EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Scontro tra Pakistan e Iran: si rischia un'escalation regionale

Membri del Muslim Talba Mahaz Pakistan intonano slogan durante una manifestazione per condannare l'attacco dell'Iran nella zona di confine pakistana, a Islamabad, in Pakistan, giovedì.
Membri del Muslim Talba Mahaz Pakistan intonano slogan durante una manifestazione per condannare l'attacco dell'Iran nella zona di confine pakistana, a Islamabad, in Pakistan, giovedì. Diritti d'autore Anjum Naveed/The AP
Diritti d'autore Anjum Naveed/The AP
Di Euronews Agenzie:  AP
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Sono undici le persone morte in seguito agli attacchi aerei tra Pakistan e Iran nella regione dei beluci. Ecco cosa c'è dietro e cosa potrebbe significare per il futuro dei due Paesi

PUBBLICITÀ

Gli attacchi aerei di questa settimana tra Iran e Pakistan, che hanno provocato la morte di almeno 11 persone, segnano un'escalation significativa nelle difficili relazioni tra i due Paesi confinanti.

Le insurrezioni di lungo corso e di basso livello su entrambi i lati del confine hanno frustrato entrambi i Paesi e gli obiettivi apparenti degli attacchi, quello iraniano di martedì e la risposta pakistana di giovedì, erano gruppi di insorti il cui obiettivo è un Belucistan indipendente per le aree di etnia Baloch in Iran, Pakistan e Afghanistan.

La domanda che ci si pone ora è perché l'Iran e il Pakistan abbiano scelto di colpire gli insorti nei rispettivi territori piuttosto che nei propri, considerando il rischio di una conflagrazione più ampia.

Un breve quadro delle relazioni tra Iran e Pakistan

L'Iran e il Pakistan condividono un confine di novecento chilometri, in gran parte privo di leggi, dove contrabbandieri e militanti si aggirano liberamente. Entrambi i Paesi si sono sospettati reciprocamente di sostenere, o almeno di comportarsi con indulgenza, alcuni dei gruppi che operano dall'altra parte del confine.

Si ritiene che Jaish al-Adl, il gruppo separatista sunnita preso di mira martedì dall'Iran, operi dal Pakistan e lanci attacchi alle forze di sicurezza iraniane.

L'Esercito di Liberazione del Belucistan che si è formato nel 2000 e ha lanciato attacchi contro le forze di sicurezza pakistane e i progetti infrastrutturali cinesi, è sospettato di nascondersi in Iran.

A Pakistani checks morning newspapers covering front page story of Iran's strike, at a stall in Islamabad, Pakistan on Thursday
A Pakistani checks morning newspapers covering front page story of Iran's strike, at a stall in Islamabad, Pakistan on ThursdayAnjum Naveed/The AP

Perché il Pakistan si è vendicato giovedì

Il Pakistan ha dichiarato che i suoi attacchi in Iran di giovedì erano diretti ai nascondigli dell'Esercito di liberazione del Belucistan e del Fronte di liberazione del Belucistan. Ha aggiunto di voler inviare un messaggio all'Iran e agli altri Paesi vicini, avvertendo che può reagire in caso di provocazione.

L'ultima volta che il Pakistan ha reagito contro un Paese vicino è stato nel 2019, quando ha abbattuto due aerei da guerra indiani e catturato un pilota nella regione contesa del Kashmir. L'attacco era seguito a un attacco indiano all'interno del Pakistan contro quello che Nuova Delhi sosteneva fosse un campo di addestramento per terroristi.

I due Paesi hanno da tempo relazioni instabili, ma questi attacchi sono probabilmente motivati da dinamiche interne.

Teheran ha subito una crescente pressione per un qualche tipo di azione dopo un attacco mortale del gruppo dello Stato Islamico all'inizio di questo mese, così come la guerra di Israele contro l'alleato iraniano, Hamas, e una più ampia agitazione contro la sua teocrazia. Secondo gli analisti, l'attacco pakistano di giovedì aveva anche uno scopo interno.

"Il governo e l'esercito sono stati sottoposti a un'immensa pressione", ha dichiarato all'AP Abdullah Khan del think tank Pakistan Institute for Conflict and Security Studies di Islamabad, aggiungendo: "La percezione pubblica di un esercito forte non è più quella di una volta, quindi ha dovuto rispondere".

Quanto è probabile che la situazione si aggravi

Giovedì l'esercito iraniano ha iniziato un'esercitazione annuale di difesa aerea che si estende dal porto di Chabahar, vicino al Pakistan, a est, fino al confine con l'Iraq, a ovest. L'esercitazione prevede il fuoco vivo di aerei, droni e sistemi di difesa aerea.

Non si escludono nuovi attacchi da parte dell'Iran e del Pakistan, anche se gli attacchi di questa settimana sollevano interrogativi sulla preparazione dei rispettivi eserciti, in particolare sui loro sistemi radar e di difesa aerea.

Per il Pakistan, tali sistemi sono cruciali, date le costanti tensioni di basso livello con la rivale indiana, dotata di armi nucleari. I suoi equipaggiamenti sono stati a lungo dispiegati lungo quella frontiera, piuttosto che lungo il confine con l'Iran. L'Iran, invece, si affida a radar e sistemi di difesa aerea nel caso di potenziali attacchi da parte del suo principale nemico, gli Stati Uniti.

Cosa significano gli attacchi aerei per l'Iran e il Pakistan

Il lancio di questi attacchi consente a Teheran di indicare che ha intrapreso direttamente un'azione militare senza rischiare un confronto più ampio con Israele e gli Stati Uniti, soprattutto perché le tensioni rimangono alte anche per il programma nucleare iraniano che avanza rapidamente. Tuttavia, gli attacchi aerei potrebbero ritorcersi contro il Pakistan, perché l'Esercito di Liberazione del Belucistan ha dichiarato che vendicherà le uccisioni e farà guerra allo Stato.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Pakistan, esplosioni davanti a due uffici elettorali a un giorno dalle elezioni: almeno 24 morti

Elezioni Iran, ballottaggio per presidente: uno tra Pezeshkian e Jalili al posto del defunto Raisi

Iran: elezioni al via per sostituire il presidente deceduto Ebrahim Raisi