La vedova di Navalny accusa Putin: "Trattengono il corpo per nascondere il Novichok"

La moglie di Alexei Navalny, Yulia Navalnaya
La moglie di Alexei Navalny, Yulia Navalnaya Diritti d'autore Yves Herman/AP
Diritti d'autore Yves Herman/AP
Di Ilaria Cicinelli
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La vedova di Navalny accusa Putin della morte del marito: "Trattengono il corpo per nascondere il Novichok". Yulia Navalnaya ha dichiarato che porterà avanti la battaglia di Alexei per una Russia migliore. Il racconto di un prigioniero nello stesso carcere solleva dubbi sulle circostanze della morte

PUBBLICITÀ

La vedova del leader dell'opposizione russa Alexei Navalny, Yulia Navalnaya, ha giurato lunedì di portare avanti la lotta contro il Cremlino. Navalnaya ha accusato il presidente russo Vladimir Putin di aver ucciso il marito in prigione e ha giurato di punire lui e altri presunti responsabili.

Navalnaya: "Continuare a lottare per Alexei"

"Uccidendo Alexei, Putin ha ucciso metà di me, metà del mio cuore e metà della mia anima", ha detto Navalnaya in una dichiarazione video. "Ma l'altra metà ce l'ho ancora e mi dice che non ho il diritto di arrendermi. Continuerò il lavoro di Alexei Navalny".

"La cosa principale che possiamo fare per Alexei e per noi stessi è continuare a lottare", ha detto. "Più forte, più ferocemente e più valorosamente di prima. Dobbiamo unirci tutti in un unico forte pugno e colpire quel folle regime, Putin, i suoi compari, i ladri e gli assassini che hanno mutilato il nostro Paese".

I familiari non possono vedere il corpo di Navalny

Le autorità russe hanno negato alla madre l'accesso all'obitorio dove si ritiene sia conservato il corpo del dissidente. 

Navalnaya ha affermato che si stavano rifiutando di consegnare il corpo alla madre di Navalny Ludmilla Navalnaya, per coprire la sua presunta uccisione. La madre di Navalny, 69 anni, e i suoi avvocati non sono stati ammessi all'obitorio di Salekhard lunedì mattina. Il personale non ha risposto quando hanno chiesto se il corpo fosse lì.

La moglie di Navalny poi ricordato il precedente tentativo di avvelenamento con l'agente nervino Novichok nel 2020. "Stanno vigliaccamente nascondendo il suo corpo, rifiutandosi di consegnarlo a sua madre e mentendo in attesa che la traccia di un altro Novichok di Putin scompaia", ha detto Navalnaya.

Le circostanze della morte di Navalny e la detenzione

Navalny è morto lo scorso venerdì 16 febbraio, all'età di 47 anni. Le cause sono ancora sconosciute. 

Il Servizio penitenziario federale russo ha riferito che Navalny si è sentito male dopo una passeggiata venerdì e ha perso i sensi nella colonia penale della città di Kharp, nella regione di Yamalo-Nenets, a circa 1.900 chilometri a nord-est di Mosca. È arrivata un'ambulanza, ma non è stato possibile rianimarlo, ha dichiarato il servizio, aggiungendo che la causa della morte è ancora "in fase di accertamento".

Il racconto di un prigioniero sulla morte di Navalny a Novaya Gazeta

Reuters riporta come un detenuto della stessa colonia penale rimasto anonimo ha raccontato al quotidiano Novaya Gazeta che la sera del 15 febbraio nella prigione è esplosa una "strana confusione". Le guardie hanno accelerato i controlli serali dei prigionieri e rafforzato la sicurezza.

La mattina del 16 febbraio le guardie che hanno confiscato telefoni cellulari e altri oggetti ai prigionieri. Poco dopo è arrivato un comitato dell'ufficio centrale del servizio penitenziario federale, ha detto il prigioniero.

Il prigioniero ha detto che nel carcere sono venuti a conoscenza della morte di Navalny intorno alle 08:00 ora di Mosca, diverse ore prima che la sua morte fosse annunciata ufficialmente dal servizio carcerario, ma che un'ambulanza è arrivata solo dopo che il decesso era stato accertato. Non è stato possibile verificare il racconto.

Alexei Navany nella colonia penale a Kharp
Alexei Navany nella colonia penale a KharpAP/Russian Federal Penitentiary Service via SOTAVISION

Alcuni media russi hanno affermato che il corpo di Navalny presentava dei lividi, forse causati dai tentativi dei medici di rianimarlo. Le notizie non hanno potuto essere confermate in modo indipendente. 

Alcuni media russi hanno riferito che da Mosca sarebbe arrivata una squadra speciale di investigatori. Non è chiaro quando avrà luogo l’autopsia.

Le condanne

Dopo l'ultimo verdetto che gli aveva inflitto una condanna a 19 anni, Navalny aveva detto di aver capito che stava "scontando una condanna a vita, che si misura con la durata della mia vita o con la durata della vita di questo regime".

Era in carcere dal gennaio 2021, quando era tornato a Mosca dopo essersi ripreso in Germania dall' avvelenamento con il Novichok, di cui aveva incolpato il Cremlino. Dal suo arresto ha ricevuto tre pene detentive, per una serie di accuse che ha respinto come politicamente motivate.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Morte di Navalny: sanzioni Usa contro 500 obiettivi in Russia, Biden incontra moglie e figlia

Morte di Navalny, la madre vede il corpo: "Vogliono che seppellisca mio figlio in segreto"

Morte di Navalny: la madre non ha potuto ancora vedere il corpo dell'oppositore russo