Ecco i lavori in più rapida crescita in Europa nel 2024

Lavoratori d'ufficio
Lavoratori d'ufficio Diritti d'autore Canva
Di Doloresz Katanich
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Intelligenza artificiale, sostenibilità e cybersicurezza sono i settori in più rapido sviluppo secondo l'ultimo rapporto di LinkedIn sulle prospettive del mercato del lavoro per il 2024

PUBBLICITÀ

Il mercato del lavoro sta subendo una rapida trasformazione in Europa: la concorrenza per i posti di lavoro è raddoppiata nell'ultimo anno, con la nascita di nuove posizioni che non esistevano 20 anni fa. Lo rileva l'ultimo rapporto del social network del mondo del lavoro LinkedIn. Le posizioni in più rapida crescita sono quelle legate alla sostenibilità, all'intelligenza artificiale e allo sviluppo aziendale.

LinkedIn ha esamitato milioni di lavori avviati dai suoi membri tra il primp gennaio 2019 e il 31 luglio 2023 per calcolare un tasso di crescita per ogni occupazione. È emerso che due terzi (67 per cento) dei professionisti europei stanno prendendo in considerazione la possibilità di cambiare lavoro quest'anno, nonostante la crescente concorrenza nel mercato del lavoro.

Nel 2022 nel Regno Unito e in Francia c'era solo un'offerta di lavoro ogni due candidati attivi su LinkedIn, mentre ora c'è solo un'offerta di lavoro ogni quattro candidati. Il 37 per cento dei professionisti europei dichiara di essere alla ricerca di stipendi più alti per superare la crisi del costo della vita, mentre il 19 per cento afferma di essere più sicuro delle proprie capacità e di voler trovare un ruolo migliore per far crescere la propria carriera.

Quali sono i lavori in crescita

I lavori che crescono più rapidamente variano da un Paese all'altro, ma la tendenza comune è che i ruoli legati all'intelligenza artificiale, alla sostenibilità e alla sicurezza informatica sono in aumento, visto che le aziende si affannano per far fronte a queste importanti tendenze che influenzano l'economia.

I titoli di lavoro più richiesti includono: manager della sostenibilità, ingegnere dell'intelligenza artificiale e analista della sicurezza informatica.

"È chiaro che l'intelligenza artificiale e la sostenibilità sono due dei principali fattori che stanno rimodellando il mercato del lavoro. Le aziende cercano sempre più di assumere professionisti con competenze ecologiche e di intelligenza artificiale - commenta Josh Graff, direttore generale di LinkedIn per l'Europa e l'America Latina -. I lavori in queste aree costituiscono alcuni dei ruoli in più rapida crescita in tutta Europa".

Le cinque posizioni più ricercate in Italia sono nell'ordine: responsabile dello sviluppo aziendale, ingegnere dell'intelligenza artificiale, analista del centro operazioni di sicurezza, specialista in sostenibilità, ingegnere del cloud.

La corrispondenza delle competenze con una posizione può essere complicata

Il rapporto rileva anche che molti professionisti faticano a trovare il modo di abbinare le proprie competenze ai ruoli aperti, visto il ritmo incalzante dei cambiamenti. Inoltre il 55 per cento dei responsabili delle assunzioni in Europa ritiene che le loro aziende non riescano a trovare candidati qualificati perché privi delle qualifiche tradizionali.

"Molti di questi lavori non esistevano nemmeno 20 anni fa e con il mondo del lavoro che continua a cambiare a un ritmo così rapido, l'adattabilità deve essere in cima ai pensieri dei leader aziendali - dice Graff -. Mentre le iniziative di apprendimento e sviluppo sono state spesso viste come una cosa positiva, le iniziative di aggiornamento e riqualificazione saranno ora cruciali per attrarre e trattenere i talenti, oltre a garantire che la vostra forza lavoro abbia le competenze necessarie per adattarsi ai cambiamenti del mondo del lavoro".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Tasse: ecco i Paesi d'Europa dove la classe media ne paga di più

Ecco perché i millennial potrebbero diventare la generazione più ricca di sempre

Inflazione nell'eurozona in calo al 2,6% a febbraio