This content is not available in your region

Coworking Bansko: il paradiso dei nomadi digitali è in Bulgaria

euronews_icons_loading
Meet the locals
Meet the locals   -   Diritti d'autore  euronews
Di Monica Pinna

Matthias Zeitler è arrivato in Bulgaria quattro anni fa. Qui ha aperto uno spazio di coworking a Bansko, una località di montagna che in inverno è una popolare stazione sciistica. Originario di Monaco di Baviera, in passato ha lavorato per diversi anni per grande aziende nel settore della traduzione e della localizzazione, per poi fondare un'azienda di marketing online che si concentrava sulla tecnologia.

"Ho incontrato persone che non avevano più una casa e in pratica avevano tutte le loro cose in una valigia - dice Zeitler -. Mi sono reso conto di essere uno di loro. Era piacevole essere circondato da imprenditori e freelance, così a un certo punto mi sono detto: voglio avere il mio spazio di coworking".

"La Bulgaria - aggiunge - è un posto molto interessante perché il costo della vita è basso e anche le tasse lo sono, È in Europa, quindi non ci sono problemi con i visti, e il paesaggio è incredibile. Così sono arrivato a Bansko: è stata una scelta naturale venire qui. Ci sono persone da tutto il mondo. La maggior parte di loro lavora nel digitale. Ma abbiamo anche persone che scrivono libri, traduttori, designer grafici. Potremmo tutti lavorare da casa, ma sarebbe noioso. Molte persone vengono al Coworking Bansko per la sua comunità. La magia del coworking è che sei circondato da persone che la pensano come te".

Euronews
Coworking Bansko ospita in media 100 membriEuronews

Zeitler confessa che all'inizio il coworking era poco più di un passatempo. "Eravamo circa 10 amici - ricorda -. Abbiamo affittato insieme una piccola location. Volevamo giocare a giochi da tavolo e divertirci in montagna".  Oggi il Coworking Bansko è una delle destinazioni più note tra i nomadi digitali in Europa, con una media di circa 100 membri. Con l'aumento dei visitatori sono cambiate anche le richieste e le esigenze.

"Il nostro obiettivo oggi è quello di attirare le aziende a Bansko - dice Zeitler - mentre in passato c'erano per lo più freelance e piccoli imprenditori. Voglio trasformare il Coworking Bansko da un'attività di mia proprietà in qualcosa che la nostra comunità possiede insieme. Uno dei progetti per far sì che questo accada è Coliving Bansko, attraverso cui offriremo degli alloggi".

"Molte persone mi dicono spesso: 'Questo è fantastico, come posso aprirne uno anche io?'. Penso sia molto importante capire prima qual è il motivo per avviare un'attività del genere - sottolinea Zeitler -. La risposta è diversa per ognuno di noi, a seconda delle motivazioni. Quindi bisogna capire prima di tutto perché si vuole avviare un coworking. Una volta fatto questo, se siete davvero convinti, allora costruite il coworking dei vostri sogni".