Se i politici sono vittime e carnefici dell'odio che ci circonda

Se i politici sono vittime e carnefici dell'odio che ci circonda
Diritti d'autore 
Di Elena Cavallone
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

L'uccisione del sindaco di Danzica e il moltiplicarsi degli attacchi verbali e fisici verso le figure politiche rivelano che la macchina dell'odio non esclude nessuno. Eppure coloro che dovrebbero contrastare il clima d'odio sono i primi ad alimentarlo

PUBBLICITÀ

Il clima di odio che pervade l'Europa preoccupa gli eurodeputati che mercoledì a Bruxelles si interrogano sulla la crescente violenza verbale e fisica contro i politici. 

Una realtà che l'europarlamentare olandese del gruppo dei verdi, Judith Sargentini, conosce bene. Da quando ha denunciato la violazione dello stato di diritto in Ungheria è stata presa di mira sui social media. E afferma che dietro quegli attacchi ci sia il governo ungherese.

"Sono arrivati al punto di inserire pubblicità su giornali, spot pubblicitari in TV e ultimamente il governo ungherese sta pagando per diffondere i suoi commenti su Twitter tra i profili olandesi e belgi", afferma l'esponente del gruppo dei verdi.

Judith Sergentini-Parlamentare europea del gruppo dei verdi

Ma spesso sono i politici stessi ad alimentare quella violenza. In un rapporto recentemente pubblicato, il Consiglio d'Europa si dice preoccupante per il crescente razzismo e xenofobia presente nella politica italiana. 

Jonas Lefevere, Assistente professore di comunicazione presso il  Vesalius College a Bruxelles, afferma che negli ultimi vent'anni, sotto il baluardo della libertà di espressione, le forze estremiste hanno inasprito i toni del dibattito politico.

"Con l'aumento della volatilità elettorale i partiti e candidati devono combattere più intensamente per mantenere le loro quote elettorali".

La frammentazione dei media tradizionali e la competizione con i social media ha messo i politici in una posizione di forza e sono loro a dettare le regole del dibattito politico, stabilendo cosa è accettabile e cosa no.

"Le stesse piattaforme di social media hanno un'enorme responsabilità in quanto è sulle loro pagine che vengono pubblicati questi messaggi", continua Lefevere.

Facebook sta iniziando a capirlo: lunedì Nick Clegg a  capo degli affari globali del colosso globale ha dichiarato che la compagnia svilupperà degli strumenti per contrastare la disinformazione politica in vista delle elezioni europee.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Amnesty contro l'hate speech on line. Una task force (anche) in vista delle europee

Consiglio Ue, leader sotto pressione da Zelensky sulle difese aeree per l'Ucraina

"Il sangue dei bambini palestinesi è sulle sue mani!": attivista interrompe von der Leyen