Droni e missili del Pakistan sull'Iran: nove morti tra cui donne e bambini

ministero esteri pakistan
ministero esteri pakistan Diritti d'autore Anjum Naveed/Copyright 2024 The AP. All rights reserved.
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Le forze pakistane hanno risposto agli attacchi di Teheran di martedì nella provincia del Belucistan. Alta la tensione nella regione al confine tra i due Paesi. La Cina media

PUBBLICITÀ

L'aviazione pakistana ha lanciato giovedì mattina attacchi di rappresaglia contro l'Iran che hanno preso di mira postazioni di militanti con droni e missili. 

Il raid sulla città di Saravan, a un'ottantina di chilometri dal confine con il Pakistan, ha ucciso almeno nove persone, tra cuiquattro bambini, secondo le autorità della provincia iraniana di Sistan e Baluchistan.

Le vittime sono tutte di nazionalità non iraniana. Un gruppo separatista, che si chiama "Esercito per la liberazione del Belucistan" ha confermato l'attacco contro dei suoi affiliati, promettendo vendetta.

È stato colpito anche un altro gruppo separatista, il Fronte di liberazione dei beluci.

Un video caricato dai notiziari della città di Saravan mostra un sito colpito dal Pakistan. Sotto le macerie si trovano diversi corpi

Alta tensione tra Pakistan e Iran, Pechino media

Teheran ha condannato fermamente l'attacco e "ha chiesto una spiegazione immediata" al Pakistan, secondo quanto riportato dalla televisione statale.

Il ministero degli Esteri del Pakistan ha detto che si è trattato di "una serie di attacchi militari di precisione altamente coordinati e specificamente mirati". 

Il governo di Islamabad ha tenuto a precisare anche che l'operazione Marg Bar Sarmachar ("Morte ai guerriglieri") non ha avuto come obiettivo la "nazione sorella" dell'Iran, ma terroristi che minano la sicurezza nazionale pakistana.

I separatisti del Belucistan operano da entrambi i lati del confine tra Iran e Pakistan, 900 chilometri lungo cui si muovono quasi liberamente contrabbandieri, militanti e trafficanti di droga.

Esistono diversi gruppi, che da due decenni conducono un'insurrezione a bassa intensità con l'obiettivo di rendere indipendenti le aree tra Afghanistan, Iran e Pakistan dove vive l'etnia dei beluci.

L'Iran ha colpito martedì basi sunnite in Pakistan

Gli attacchi fanno seguito al bombardamento iraniano di martedì in territorio pakistano, che ha ucciso due bambini nella provincia sudoccidentale del Belucistan.

Il governo iraniano ha dichiarato di avere preso di mira le basi del gruppo separatista Jaish al-Ad. Il Pakistan ha denunciato la "palese violazione" del proprio spazio aereo e mercoledì harichiamato il proprio incaricato d'affari a Teheran

L'Iran aveva già colpito obiettivi in Iraq e Siria nei giorni precedenti, entrando di peso nel conflitto regionale scaturito dalla guerra tra Israele e Hamas a Gaza.

I bombardamenti reciproci mettono a rischio le relazioni diplomatiche tra Teheran e Islamabad: l'Iran e il Pakistan, dotato di armi nucleari, si guardano da tempo con sospetto a causa degli attacchi dei militanti.

La Cina ha invitato entrambi gli alleati alla moderazione. Iran e Pakistan sono due territori cruciali per il progetto della Nuova via della seta.

Uno degli snodi più importanti del progetto è il porto pakistano di Gwadar sul Mare arabico, situato proprio nella regione rivendicata dai nazionalisti colpiti questa settimana.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Pakistan: condanna a 14 anni per corruzione per l'ex premier Imran Khan, colpevole anche la moglie

L'Iran sequestra una petroliera nel Golfo di Oman

Iran: due esplosioni causano 103 morti e centinaia di feriti alla cerimonia in ricordo di Soleimani