Un villaggio danese minacciato da una frana tossica, rischio disastro ambientale

L'area interessata da una frana di diversi milioni di tonnellate di terreno contaminato vicino al villaggio di Oelst, Randers, Danimarca.
L'area interessata da una frana di diversi milioni di tonnellate di terreno contaminato vicino al villaggio di Oelst, Randers, Danimarca. Diritti d'autore Bo Amstrup/Ritzau Scanpix via AP
Di Euronews Green Agenzie:  AP
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Dopo nove giorni, la Nordic Waste, la società incaricata del sito, ha rinunciato a tentare di mantenere sotto controllo la frana.

PUBBLICITÀ

Le autorità danesi stanno lavorando contro il tempo per impedire che una frana di terreno contaminato, in lento movimento, raggiunga una vicina fonte d'acqua. I funzionari pubblici e la società che gestiva il sito stanno discutendo su chi debba pagare per la bonific, i cui costi rischiano di essere stellari.

Il cumulo di terra, alto 75 metri, si trova presso l'impianto di ritrattamento Nordic Waste a sud della città di Randers, nella Danimarca nord-occidentale. Contiene circa 3 milioni di metri cubi di terreno contaminato da metalli pesanti e prodotti petroliferi e si sta lentamente spostando verso il villaggio di Ølst, che conta 400 abitanti.

Inizialmente la frana si muoveva a un ritmo di 40 centimetri all'ora verso un corso d'acqua collegato al Mar Baltico attraverso il fiordo di Randers, ma da allora ha rallentato a circa 2 metri al giorno.

Un cumulo di terra alto 75 metri nel sito dell'impianto di ritrattamento Nordic Waste.
Un cumulo di terra alto 75 metri nel sito dell'impianto di ritrattamento Nordic Waste.Bo Amstrup/Ritzau Scanpix via AP

Il disastro è iniziato il 10 dicembre e nove giorni dopo Nordic Waste ha rinunciato a tenerlo sotto controllo, lasciando il compito al Comune di Randers, che ha deviato il corso d'acqua con la posa di tubi che gli consentono di superare il sito in sicurezza.

Il ministro dell'Ambiente Magnus Heunicke ha dichiarato venerdì che le autorità stanno lavorando per estendere questi tubi e che si sta costruendo un muro di palancole, oltre a diversi bacini per l'acqua contaminata.

Dobbiamo separare l'acqua inquinata da quella pulita, ed è davvero difficile.
Magnus Heunicke
Ministro dell'Ambiente danese

I problemi principali sono rappresentati dall'acqua piovana e dallo scioglimento delle nevi, ha dichiarato Heunicke. Nell'ultima settimana, la Danimarca occidentale ha visto enormi quantità di neve e pioggia.

"Dobbiamo separare l'acqua inquinata da quella pulita", ha dichiarato in una conferenza stampa, aggiungendo che si tratta di un compito "davvero difficile".

Il primo ministro Mette Frederiksen ha affermato che "naturalmente sarebbe ingiusto se i bambini o gli anziani di Randers dovessero pagare questo conto".
Il primo ministro Mette Frederiksen ha affermato che "naturalmente sarebbe ingiusto se i bambini o gli anziani di Randers dovessero pagare questo conto".Bo Amstrup/Ritzau Scanpix via AP

Si tratta di un evento naturale o causato dall'attività umana?

La United Shipping and Trading Company (USTC), che è alla base della Nordic Waste, **in precedenza aveva attribuito la colpa della frana a condizioni climatiche al di fuori del suo controllo.
**

Il 2023 è stato l'anno più piovoso di sempre in Danimarca. Ciò ha provocato un disastro naturale di dimensioni mai viste prima.
United Shipping and Trading Company

L'area "è stata esposta a enormi quantità di pioggia, dato che il 2023 è stato l'anno più piovoso di sempre in Danimarca. Ciò ha provocato un disastro naturale di dimensioni mai viste prima in Danimarca", ha dichiarato.

La frana non può essere considerata un 'evento naturale raro e inevitabile'.
Servizio Geologico della Danimarca e della Groenlandia

Lunedì, un rapporto del Servizio geologico della Danimarca e della Groenlandia (GEUS) ha dichiarato che la causa principale della frana non è stata la pioggia, ma il deposito continuo di terra sopra una fossa di argilla in pendenza. Pertanto, la frana "non può essere considerata un 'evento naturale raro e inevitabile'", ha dichiarato il GEUS.

Si pensa che il cumulo di rifiuti tossici contenga anche materiale portato dalla Norvegia. GEUS ha aggiunto che ci sono state frane nella regione dal 2021.

La frana si sta muovendo a una velocità massima di 40 centimetri all'ora verso un corso d'acqua collegato al Mar Baltico attraverso il fiordo di Randers.
La frana si sta muovendo a una velocità massima di 40 centimetri all'ora verso un corso d'acqua collegato al Mar Baltico attraverso il fiordo di Randers.Bo Amstrup/Ritzau Scanpix via AP

Chi pagherà la bonifica?

Non è ancora chiaro chi dovrà pagare per la bonifica. Nordic Waste è stata dichiarata fallita all'inizio di questa settimana dopo che l'Agenzia danese per la protezione dell'ambiente le ha ordinato di fornire una garanzia di oltre 200 milioni di corone (17,7 milioni di euro) per evitare un disastro ambientale.

Il primo ministro danese Mette Frederiksen ha visitato il sito lunedì e ha detto che sarebbe stato ingiusto se i contribuenti danesi avessero dovuto pagare.

La situazione è molto più grave di quanto si potesse immaginare e il compito di salvare l'area è molto più grande di quello che Nordic Waste o USTC possono affrontare.
Nina Østergaard Borris
AD di Nordic Waste

Nina Østergaard Borris, amministratore delegato di Nordic Waste, ha dichiarato che ci vorranno cinque anni per ripristinare il sito e che potrebbe costare miliardi di corone. Ha detto che la situazione "è molto più grave di quanto si potesse immaginare e il compito di salvare l'area è molto più grande di quello che Nordic Waste o USTC possono affrontare".

Il caso ha dato il via a un dibattito sulla responsabilità morale di Nordic Waste. Il governo si è scagliato contro il sesto uomo più ricco della Danimarca, Torben Østergaard-Nielsen, che è dietro USTC, per non aver pagato.

"Vogliamo fare tutto ciò che è in nostro potere per far pagare chi inquina", ha dichiarato il ministro dell'ambiente Magnus Heunicke.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Qualità dell'aria: accordo nella Ue sull'inquinamento atmosferico

Gli ambientalisti sono allarmati dal nuovo mercato dei certificati di rimozione del carbonio

Inquinamento atmosferico: Parlamento Ue e Stati membri lavorano a un accordo