EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Il governo tedesco agli ucraini: "È ora di mettersi al lavoro"

Il ministro tedesco del Lavoro e degli Affari sociali Hubertus Heil. (Berlino, 18 ottobre 2023)
Il ministro tedesco del Lavoro e degli Affari sociali Hubertus Heil. (Berlino, 18 ottobre 2023) Diritti d'autore Bernd von Jutrczenka/dpa via AP
Diritti d'autore Bernd von Jutrczenka/dpa via AP
Di Euronews Next - Cristiano Tassinari - AP
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Il governo tedesco ha annunciato un'iniziativa per inserire nel mondo del lavoro un maggior numero di rifugiati ucraini, ora che molti di loro hanno una buona conoscenza della lingua tedesca

PUBBLICITÀ

Il governo tedesco del Cancelliere Olaf Scholz ha annunciato un'iniziativa per inserire nel mondo del lavoro un maggior numero di rifugiati ucraini e di altre nazionalità, ora che molti di loro - dopo i corsi intensivi - hanno una conoscenza buona della lingua tedesca.

Il governo di Berlino sta così cercando di affrontare sia la carenza di manodopera qualificata che le preoccupazioni per gli alti livelli di immigrazione.

La Germania ha accolto più di un milione di ucraini dopo l'invasione russa dello scorso anno e sta assistendo alla presenza sempre crescente di rifugiati e migranti provenienti da altri Paesi.

A differenza di altri cittadini, gli ucraini ricevono immediatamente lo status di residenti in Germania e negli altri 26 Paesi dell'Unione europea.

Il ministro tedesco del Lavoro Hubertus Heil ha dichiarato che 132.000 ucraini hanno già trovato lavoro.

"È un successo, ma non è sufficiente", ha dichiarato mercoledì a Berlino, il ministro del Lavoro. "È ora di entrare in una nuova fase".

Se si considerano gli ucraini e gli altri che hanno recentemente completato o completeranno presto i corsi di integrazione, che includono l'apprendimento della lingua, c'è "un potenziale per il nostro mercato del lavoro di circa 400.000 persone", che attualmente ricevono sussidi e parlano già il tedesco, ha aggiunto il ministro.

È ora di mettersi al lavoro!

Il "turbo lavoro" che il governo sta lanciando consiste nel far sì che i centri per l'impiego si impegnino maggiormente nell'inserimento dei rifugiati nel mondo del lavoro.
L'idea è che i funzionari dei centri per l'impiego si incontrino con i rifugiati al massimo ogni sei settimane per aiutarli a cercare un lavoro adeguato e ad affrontare i potenziali ostacoli.

"È chiaro che ci aspettiamo che anche i cittadini ucraino facciano degli sforzi e che le offerte vengano accettate", ha detto Heil, sottolineando che i sussidi per i disoccupati possono essere ridotti o cancellati se le persone rifiutano accettare qualche lavoro loro proposto.
Il ministro del Lavoro ha dichiarato di voler coinvolgere anche le imprese e ha in programma un incontro con le organizzazioni dei datori di lavoro il prossimo 20 novembre.

Il governo intende anche accelerare il riconoscimento delle qualifiche professionali straniere. Sta nominando un alto funzionario dell'Agenzia federale del lavoro, Daniel Terzenbach, per supervisionare gli sforzi come "inviato speciale" per l'integrazione dei rifugiati nel mercato del lavoro.

Il ministro del Lavoro Heil ha detto che il messaggio ai rifugiati che hanno una prospettiva di permanenza a lungo termine in Germania è che "ora è il momento di mettersi al lavoro", con l'aiuto dei servizi dedicati alla ricerca di lavoro.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La maggioranza degli ucraini prevede di entrare nell'Ue e nella Nato nel prossimo decennio

Irlanda, "troppi rifugiati ucraini, il turismo ne risente"

A Budapest, un'oasi di normalità per i rifugiati ucraini