Papua Nuova Guinea, 15 morti per una sommossa: scontri, fiamme, saccheggi nelle due città principali

Fermo immagine di un video che mostra la protesta a Port Moresby, 10 gennaio 2024
Fermo immagine di un video che mostra la protesta a Port Moresby, 10 gennaio 2024 Diritti d'autore AP/AP
Di Michela Morsa
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Centinaia di persone hanno approfittato dell'assenza delle forze dell'ordine, in sciopero per il taglio dei salari, per creare disordine. La Papua Nuova Guinea deve fare i conti con la rabbia popolare causata dall'aumento del costo della vita e della disoccupazione

PUBBLICITÀ

Almeno 15 persone sono rimaste uccise durante una sommossa che ha lasciato in fiamme le due maggiori città della Papua Nuova Guinea. 

I disordini sono iniziati mercoledì nella capitale Port Moresby quando centinaia di agenti di polizia, soldati, personale carcerario e altri dipendenti pubblici hanno abbandonato il loro posto di lavoro per scioperare contro un taglio dei salari. Il governo ha attribuito la riduzione degli stipendi a un errore amministrativo e ha promesso di risolvere il problema.

La protesta dei dipendenti pubblici è stata largamente pacifica, ma nel frattempo centinaia di persone hanno approfittato dell'assenza delle forze dell'ordine per scendere in strada, causando scontri e gravi danni. Negozi e auto sono stati distrutti e dati alle fiamme, supermercati e altri esercizi commerciali sono stati saccheggiati

Simili disordini hanno causato ingenti danni anche a Lae, la seconda città del Paese del Pacifico sud-occidentale. Secondo alcune testimonianze, molte persone sono arrivate dalle periferie.

Il governo sta lavorando per ristabilire l'ordine. Giovedì sono arrivati a Port Moresby 180 soldati per placare la sommossa. Il primo ministro James Marape ha dichiarato che la capitale è "sotto stress e sotto pressione", ma che la violenza si è attenuata. 

"La polizia non era al lavoro ieri in città e la gente ha fatto ricorso all'illegalità - non tutta la gente, ma in alcuni segmenti della nostra città", ha detto Marape in una conferenza stampa giovedì. "Il rapporto sulla situazione di questa mattina mostra che la tensione in città è diminuita".

L'incidente fa seguito a tensioni più ampie nel Paese causate dall'alto tasso di disoccupazione e dall'aumento del costo della vita. La Papua Nuova Guinea è una Nazione diversificata e in via di sviluppo, composta per lo più da agricoltori di sussistenza, in cui si parlano circa 800 lingue. 

Il Paese ha difficoltà a contenere l'escalation di violenza tribale e i disordini civili nelle regioni più remote e ha l'obiettivo a lungo termine di aumentare il numero di agenti di polizia da 6mila a 26mila. 

Con 10 milioni di abitanti, è la nazione più popolosa del Pacifico meridionale dopo l'Australia, che ne ospita 26 milioni. Il mese scorso Papua Nuova Guinea e Australia hanno firmato un patto di sicurezza bilaterale. Il primo ministro australiano Anthony Albanese ha lanciato un appello alla calma e ha dichiarato che il suo governo non ha ricevuto alcuna richiesta di aiuto dal vicino.

"La nostra alta commissione a Port Moresby sta tenendo d'occhio molto da vicino ciò che sta accadendo, assicurandosi che gli australiani siano assistiti", ha detto Albanese ai giornalisti giovedì.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Confine Polonia-Ucraina: riprendono le proteste di agricoltori e camionisti polacchi

Serbia: proteste a Belgrado per i presunti brogli, si torna a votare in trenta seggi del Paese

Madrid, proteste e scontri contro l'amnistia alla vigilia del voto di fiducia a Sánchez