Gaza, pronto il piano di Netanyahu per l'evacuazione di Rafah. Gli Usa paracadutano altri aiuti

Colonna di fumo dopo un attacco aereo israeliano nella Striscia di Gaza
Colonna di fumo dopo un attacco aereo israeliano nella Striscia di Gaza Diritti d'autore Abdel Kareem Hana/Copyright 2024 The AP. All rights reserved.
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Gli Stati Uniti non sono stati informati del piano di Israele. "Vorremmo certamente avere l'opportunità di vederlo" ha detto il portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale, Kirby

PUBBLICITÀ

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha approvato venerdì il piano per l'imminente operazione militare a Rafah, che comprende le misure per evacuare i rifugiati civili presenti in città. Il piano è stato annunciato dopo una riunione del gabinetto di guerra israeliano.

I dettagli sulle misure di evacuazione e sulla successiva operazione militare non sono noti. In particolare, gli Stati Uniti non sono stati informati. "Vorremmo certamente avere l'opportunità di vedere questo piano" ha detto il portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale, Kirby.

Nuova proposta di Hamas: prigionieri, cessate il fuoco e ritiro

Allo stesso tempo, sembra essere in cantiere un altro piano: si tratta di una proposta di Hamas, avanzata giovedì. Dopo la stessa riunione del gabinetto di guerra, è stato annunciato che Israele invierà una nuova delegazione in Qatar per discutere la bozza, anche se Netanyahu ha definito la nuova proposta "irrealistica".

Venerdì, decine di parenti e sostenitori degli ostaggi israeliani hanno manifestato a Tel Aviv, esprimendo un certo ottimismo e sollecitando le autorità a cogliere l'opportunità di una tregua.

Anche di questo piano non si sa molto. Secondo le agenzie internazionali, prevede lo scambio di prigionieri: donne e bambini in cambio di un massimo di 1.000 prigionieri palestinesi. La seconda fase dovrebbe essere il cessate il fuoco e il ritiro di Israele da Gaza, dopodiché si potrebbe discutere di uno scambio totale.

Israele nega la responsabilità degli spari sui civili

Le forze di difesa israeliane (Idf) hanno negato con forza le accuse di una nuova sparatoria contro i civili in coda per gli aiuti alimentari nel centro di Gaza. 

Secondo fonti palestinesi, giovedì l'esercito israeliano ha aperto il fuoco sulla folla a sud di Gaza City, uccidendo più di 20 persone e ferendone altre 150.

Venerdì, l'Idf ha reso pubbliche delle riprese aeree che dimostrerebbero sia stato un uomo armato palestinese ad aprire il fuoco proprio in mezzo alla folla. Molte persone, secondo l'Idf, sono poi morte nella calca.

Il ragazzo che non vuole morire di fame

Si è arrampicato su un palo dell'elettricità per supplicare i soldati egiziani e avere del cibo: secondo l'emittente Al Jazeera, il filmato - di cui sembra accertata la veridicità - mostra un ragazzo palestinese supplicare i soldati egiziani per avere del cibo

"Vogliamo mangiare, vogliamo vivere", ha detto l'adolescente dopo aver scalato il palo, nel tentativo di salire sopra la recinzione al confine meridionale di Gaza.

Intanto, il portavoce del governo di Gaza afferma che 36 persone sono state uccise durante gli attacchi dell'esercito israeliano al campo profughi di Nuseirat.

La maggior parte erano bambini.

La Open Arms sta già scaricando gli aiuti

La nave di aiuti Open Arms, battente bandiera spagnola, ha finalmente iniziato a scaricare gli aiuti umanitari - cibo e beni di prima necessità - inviati dall'organizzazione no-profit "World Central Kitchen".

L'Idf ha dichiarato che la nave "conteneva 130 contenitori di materiale umanitario, 115 tonnellate di cibo e acqua, che sono stati trasferiti su 12 camion WCK, che li distribuiranno nel nord della Striscia di Gaza".

Il viaggio è stato annunciato come un test pilota della nuova rotta di aiuti sponsorizzata, tra gli altri, dalla Commissione europea, ma non è ancora chiaro se sia considerato un successo e cosa e quando seguirà.

Nuovi aiuti paracadutati dali Usa

Anche l'esercito degli Stati Uniti dice di aver paracadutato nuovi aiuti umanitari sul nord di Gaza, in cooperazione con l'aviazione giordana.

Riso, farina, latte, pasta e cibo in scatola sono stati lasciati cadere da un aereo da carico militare C-130, ha detto l'US Central Command.

Il piano di lancio aereo, fortemente criticato, prosegue, anche in considerazione del fatto che Israele continua a limitare l'accesso agli aiuti via terra. I lanci aerei garantiscono solo una piccola parte di ciò che è necessario per centinaia di migliaia di persone di Gaza.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

"Stato dell'Unione": Difesa della democrazia, Intelligenza artificiale e aiuti a Gaza

Gaza, ok all'accesso di sei camion con aiuti umanitari, Borrell: "Israele usa la fame come arma"

Gaza, Israele ritira parte dell'esercito: possibile tregua nella Striscia per fine Ramadan