Putin: "Abbiamo armi per colpire i Paesi occidentali"

Putin: "Abbiamo armi per colpire i Paesi occidentali"
Diritti d'autore Alexander Zemlianichenko/Copyright 2024 The AP. All rights reserved
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

In un discorso al Parlamento russo, trasmesso in diretta alla nazione, Putin ha assicurato che ci saranno conseguenze tragiche se la Nato combatterà in Ucraina. Il presidente della Federazione Russa ha parlato della guerra, del confronto con l'Occidente e di altri temi caldi

PUBBLICITÀ

"Tutto quello che l'Occidente sta escogitando porta alla minaccia di un conflitto con armi nucleari e quindi all'annientamento della civiltà". Lo ha detto il Vladimir Putin nel suo discorso annuale all'Assemblea federale russa, giovedì a Mosca.  

Che cosa ha detto Putin nel discorso al Parlamento russo

Il presidente ha riunito i parlamentari, membri del governo e alti dignitari russi in un centro congressi nei pressi della Piazza Rossa, il Gostiny Dvor, affrontando vari temi dalla situazione in Ucraina al confronto con l'Europa, allo stato dell'economia nazionale. Vediamoli.

La potenziale guerra con la Russia se la Nato invia truppe

Il capo del Cremlino ha dichiarato che i Paesi occidentali dicono cose "insensate" sostenendo che la Russia vuole attaccare l'Europa, avvertendo tuttavia che ci saranno conseguenze tragiche se la Nato invierà le sue truppe a combattere in Ucraina. 

"La Russia non ha iniziato questa guerra, ma faremo di tutto per sradicare il nazismo e per proteggere la sovranità dei nostri cittadini", ha ribadito spiegando che le armi russe sono in grado di raggiungere i Paesi occidentali.

Putin si riferisce in particolare ai missili intercontinentali Sarmat che "sono stati consegnati alle forze armate" per il loro dispiegamento, ai missili a propulsione nucleare Burevestnik e alle testate per sottomarini Poseidon "per cui si stanno completando i test".

"È evidente che in un futuro è necessario lavorare per la creazione di una nuova cornice di sicurezza equa e indivisibile per l'Eurasia", ha detto Putin evitando che "l'Occidente ci trascini in una  corsa agli armamenti". 

In questo senso, le accuse degli Stati Uniti che la Russia stia schierando armi nucleari nello spazio sono "infondate", ha rincarato, delle vere e proprie "bufale".

La Russia è pronta "per un dialogo sostanziale su questo argomento" ha precisato Putin, con evidente riferimento alla rivendicazione che il progressivo allargamento della Nato all'Europa orientale (e di recente ai Paesi nordici) costituisca una minaccia alla sicurezza nazionale russa. 

"Non ci ritiremo dall'Ucraina" ha detto Putin al Parlamento russo

Putin ha assicurato che le truppe russe in Ucraina "non si ritireranno, non falliranno, non tradiranno" fino alla vittoria. "Mantengono fermamente l'iniziativa" ha detto "liberando sempre piu' territori".

"Nonostante tutte le prove e l'amarezza delle perdite" ha aggiunto il presidente russo "la gente sostiene l'operazione militare speciale" in Ucraina.

Putin: "L'economia russa nel 2023 ha superato il G7"

"L'anno scorso la Russia è cresciuta a un ritmo superiore a quello globale. Siamo avanzati rispetto ai principali Paesi dell'Unione europea, ma anche a tutti i Paesi del cosiddetto G7" ha detto il capo dello Stato russo.

Per Putin, che a 71 anni cerca il quinto mandato nelle elezioni presidenziali tra due settimane, l'economia nazionale ha mostrato "flessibilità e resistenza" nonostante le sanzioni internazionali imposte dopo l'invasione dell'Ucraina, grazie anche alla collaborazione dei Paesi asiatici (a partire da Cina e India che hanno comprato gas e petrolio russo a prezzi scontati).

Il Fondo monetario internazionale (Fmi) ha stimato il Pil russo al più 3 per nel 2023 e al 2,6 per quest'anno, dopo una flessione dell'uno per cento nel 2022, confermando che le sanzioni hanno avuto un impatto relativo.

Il capo del Cremlino ha annunciato anche il lancio di piani nazionali per raddoppiare il salario minimo (a circa 355 euro entro il 2030) e sostenere i giovani e le famiglie numerose con detrazioni fiscali, in quanto la Russia ha bisogno di "migliorare la qualità della vita delle famiglie con bambini e a sostenere la natalità".

Come ha reagito l'Unione Europea alle minacce di Putin

Putin ha tenuto il discorso alla vigilia dei funerali di Alexei Navalny, che si terrano venerdì a Mosca, e all'indomani della richiesta di aiuto da parte della regione separatista moldava della Transinistria, dove vivono 220mila persone con passaporto russo.

Le parole del presidente russo vanno lette "nel contesto delle imminenti elezioni presidenziali. È lui che ha iniziato la guerra contro l'Ucraina e che è responsabile di tutte le sue conseguenze interne, regionali e globali" ha commmentato il portavoce della Commissione europea, Peter Stano.

"Tutte queste minacce con armi nucleari sono assolutamente inaccettabili e inappropriate", ha proseguito Stano secondo cui Putin "continua a ingannare la propria nazione" e cerca di ingannare anche l'opinione pubblica internazionale "se c'è ancora qualcuno che lo ascolta".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Russia: estesa la detenzione della giornalista russo-americana Alsu Kurmasheva

Attacco terroristico a Mosca, la commemorazione delle diplomazie straniere

Attentato a Mosca: agli arresti un ottavo sospetto, il direttore dell'Fsb accusa Ucraina, Usa e Gb