devono toccare il fondo prima di migliorare?

Parliamo con Holger Schmieding, capo economista della banca tedesca Berenberg.

Euronews: Parliamo dell'impatto economico di tutto questo. È d'accordo con la valutazione del presidente della Fed secondo cui la variante Omicron rappresenta un rischio sia per la stabilità dei prezzi che per l'occupazione?

Holger Schmieding: Omicron rappresenta sicuramente un rischio per l'occupazione a breve termine. Le persone potrebbero essere disposte a uscire di meno, potrebbero essere un po' più caute nei loro modelli di spesa, potrebbero viaggiare di meno e, naturalmente, alcuni lavori saranno probabilmente interessati a breve termine. Tuttavia, per quanto riguarda l'inflazione, le prospettive a breve termine non sono chiare. Da un lato, i prezzi del petrolio sono più bassi. D'altra parte, più persone potrebbero voler spendere soldi in beni su Internet, e le merci sono scarse e potrebbero aumentare. Quindi, sull'inflazione, è un breve termine poco chiaro.

Euronews: Tra i timori di una nuova ondata di infezioni, i governi hanno intensificato le restrizioni ai viaggi: è utile?

Holger Schmieding: In realtà penso che le restrizioni di viaggio siano utili, dovremmo guadagnare tempo per più vaccinazioni. Non possiamo impedire a Omicron di raggiungere il mondo, ma se rallentiamo la diffusione attraverso restrizioni di viaggio, più persone saranno vaccinate prima che incontreranno Omicron e quindi meno persone si ammaleranno gravemente, e ciò significa meno restrizioni più severe in seguito. Quindi, netto netto, questa è la reazione giusta.

Euronews: Molti previsori si aspettano che l'inflazione diminuirà in modo significativo nel prossimo anno: Omicron ha il potenziale per cambiare questa aspettativa?

Holger Schmieding: No, non credo. Abbiamo visto nelle precedenti ondate della pandemia che la pandemia non cambia la tendenza a lungo termine dell'inflazione. Anche l'impatto economico, compreso l'impatto sull'inflazione di qualsiasi ondata della pandemia, è diminuito di ondata in ondata. Mi aspetto che l'inflazione diminuisca in modo significativo nel corso del prossimo anno. Adesso è alta e probabilmente non scenderà molto al di sotto del tre percento negli Stati Uniti anche entro la fine del prossimo anno. E questo è un argomento per la Fed per non esitare troppo a lungo prima che diventi reale sul cambiamento della propria posizione di politica monetaria.

Euronews: E per quanto riguarda l'Europa?

Holger Schmieding: In Europa abbiamo meno pressioni inflazionistiche rispetto agli Stati Uniti perché, a differenza degli Stati Uniti, non abbiamo un eccesso di domanda oltre ai vincoli di offerta. E in Europa, la Banca centrale europea vedrà probabilmente l'inflazione scendere un po' al di sotto del due percento entro la fine del prossimo anno. Questo significa che la Banca centrale europea avrà probabilmente tempo fino alla primavera del 2023 prima di dover aumentare i tassi.

Per quelli di voi che temono le chiusure, il coprifuoco e i mercatini di Natale chiusi durante la stagione, c'è in realtà un paradiso che offre speranza. Stiamoo parlando delle Fiji nel Sud Pacifico.

La nazione insulare fortemente vaccinata ha riaccolto i suoi primi turisti dopo oltre 600 giorni questa settimana, nonostante Omicron. L'economia delle Fiji ha subito uno dei maggiori contraccolpi al mondo legati al covid l'anno scorso, calando di quasi il 20%. Quindi, è stato con un senso di sollievo che i funzionari hanno salutato il primo volo turistico da Sydney e nei prossimi giorni sono previsti altri voli dall'Australia e dagli Stati Uniti. Forse le isole potrebbero essere un'alternativa alle vostre vacanze di Natale in Europa.