EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Ungheria: primo dibattito politico in circa 20 anni, accuse alla Tv pubblica di "falsità"

Cittadini ungheresi seguono il dibattito su un maxischermo al Várkert Bazaar di Budapest
Cittadini ungheresi seguono il dibattito su un maxischermo al Várkert Bazaar di Budapest Diritti d'autore Képkocka Euronews videóból
Diritti d'autore Képkocka Euronews videóból
Di Isidoro PatalanoGabor Kiss
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in ceco

Dopo quasi due decenni i leader dei partiti ungheresi si sono confrontati in un dibattito politico trasmesso dalla Tv di Stato. L'opposizione ha accusato la rete di essere serva di Viktor Orbán

PUBBLICITÀ

La Tv ungherese ha organizzato il primo dibattito politico con dei leader di spicco giovedì dopo quasi venti anni dall'ultimo rally andato in onda sulla televisione pubblica. Era il 2006, anno in cui il leader di Fidesz, Viktor Orbán, si era presentato per l'ultima volta faccia a faccia con un avversario. Quell'anno Orbán perse le elezioni contro il candidato socialista, ma salì al potere nel 2010. Da allora nessuno scontro tra forze rivali.

Per lo storico evento, migliaia di ungheresi si sono riuniti al Várkert Bazaar (Bazar del Giardino del Castello) di Budapest per assistere al dibattito degli undici candidati ungheresi al Parlamento europeo trasmesso in diretta su dei maxischermi.

Ai politici sono stati concessi solo 8 minuti ciascuno per provare a convincere gli elettori. L'emittente pubblica aveva annunciato in precedenza che i temi sarebbero stati limitati alla difesa e alla sicurezza dell'Ue, alla migrazione e all'asilo, all'agricoltura, alla democrazia e allo stato di diritto.

Cittadini ungheresi seguono il dibattito politico sulle elezioni europee, Várkert Bazaar, Budapest, 30 maggio 2024
Cittadini ungheresi seguono il dibattito politico sulle elezioni europee, Várkert Bazaar, Budapest, 30 maggio 2024Denes Erdos/Copyright 2024 The AP. All rights reserved.
Centinaia di persone seguono il rally politico vicino alla sede dell'evento a Budapest, 30 maggio 2024
Centinaia di persone seguono il rally politico vicino alla sede dell'evento a Budapest, 30 maggio 2024Denes Erdos/Copyright 2024 The AP. All rights reserved.

La decisione è stata ampiamente criticata dagli oppositori di Orbán tanto da definire l'emittente "asservita al partito di governo Fidesz".

Uno dei critici più accesi dei media pubblici e dell'organizzazione del dibattito è stato Péter Magyar, leader del partito Tisza (Rispetto e Libertà), la cui improvvisa ascesa lo ha portato a diventare la principale forza di opposizione del Paese.

Prima dell'evento Magyar, davanti a diverse migliaia di sostenitori fuori dalla sede del dibattito a Budapest, ha accusato la rete di comportamenti scorretti.

"Per 14 anni hanno mentito al mattino, alla sera e a mezzogiorno. E mentono in ogni occasione. Mentono anche se fanno una domanda", ha detto Magyar.

"Come ha potuto l'emittente pubblica non invitarmi per un solo minuto in tre mesi alla televisione o alla radio pubblica? Intanto, almeno la metà dei notiziari si occupa del partito Tisza e di Peter Magyar. Commettono crimini ogni giorno diffondendo notizie false per le quali non ci sono parole".

La Tv pubblica ha accettato di ospitare l'evento dopo che il capo di Tisza aveva minacciato di organizzare una protestata davanti agli studi televisivi.

Cittadini ungheresi ascoltano il discorso di Peter Magyar durante il dibattito politico trasmesso dalla televisione di Stato, Budapest, 30 maggio 2024
Cittadini ungheresi ascoltano il discorso di Peter Magyar durante il dibattito politico trasmesso dalla televisione di Stato, Budapest, 30 maggio 2024Denes Erdos/Copyright 2024 The AP. All rights reserved.

Ulteriori tensioni sono state causate dai sostenitori della Coalizione Democratica che, insieme alla leader Klára Dobrev, hanno marciato tra la folla di elettori di Péter Magyar.

Klára Dobrev, leader della lista DK-MSZP-Párbeszéd, ha detto che Viktor Orbán è "la vergogna dell'Europa" e ha affermato che quando vengono prese decisioni importanti nell'Unione europea "Orbán viene mandato in bagno".

Tamás Deutsch, candidato di Fidesz al Parlamento europeo, avrebbe accusato gli eurodeputati di sinistra a essere a favore della guerra. Accuse respinte al mittente da Peter Magyar.

I sondaggi mostrano che il nuovo partito di Magyar potrebbe ottenere circa il 25 per cento dei voti alle elezioni europee, mentre il Fidesz di Orbán sembra destinato a prendere la maggioranza dei voti.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Europee, il dibattito dei candidati alla presidenza della Commissione Ue: guarda la diretta

L'Ue celebra i 74 anni della dichiarazione Schuman: la Giornata dell'Europa a un mese dalle elezioni

Parlamento europeo, i momenti memorabili della nona legislatura