Il Venezuela vota sì all'annessione della regione ricca di petrolio contesa con la Guyana

Nicolas Maduro
Nicolas Maduro Diritti d'autore Matias Delacroix/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Di Euronews español
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in spagnolo

Maduro ha annunciato domenica una nuova e "potente" tappa nella disputa territoriale con la Guyana, a seguito dei risultati del referendum non vincolante tenutosi nel Paese, in cui la stragrande maggioranza degli elettori ha appoggiato la proposta di annessione dell'area contesa.

PUBBLICITÀ

"Oggi il popolo ha parlato forte e chiaro e stiamo per iniziare una nuova, potente fase, perché abbiamo un mandato popolare, portiamo la voce del popolo", ha detto il presidente Nicolas Maduro davanti alla folla, pochi minuti dopo che il Consiglio nazionale elettorale (Cne) ha annunciato i risultati del referendum. Hanno partecipato più di 2 milioni di elettori che hanno risposto a cinque quesiti.

Il Cne del Venezuela ha annunciato il risultato dopo un'estensione di due ore dell'orario di voto per il referendum, in considerazione della "massiccia affluenza" registrata, nonostante le numerose segnalazioni di bassa affluenza.

Il presidente del Cne, Elvis Amoroso, ha dichiarato che i 15.857 centri allestiti per il referendum non vincolante di domenica sono rimasti operativi fino alle 20 ora locale (00:00 GMT di lunedì) perché, secondo lui, "i venezuelani erano ancora in coda".

Il leader dell'opposizione Henrique Capriles ha dichiarato domenica che l'affluenza al referendum non vincolante tenutosi in Venezuela è stata di 2.110.864 elettori, che indicherebbe un tasso di astensione dell'89,8% in un censimento di 20,69 milioni di elettori.

Capriles, uno degli oppositori di Chavez che hanno votato al referendum, ritiene che il presidente Nicolás Maduro abbia "trasformato" la giornata "in un fragoroso fallimento".

Secondo il primo bilancio del CNE, il 95,93% dei venezuelani che hanno partecipato alla consultazione ha risposto affermativamente al quinto quesito, in cui si chiedeva se fossero d'accordo o meno con l'annessione della zona contesa con la Guyana e la creazione di una nuova regione chiamata Guayana Esequiba.

Il Cne non ha riportato la percentuale di astensione.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Tensione tra Venezuela e Guyana per l'Esequiba: Maduro invia seimila soldati nei Caraibi

Venezuela, mandato d'arresto per il leader dell'opposizione Juan Guaidó

Irlanda: bocciati i referendum per cambiare la Costituzione su famiglia e ruolo della donna