La maggioranza degli ucraini prevede di entrare nell'Ue e nella Nato nel prossimo decennio

FILE - Foto del 5 dicembre 2013: manifestanti dell'opposizione tengono le bandiere dell'UE e dell'Ucraina, a destra, intorno al monumento al poeta ucraino Taras Shevchenko nel centro di Donetsk.
FILE - Foto del 5 dicembre 2013: manifestanti dell'opposizione tengono le bandiere dell'UE e dell'Ucraina, a destra, intorno al monumento al poeta ucraino Taras Shevchenko nel centro di Donetsk. Diritti d'autore AP Photo
Di Joshua Askew
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Gli ucraini restano convinti che il loro Paese entrerà a far parte dei due blocchi occidentali entro dieci anni

PUBBLICITÀ

Nonostante una serie di questioni complesse e lenti progressi, secondo un nuovo sondaggio gli ucraini si aspettano di entrare a far parte della Nato e dell'Ue nel prossimo decennio.

In un articolo pubblicato mercoledì, Gallup ha reso noti i dati del sondaggio che mostrano come il 69% degli ucraini ritenga che il proprio Paese potrà entrare nella Nato entro dieci anni.

Il sondaggio ha anche rilevato che gli ucraini sono altrettanto ottimisti riguardo all'ingresso nell'Ue, con quasi tre persone su quattro che pensano di entrare a far parte del blocco nello stesso periodo.

La società di analisi statunitense ha affermato che la "svolta dell'Ucraina verso l'Occidente" è "cementata".

L'invasione dell'Ucraina da parte di Mosca nel 2022 ha essenzialmente distrutto l'ultimo brandello del sostegno di cui la Russia godeva in Ucraina", ha scritto, mentre l'immagine degli Stati Uniti tra gli ucraini è scivolata giù.

Le interviste per il sondaggio sono state effettuate tra luglio e agosto, subito dopo che la Nato aveva dichiarato che l'Ucraina avrebbe potuto essere ammessa nell'Alleanza militare guidata dagli Stati Uniti - senza però specificare come e quando.

Il 64% degli ucraini si aspettava lo stesso nei primi mesi della guerra, secondo Gallup.

L'anno scorso, gli esperti hanno dichiarato a Euronews che ci sono cinque ragioni fondamentali per cui l'Ucraina non entrerà presto a far parte della Nato - nonostante il fatto che alcuni membri stiano sostenendo la sua candidatura.

Il sondaggio Gallup ha rilevato che il numero di ucraini che credono che il loro Paese entrerà nell'Ue è rimasto invariato tra il 2022 e il 2023, al 73%, mentre il numero di coloro che dicono che non entreranno mai nella Nato è aumentato dal 6% al 7%.

La ricerca ha anche rivelato come la percezione dei Paesi occidentali stia cambiando all'interno dell'Ucraina.

"Dopo l'invasione, gli ucraini hanno denunciato il Cremlino e si sono orientati verso gli Stati Uniti - ha scritto Gallup sul suo sito web - l'approvazione della leadership statunitense è schizzata a un livello record del 66% nei primi mesi della guerra - più alto di qualsiasi valutazione che la Russia abbia mai ricevuto quando era in rapporti più amichevoli con l'Ucraina".

Da allora, l'atteggiamento nei confronti di Washington si è inasprito, a causa della crescente opposizione politica agli aiuti all'Ucraina da parte dei repubblicani statunitensi più intransigenti e dell'esitazione americana a far entrare Kiev nella Nato, anche se il 53% degli intervistati vede ancora il Paese con favore.

Questi due fattori "potrebbero aver creato in Ucraina un'incertezza che ha danneggiato gli Stati Uniti", scrive Gallup.

Allo stesso tempo, le opinioni sui leader tedeschi sono aumentate e sono ora pari a quelle degli Stati Uniti, ha aggiunto Gallup.

Quattro giorni dopo l'invasione del 24 febbraio 2022, l'Ucraina ha presentato domanda di adesione all'Ue: dopo l'annessione di quattro regioni ucraine da parte della Russia, lo scorso settembre, l'Ucraina ha annunciato a sorpresa la richiesta di adesione alla Nato.

Le aspirazioni dell'Ucraina all'Alleanza non sono progredite ulteriormente dopo il comunicato della Nato risalente a luglio.

I membri attuali (Polonia, Romania, Slovacchia, Repubblica Ceca, Estonia, Lettonia, Lituania, Montenegro e Macedonia del Nord) sostengono la loro candidatura, ma il segretario generale Stoltenberg ha dichiarato che Kiev deve prima vincere la guerra contro la Russia.

I negoziati sulla futura adesione dell'Ucraina potrebbero comunque iniziare già a dicembre.

PUBBLICITÀ

Tuttavia, afflitto da profondi problemi strutturali, in particolare la corruzione, è improbabile che il Paese sia presto accontentato.

"Anche se il come e il quando sono ancora oscuri, il messaggio della Nato e dell'Ue all'Ucraina è chiaro: entrambi credono che il futuro dell'Ucraina sia con loro - ha scritto Gallup - quasi tutti gli ucraini condividono fermamente questa convinzione, uno su dieci pensa che non accadrà mai".

"Dopo 18 mesi di guerra con la Russia, il dirottamento dell'Ucraina verso l'Occidente sembra completo, mentre i profondi legami culturali, economici e politici che esistevano tra Ucraina e Russia stanno diventando sempre più parte del passato", hanno aggiunto.

Russia e Cina, nel frattempo, sono rimaste con pochi ammiratori in Ucraina.

Meno della metà dell'1% degli ucraini intervistati da Gallup approva la leadership della Russia, mentre la guerra con l'Ucraina continua.

PUBBLICITÀ

L'approvazione della leadership cinese è scesa a un nuovo minimo dell'8%, "probabilmente riflettendo il disappunto degli ucraini per il rifiuto del Paese di smettere di acquistare energia dalla Russia", ha dichiarato la società di analisi statunitense.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Il governo tedesco agli ucraini: "È ora di mettersi al lavoro"

La Nato addestra i civili ucraini a disinnescare le bombe inesplose

Stoltenberg a Kiev: "Ucraina più vicina alla Nato che mai". Intanto Mosca aumenta la spesa militare