EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Addio a Ryuichi Sakamoto, mago della musica elettronica

Ryuichi Sakamoto
Ryuichi Sakamoto Diritti d'autore Domenico Stinellis/AP
Diritti d'autore Domenico Stinellis/AP
Di euronews e ansa
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Aveva lavorato anche alla colonna sonora di due grandi film di Bertolucci: "L'ultimo imperatore" e "Il té nel deserto"

PUBBLICITÀ

Con qualche giorno di ritardo e a funerali avvenuti (come da sue volontà),  è stata diffusa la notizia della morte del musicista nipponico Ryuichi Sakamoto, famoso per aver composto alcune colonne sonore di grandi film hollywoodiani come "L'ultimo imperatore" e "Redivivo". Aveva 71 anni. Sakamoto, affetto da un cancro negli ultimi anni, aveva anche recitato in una pellicola e interpretato un soldato giapponese in "Merry Christmas Mr. Lawrence". 

Nato a Nakano nel 1952, era stato un componente degli Yellow Magic Orchestra, gruppo che mescolava la musica elettronica giapponese e il j-pop, ma da solista ha legato al cinema molta parte della sua carriera e proprio il cinema nel 2017 lo aveva ricambiato con un documentario su di lui, oltre ad invitarlo in tanti festival come a Locarno nel 2020 o a Venezia dove era stato giurato nel 2013. I film sono stati una parte fondamentale della sua produzione creativa: dalle colonne sonore come "L'ultimo imperatore" (scritta con David Byrne e Cong Su, premiata con un Oscar e un Grammy), "Il té nel deserto", due grandi lavori di Bernardo Bertolucci, fino a "Furyo" (Merry Christmas, Mr.Lawrence), diretto dal giapponese Nagisa Oshima, "Redivivo" di Alejandro González Inárritu nel 2015 - alle sue rare prove d'attore, come quella nello stesso "Furyo" (1983) a fianco di David Bowie.

Una carriera da predestinato

Figlio di Kazuki Sakamoto, editore della Kawade Shobo Shinsha, Sakamoto aveva studiato scrittura musicale all'età di 10 anni rimanendo affascinato dai Beatles e da Debussy. Nel 1978, Sakamoto formò gli YMO con Haruomi Hosono e Yukihiro Takahashi che con la loro musica techno-pop, che faceva pieno uso di sintetizzatori, era in sintonia con i tempi della fine degli anni '70. Ha lavorato con molti artisti, specie con Alva Noto con cui ha stretto un sodalizio longevo e ricco di cinque album. Nel 2017 aveva pubblicato il suo album solista intitolato Async, mentre a gennaio di quest'anno è uscito il suo ultimo lavoro 12.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ed Sheeran in tribunale per plagio per Thinking Out Loud

Alla poetessa romena Ana Blandiana il Premio Principessa delle Asturie 2023 per la letteratura

Risolto un mistero di quattromila anni fa: come sono state costruite le piramidi di Giza