EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Russia, Navanly parla dal carcere nell'artico: "Sto bene, sono Babbo Natale al carcere duro"

Il dissidente russo Alexei Navalny
Il dissidente russo Alexei Navalny Diritti d'autore Alexander Zemlianichenko/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Alexander Zemlianichenko/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Di Euronews
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Alexei Navalny, oppositore del presidente russo Vladimir Putin, è stato trasferito in una struttura penitenziaria situata nel Circolo polare artico

PUBBLICITÀ

Dopo settimane di silenzio, l'oppositore russo Alexei Navalny torna a parlare sui social media dalla colonia penale nell'Artico russo dove è stato trasferito. "Non preoccupatevi per me. Sto bene", ha scritto il dissidente pubblicando una serie di messaggi su X in cui descrive il suo trasferimento - a suo dire durato 20 giorni - e le condizioni di detenzione. 

Dal thread su X traspare un'ironia amara. Oltre ad augurare buone feste ai sostenitori e a dichiararsi "sollevato" per essere finalmente arrivato, Navalny si paragona a un "Babbo Natale ma in regime speciale", che quindi "porta doni solo a chi si comporta male". 

La famiglia di Navalny non aveva notizie da tre settimane. Ora si sa che il dissidente si trova nel Circondario autonomo di Jamalo-Nenec, più precisamente a Kharp, una piccola città di circa cinquemila abitanti nella Yamalo-Nenetsia, una regione remota del Nord della Russia. Qui si trovano diverse colonie penali.

L'allarme era stato lanciato dai collaboratori di Navalny a inizio dicembre dopo che era stato negato agli avvocati di entrare nella Colonia penale n. 6 nella regione di Vladimir. Alexei Navalny, 47 anni, sta scontando una condanna a 19 anni di carcere per "estremismo".

Da quasi tre settimane non si avevano notizie del dissidente russo

A renderlo noto è stata la portavoce dello stesso Navalny, Kira Yarmysh,secondo la quale il dissidente "sta bene" e ha potuto ricevere, lunedì scorso, una visita del suo avvocato

Fino a quando di Navalny si erano avute notizie, l'uomo era stato detenuto in una struttura penitenziaria situata circa 240 chilometri a Est di Mosca. Lunedì sera, la Francia ha condannato il trasferimento dell'oppositore russo nell'Artico russo come un'ulteriore violazione dei diritti umani.

Le condanne internazionali

"La segretezza mantenuta per quasi dieci giorni dalla Russia sulla situazione di Alexei Navalny e il suo trasferimento in un luogo di detenzione particolarmente isolato, per isolarlo ulteriormente dai suoi cari in un momento in cui il suo stato di salute si è gravemente deteriorato dopo la sua detenzione, costituiscono nuovi sviluppi inaccettabili e chiare violazioni dei diritti umani", ha reagito una portavoce di Parigi.

Anche gli Stati Uniti hanno dichiarato lunedì di essere "profondamente preoccupati" per le "condizioni di detenzione" di Navalny. 

"Accogliamo con favore la notizia che il signor Navalny è stato localizzato", ha dichiarato un portavoce del Dipartimento di Stato. "Tuttavia, rimaniamo profondamente preoccupati per la sorte del signor Navalny e per le sue ingiuste condizioni di detenzione", ha dichiarato in un comunicato.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Russia: Navalny, nuove accuse da parte della Procura

Russia, in carcere l'attivista alleata di Navalny Ksenia Fadeyeva: è accusata di estremismo

Russia: mandato di arresto per Yulia Navalnaya, la reazione "Putin è un assassino"