EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Robot e intelligenza artificiale alla conferenza sulla sicurezza di Monaco

Il robot Sophia
Il robot Sophia
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Cyberattacchi, robot soldati, droni autopilota... La tecnologia cambia, i conflitti anche. Per i leader internazionali sono necessarie regole al più presto.

PUBBLICITÀ

"Il risveglio della Forza: intelligenza artificiale e conflitti moderni". È con un sinistro riferimento a Star Wars che la Conferenza sulla sicurezza di Monaco ha aperto i battenti, con un evento pubblico cui ha partecipato la presidente estone Kersti Kaljulaid. L'Estonia è uno dei paesi caduti vittima del cyberattacco globale dell'anno scorso.

"L'Estonia è uno Stato digitale - dice Kaljulaid - e mi preoccupa molto, in quanto estone, vedere che la capacità della comunità internazionale di mettersi d'accordo e stabilire regole nell'ambito dello sviluppo tecnologico è così bassa. Non siamo riusciti a fare alcun progresso, nemmeno in tema di sicurezza informatica".

Dal pubblico è emersa preoccupazione per la possibile creazion di soldati artificiali a reazione rapida accanto a droni militari autopilota. Una preoccupazione condivisa dall'ex segretario generale della Nato Anders Fogh Rassmussen: "L'uso di robot e intelligenza artificiale nelle forze armate potrebbe rendere il mondo intero più instabile. Per questa ragione penso che dovremmo elaborare un trattato internazionale legalmente vincolante per prevenire la produzione e l'uso di quelle che sono state definite armi letali autonome".

Un progetto europeo di pattuglie robotizzate per sorvegliare le frontiere esterne dell'Unione è stato abbandonato nel 2012, ma potrebbe essere ripreso in futuro in assenza di una regolamentazione.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Robby Pepper il robot portiere d'albergo

Alla conferenza di Monaco un Occidente diviso sulla sicurezza

Spagna: Pedro Sánchez proporrà il riconoscimento dello Stato palestinese al Parlamento