EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Papua Nuova Guinea: Almeno duemila persone sepolte da frana

Un ferito viene trasportato su una barella dopo una frana nel villaggio di Yambali, Papua Nuova Guinea, 24 maggio 2024
Un ferito viene trasportato su una barella dopo una frana nel villaggio di Yambali, Papua Nuova Guinea, 24 maggio 2024 Diritti d'autore Benjamin Sipa/AP
Diritti d'autore Benjamin Sipa/AP
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Una frana in una zona remota della Papua Nuova Guinea ha provocato la morte di più di duemila persone secondo quanto riferito da Port Moresby. Difficili le operazioni di soccorso. L'Australia pronta a intervenire per fornire aiuti

PUBBLICITÀ

È tragico il bilancio dei morti per la frana che ha seppellito un villaggio in una zona remota della Papua Nuova Guinea. Un membro delle Nazioni Unite ha fatto sapere che i morti sarebbero oltre duemila.  Lo ha comunicato Port Moresby alle Nazioni Unite: "La frana ha sepolto più di duemila persone vive e ha causato gravi distruzioni", ha dichiarato il centro nazionale disastri del Paese all'ufficio Onu di Port Moresby. La frana ha colpito la provincia di Enga, a circa 600 chilometri a nord-ovest della capitale Port Moresby, nelle prime ore di venerdì mattina.

I residenti delle aree circostanti hanno raccontato che i massi e gli alberi di una montagna crollata hanno seppellito parti della comunità. Il capo della missione dell'Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (Oim) nel Paese dell'Oceania Serhan Aktoprakha dichiarato che la frana ha colpito il villaggio di Yambali, a circa due ore di macchina dal capoluogo provinciale di Enga, Wabag.

“Il terreno continua a franare e quindi è molto difficile operare”, ha dichiarato Serhan Aktoprak, citando i rapporti del personale dell'Oim e di altre persone dislocate dal capoluogo di provincia al villaggio colpito.

Yambali si trova lungo una strada che parte dalla capitale e che ora è bloccata, ostacolando gli sforzi di soccorso. Aktoprak ha poi detto che l'area colpita copre la dimensione di tre o quattro campi da calcio e che il villaggio ospita quasi quattromila persone.

L'acqua è inaccessibile nell'area colpita, le linee elettriche sono interrotte e gli abitanti del villaggio avranno probabilmente difficoltà ad accedere al cibo. “I bisogni immediati sono ripari, altri beni non alimentari come coperte e lenzuola, cibo e acqua potabile”, ha aggiunto il capo missione.

Operazioni di soccorso per il recupero corpi

La Papua Nuova Guinea è una nazione diversificata, in via di sviluppo, composta per lo più da agricoltori di sussistenza e in cui si parlano oltre 800 lingue locali. Ci sono poche strade al di fuori delle grandi città.Le telecomunicazioni sono scarse, soprattutto al di fuori della capitale Port Moresby. Solo 1,66 milioni di persone in tutto il Paese usano Internet e l'85% della popolazione vive in aree rurali.

Il primo ministro della Papua Nuova Guinea, James Marape, ha dichiarato che le autorità stanno rispondendo e che renderà note le informazioni sull'entità delle distruzioni e delle perdite di vite umane non appena saranno disponibili.

“Stiamo inviando i funzionari addetti ai disastri, le Forze di Difesa e il Dipartimento dei Lavori e delle Autostrade per iniziare i lavori di soccorso, il recupero dei corpi e la ricostruzione delle infrastrutture”, ha dichiarato Marape in un comunicato.

L'Australia, Paese vicino di casa e il più generoso fornitore di aiuti esteri della Papua Nuova Guinea, ha dichiarato che il governo è pronto a fornire aiuto. “Inviamo le nostre più sentite condoglianze alla popolazione della Papua Nuova Guinea in seguito alla frana”, ha scritto il ministro degli Esteri Penny Wong su X. “La perdita di vite umane e la distruzione sono devastanti”.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Un villaggio danese minacciato da una frana tossica, rischio disastro ambientale

Frana in Papua Nuova Guinea, si cercano superstiti: almeno 670 morti e duemila sepolti dalle macerie

Papua Nuova Guinea, 15 morti per una sommossa: scontri, fiamme, saccheggi nelle due città principali