EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

L'Aia, Mosca respinge ogni accusa di genocidio in Ucraina

Corte internazionale di giustizia, L'Aia
Corte internazionale di giustizia, L'Aia Diritti d'autore Peter Dejong/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Peter Dejong/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Di Debora Gandini
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Potrebbero passare mesi prima che la Corte decida se il caso potrà essere portato avanti

PUBBLICITÀ

La Russia chiede alla Corte internazionale di giustizia dell’Aia di respingere la causa di genocidio nei suoi confronti intentata dall’Ucraina. Secondo i suoi rappresentanti non ci sono basi legali per sostenere tutto.

Kiev invece sostiene che il Cremlino per giustificare l’invasione aveva accusato l’Ucraina di crimini contro l’umanità nel Donbass, a partire dal 2014. Dall’ottobre 2022 la Federazione Russa ha sollevato eccezioni preliminari sulla giurisdizione della Corte e sull’ammissibilità del ricorso dell’Ucraina. 

Il 16 marzo 2022 la Corte internazionale di giustizia delle Nazioni Unite ha ordinato alla Federazione Russa di cessare immediatamente l’invasione dell’Ucraina.

Le udienze si svolgeranno in due turni: i rappresentanti della Russia parlano questo lunedì e il 25 settembre, mentre la controparte ucraina avrà la parola il 19 e 27 settembre.

La controversia riguarda l’interpretazione, l’applicazione e l’attuazione della Convenzione del 1948 sulla prevenzione e la repressione del crimine di genocidio.Le parti, compresi gli Stati che hanno preso l’iniziativa di unirsi al caso, presenteranno le rispettive posizioni.

Un totale di 32 Stati hanno aderito al caso con i loro interventi. Parteciperanno anche all’udienza in tribunale. Il 5 giugno 2023, l’ICJ ha approvato un’ordinanza in cui conferma che gli interventi dei 32 stati sono accettabili. Si tratta di un numero di Stati partecipanti senza precedenti nella storia: 34 dei 193 membri dell’ONU, cioè quasi il 20%, prendono parte al processo.

Il tribunale terrà un’udienza sulla giurisdizione e, se l’ICJ ritiene di avere giurisdizione sul caso e che la richiesta è ammissibile in tutto o in parte, il passo successivo è esaminare il caso nel merito.

Potrebbero passare mesi prima che la corte decida se il caso potrà essere portato avanti. Prima di una sentenza definitiva sulle accuse di genocidio ci potrebbero volere anni.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Droni russi su Leopoli: due feriti. Nuovi aiuti dalla Germania: I dubbi sui missili "Taurus"

Guerra in Ucraina, Nato pronta ad aiutare Kiev con impegni a lungo termine

A Bruxelles la cerimonia per l'adesione della Svezia alla Nato, Stoltenberg: "È bello avervi qui"