EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Come l'11 settembre ha cambiato film, musica e libri per 20 anni

Il poster di "World Trade Center" di Oliver Stone
La locandina del film "World Trade Center" di Oliver Stone Diritti d'autore Paramount Pictures
Diritti d'autore Paramount Pictures
Di Jonny Walfisz
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Gli attentati dell'11 settembre 2001 che sconvolsero il mondo hanno lasciato una traccia indelebile in ogni ambito esistenziale

PUBBLICITÀ

L'11 settembre del 2001, quattro aerei passeggeri furono dirottati da terroristi di Al-Qaeda: due di essi si schiantarono contro le Torri Gemelle del World Trade Center di New York, un altro contro il Pentagono, mentre l'ultimo aereo precipitò in un campo in seguito a una rivolta dei passeggeri. 

Negli attacchi, morirono 2.977 civili, oltre ai 19 terroristi coinvolti.

Gli attentati, pianificati da Osama bin Laden, hanno dato il via alla guerra al terrorismo durata due decenni, che ha incluso l'invasione dell'Iraq e dell'Afghanistan da parte degli Stati Uniti. 

Si stima che sino a 4,6 milioni di persone siano state uccise a causa della guerra al terrorismo.

Dal punto di vista culturale, l'11 settembre ha avuto un effetto enorme anche sulle arti: dopo gli anni '90, relativamente pacifici a livello globale, ha portato un'atmosfera di ansia negli Stati Uniti. 

Il terrorismo è diventato una paura comune, mentre molti musulmani nei Paesi occidentali hanno vissuto decenni di crescente islamofobia.

L'arte ha subito un forte impatto nel periodo immediatamente successivo agli attentati, incluso il "taglio" di molte opere che includevano riferimenti visivi alle torri distrutte o di spezzoni che presentavano scene con atti di terrorismo sugli aerei o a New York.

Un esempio famoso è stato il film d'animazione Disney, Lilo & Stitch: originariamente, la pellicola presentava una scena in cui molti dei personaggi dirottavano un jet Boeing 747 e lo facevano volare attraverso il centro di Honolulu. 

La scena è stata modificata per sostituire l'aereo con un'astronave aliena.

I 53° Primetime Emmy Awards sono stati posticipati dal 16 settembre al 6 ottobre, per poi essere nuovamente rinviati al 4 novembre quando gli Stati Uniti hanno iniziato a bombardare l'Afghanistan.

I trailer e le locandine del ilm sull_'Uomo Ragno_ sono stati rimossi con le immagini delle Torri Gemelle, mentre il film di Martin Scorsese Gangs of New York è stato ritardato di un anno intero (per uscire nel dicembre 2002).

Nel campo della musica, l'album di debutto "Is This It" delle leggende dell'indie-rock 'The Strokes', fortemente pubblicizzato, ha subito un ritardo nell'uscita americana, con la canzone "New York City Cops" sostituita da "When It Started" per il timore che il pubblico non apprezzasse i testi critici nei confronti degli agenti di Polizia della città.

Ci sono molti altri esempi di cambiamenti simili, ma l'impatto dell'11 settembre è continuato negli anni 2000 e oltre. 

I romanzieri hanno affrontato il modo in cui gli attacchi hanno cambiato l'umore nazionale, dal romanzo "Falling Man" (2007) di Don DeLillo all'esordio di Jonathan Safran Froer con "Extremely Loud & Incredibly Close" (2005).

Per quanto riguarda il cinema, il film World Trade Center (2006) di Oliver Stone, interpretato da Nicolas Cage, è stato un film facilmente prevedibile. 

PUBBLICITÀ

Un tentativo di trovare maggiore umanità nell'evento catastrofico è venuto da United 93 di Paul Greengrass, incentrato sulla rivolta dei passeggeri del quarto aereo e realizzato con la collaborazione delle famiglie dei passeggeri stessi.

L'ansia e il patriottismo violento che hanno seguito gli attentati sono stati ben catturati dal film American Sniper di Clint Eastwood del 2014. 

Incentrato sulla vita di Chris Kyle, il cecchino più letale nella storia dell'esercito americano, è ricco di musulmani senza volto uccisi sullo schermo per il piacere degli spettatori. 

In seguito, la pellicola viene in qualche modo "satireggiata" da The Hurt Locker di Katheryn Bigelow, vincitore del premio Oscar.

PUBBLICITÀ

Forse il miglior film che ha catturato il cambiamento di atmosfera creato dall'11 settembre non proviene dagli Stati Uniti. 

Four Lions (2010), del comico britannico Chris Morris, ritrae un gruppo di inetti, aspiranti terroristi che pianificano un attacco alla maratona di Londra. 

Il film, che ha visto un primo ruolo da protagonista per Riz Ahmed, cattura perfettamente sia la follia dell'estremismo che l'atmosfera islamofobica che si respira nel Regno Unito.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

L'11 settembre, 21 anni dopo

11 settembre, le cerimonie in memoria delle vittime degli attentati

Calcio, Lamine Yamal festeggia con il fratellino: dalla foto con Messi al trionfo agli Europei