EventsEventi
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Auto elettriche: i produttori europei lottano per recuperare il ritardo in Cina

Il CEO di Volkswagen Oliver Blume parla durante un evento mediatico tenuto dal Gruppo Volkswagen un giorno prima del salone dell'auto di Pechino.
Il CEO di Volkswagen Oliver Blume parla durante un evento mediatico tenuto dal Gruppo Volkswagen un giorno prima del salone dell'auto di Pechino. Diritti d'autore AP Photo/Ng Han Guan
Diritti d'autore AP Photo/Ng Han Guan
Di Euronews Agenzie:  AP
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

La Volkswagen e altri colossi europei rischiano di rimanere indietro in un settore in cui le dinamiche di produzione e vendita stanno cambiando con una velocità incredibile

PUBBLICITÀ

Giovedì, le case automobilistiche globali e le startup di veicoli elettrici (Ev) hanno presentato nuovi modelli e concept car al più grande salone automobilistico cinese a Pechino, con particolare attenzione alla trasformazione della nazione in un importante mercato e base di produzione per veicoli a nuova energia, una tendenza che i giganti della produzione automobilistica europea stanno lottando per tenere il passo.

Toyota e Nissan hanno entrambe annunciato collaborazioni con le principali società tecnologiche cinesi, impegnate a soddisfare la domanda dei clienti di connettività online basata sull'intelligenza artificiale nelle auto, dalle app per i social media alle funzionalità di guida autonoma.

I produttori cinesi di veicoli elettrici si stanno espandendo rapidamente nei mercati esteri e ora stanno costruendo sempre più stabilimenti in Europa, suscitando in alcuni paesi la preoccupazione che rappresentino una potenziale minaccia per le case automobilistiche e i posti di lavoro europei.

L'Ue sta valutando l'opportunità di imporre tariffe sui veicoli elettrici prodotti in Cina a causa dei sussidi governativi che hanno guidato la crescita del settore.

Nel suo discorso al Parlamento europeo lo scorso settembre, la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha indicato la radice del problema: "I mercati globali sono ora inondati da auto elettriche più economiche. E il loro prezzo è mantenuto artificialmente basso da enormi sussidi statali".

"L'Europa è aperta alla concorrenza. Non per una corsa verso il basso".

A woman walks past cars on display at a Volkswagen event ahead of the auto show in Beijing.
A woman walks past cars on display at a Volkswagen event ahead of the auto show in Beijing.Ng Han Guan/Copyright 2024 The AP. All rights reserved

Non c'è tempo da perdere per le auto elettriche

La proliferazione di produttori globali di veicoli elettrici, incoraggiata dalle agevolazioni fiscali e dai sussidi per l'energia verde, ha provocato una feroce guerra dei prezzi che dovrebbe portare a una scossa e al consolidamento del settore nei prossimi anni.

Lo sviluppo del settore cinese e l'agguerrita concorrenza nella produzione e nella vendita sono stati così rapidi che diverse società nazionali hanno ceduto del tutto, mentre quelle internazionali si sono ritirate.

"Nessun'altra regione del mondo ha registrato una trasformazione dell'industria automobilistica così rapida come in Cina", ha dichiarato mercoledì il Ceo di Volkswagen Oliver Blume in occasione di un evento che ha presentato in anteprima la presenza della sua azienda al salone dell'auto.

"Questo mercato è diventato una sorta di palestra per noi", ha detto e ha aggiunto: "Dobbiamo lavorare di più e più velocemente per stare al passo".

Produttori come la Volkswagen, che vende circa un terzo delle sue auto in Cina, si affretta a sviluppare nuovi modelli per un mercato molto diverso da quello nazionale e si sta espandendo ben oltre le sue radici in Cina come produttore di berline senza fronzoli utilizzate dalle flotte di taxi.

Attendees pose for photos near the latest cars unveiled during a media event held by the Volkswagen Group at the Beijing auto show.
Attendees pose for photos near the latest cars unveiled during a media event held by the Volkswagen Group at the Beijing auto show.Ng Han Guan/Copyright 2024 The AP. All rights reserved

Il Gruppo Volkswagen, che comprende anche Audi e Porsche, prevede di lanciare 40 nuovi modelli in Cina nei prossimi tre anni e di avere una gamma di 30 veicoli elettrici entro il 2030 in quello che il Ceo di Volkswagen Oliver Blume ha detto agli investitori mercoledì è il «secondo mercato interno» dell'azienda.

La risposta della Volkswagen è stata quella di passare allo sviluppo di automobili in Cina partendo da zero, piuttosto che adattare i modelli europei al mercato locale.

La società ha annunciato all'inizio di questo mese che investirà 2,5 miliardi di euro per espandere la ricerca, lo sviluppo e la produzione nella città di Hefei, dove ha collaborato con il produttore cinese di veicoli elettrici XPENG Motors per sviluppare due modelli VW di medie dimensioni da lanciare nel 2026.

Tuttavia, la società è stata criticata per aver gestito un impianto nella regione cinese occidentale dello Xinjiang, dove i governi occidentali hanno accusato il governo cinese di violazioni dei diritti umani commesse contro la minoranza musulmana uigura.

Tra le accuse vi è che le autorità cinesi abbiano internato centinaia di migliaia di persone, molte delle quali sarebbero costrette ai lavori forzati.

La Volkswagen ha dichiarato che un audit commissionato non ha rilevato prove di lavoro forzato presso il suo stabilimento, anche se Brandstätter ha dichiarato mercoledì che VW è in trattative con il suo partner cinese di joint venture nello Xinjiang e sta esaminando le opzioni per il futuro dello stabilimento.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

L'Ocse prevede una crescita globale costante per il 2024 e il 2025

Tesla, Musk in Cina per guida autonoma: accordo con Baidu e con governo Pechino

Il dilemma della difesa europea: la difficoltà di soppesare costi e benefici