EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

La salute degli oceani, la nostra salute

In collaborazione con The European Commission
La salute degli oceani, la nostra salute
Diritti d'autore euronews
Diritti d'autore euronews
Di Denis Loctier
Condividi questo articolo
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La salute dell'uomo è strettamente collegata alla salute dei mari e degli oceani. Se non ci preoccupiamo dell'inquinamento delle acque non possiamo sperare di ottenere dei benefici, come spiega il biologo marino Josep Lloret.

roteggere i nostri oceani è fondamentale per la nostra salute , ma stiamo facendo abbastanza?

Le aree marine protette sono fondamentali per preservare la salute dei nostri oceani. Purtroppo, devono spesso affrontare minacce che mettono a repentaglio sia il benessere marino che quello umano.

In questa intervista, Ocean parla con il biologo marino Josep Lloret, un pioniere nel campo della ricerca sugli oceani e la salute umana e leader del progetto BIOPAÍS , finanziato dall'UE.

"Ci sono ancora parchi naturali o riserve marine con attività molto intense, che anche a livello locale mettono in pericolo la salute degli oceani che vogliamo proteggere, come l'eccessiva navigazione da diporto che porta all'inquinamento atmosferico e a problemi di salute".
Josep Lloret
direttore della cattedra Oceani e salute umana dell'Università di Girona

Il dottor Lloret sta valutando gli impatti ecologici e sociali dei grandi parchi eolici offshore galleggianti, comprese le controverse proposte di costruirne in alcune aree protette del Mediterraneo spagnolo.

"Un altro esempio è quello delle navi da crociera: anche se non attraversano aree protette, possono passarci molto vicino, causando anch'esse importanti contaminazioni e problemi per la salute delle persone e degli oceani. E infine - conclude Lloret - la possibile industrializzazione del mare, che potremmo osservare nell'area marina protetta di Cap de Creus, dove si pensa di realizzare grandi parchi eolici offshore con turbine alte 250 metri - quasi l'altezza della Torre Eiffel - con un'installazione su larga scala di cavi e ancore sul fondo marino, che a nostro avviso possono disturbare la qualità dell'ambiente, la qualità delle acque e i benefici per la salute che il mare ci offre. Dobbiamo quindi stare molto attenti che la blue economy, che procede a tutta velocità, non finisca per causare danni".

Condividi questo articolo