EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

"Facciamo un lavoro onesto", le parole di un agricoltore francese

L'agricoltore Emmanuel Villeneuve
L'agricoltore Emmanuel Villeneuve Diritti d'autore Reuters
Diritti d'autore Reuters
Di Euronews Green Agenzie:  Reuters
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Decine di attivisti ambientali e poliziotti sono rimasti feriti durante la manifestazione a Sainte-Soline, nella Francia occidentale, il mese scorso, dove è attualmente in costruzione un bacino idrico per l'irrigazione

PUBBLICITÀ

Con le lacrime agli occhi, un agricoltore francese ha deciso di parlare dell'impatto che le violente proteste per la scarsità d'acqua hanno avuto sulla sua impresa. 

Decine di attivisti ambientali e poliziotti sono rimasti feriti durante la manifestazione a Sainte-Soline, nella Francia occidentale, il mese scorso, dove è attualmente in costruzione un bacino idrico per l'irrigazione. Quello di Sainte-Soline è uno dei 16 giganteschi bacini idrici che vengono costruiti per aiutare gli agricoltori a far fronte alla siccità dopo che lo scorso anno ha provocato ingenti danni in Francia.

Sono diverse tuttavia le voci critiche che affermano che si tratta di una presa d'acqua a vantaggio di poche aziende agricole mentre il cambiamento climatico minaccia l'accesso all'acqua a tutti.

Emmanuel Villeneuve, che coltiva oltre 150 ettari, è uno degli agricoltori che avranno accesso al bacino idrico nella regione di Deux-Sèvres. Parlando con Reuters, dice di essere rimasto turbato dagli eventi del 25 marzo, quando migliaia di manifestanti sono scesi in strada nella comunità rurale.

“È stato molto doloroso vedere la propria attrezzatura distrutta da persone che protestano, noi facciamo un lavoro onesto. Non si dovrebbero fare queste cose per cambiare una situazione che non va. Bisogna sedersi intorno a un tavolo a discutere come stiamo facendo noi, non si devono distruggere gli strumenti di lavoro altrui. Io non distruggerei mai la casa del mio vicino perché non sono d'accordo con lui".

Oltre alle segnalazioni di danni alle attrezzature agricole da parte dei manifestanti, secondo Franceinfo alcuni hanno usato dell'acido per attaccare le paratoie d'acciaio del futuro bacino.

“È stato molto doloroso vedere la propria attrezzatura distrutta da persone che protestano, noi facciamo un lavoro onesto.
Emmanuel Villeneuve
Agricoltore

Perché il bacino idrico francese è così contestato?

La Francia è il più grande produttore agricolo dell'Unione europea: circa il 58% dell'acqua del paese viene deviata verso questo settore. Un altro inverno secco ha provocato ingenti danni agli agricoltori, con i serbatoi dell'80% al di sotto dei livelli normali all'inizio di marzo.

Le autorità francesi sostengono che i giganteschi serbatoi di irrigazione sono necessari agli agricoltori per continuare a coltivare colture alimentari, ma gli ambientalisti vedono il progetto come un tentativo da parte dell'agrobusiness di monopolizzare le forniture idriche.

Come verrà utilizzato il serbatoio di irrigazione?

"Questa riserva idrica ci consente di piantare colture primaverili che si alternano a colture invernali perché le prime avranno bisogno di un minimo di acqua in estate per poter crescere, per consentire una certa redditività della coltura", spiega Villeneuve.

“Se non abbiamo accesso all'acqua, non possiamo assicurare il raccolto poiché siamo su un terreno che d'estate si prosciuga. E abbiamo assolutamente bisogno di questa irrigazione, per quanto moderata, per fare in modo che le nostre colture crescano e diano i loro frutti".

Gli agricoltori sono attualmente soggetti a divieti in estate quando le riserve idriche diventano troppo basse, aggiunge. "Con la riserva conosciamo il volume d'acqua che dovremo avere fin dall'inizio e possiamo gestirlo al meglio nel ciclo di coltivazione", ha concluso Emmanuel Villeneuve. 

Risorse addizionali per questo articolo • Reuters

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Perché il clima estremo sta colpendo la Grecia

Allerta temperature oltre i 40 gradi: cosa succede al corpo quando fa troppo caldo

Caldo estremo: le ondate di calore che hanno colpito Grecia, Turchia, Cipro preoccupano gli esperti