EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Droni russi su Leopoli: due feriti. Nuovi aiuti dalla Germania: I dubbi sui missili "Taurus"

Il ministro della Difesa tedesco Boris Pistorius.
Il ministro della Difesa tedesco Boris Pistorius. Diritti d'autore Screenshot Eurovision
Diritti d'autore Screenshot Eurovision
Di Cristiano TassinariEuronews World
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Altri 400 milioni di euro di aiuti militari da Berlino a Kiev, ma dubbi sui missili "Taurus", che hanno una gittata di circa 500 km: non devono essere usati contro il territorio russo. Il governo del Cancelliere Scholz sta riflettendo se inviarli o meno all'Ucraina

PUBBLICITÀ

573 giorni di guerra. 
Nella notte, un attacco di droni russi ha colpito la città ucraina di Leopoli, non lontana dal confine polacco, causando il ferimento di due persone, di cui una in gravi condizioni, estratte dalla macerie della loro casa. 
In seguito all'attacco, è scoppiato un vasto incendio. 
Lo ha reso noto il sindaco di Leopoli, Andriy Sadovoy
In tutta la regione di Leopoli si sono sentiti suoni di esplosioni. 

Intanto, in Germania...

Il ministro della Difesa tedesco Boris Pistorius sta preparando un nuovo pacchetto di aiuti per l'Ucraina: il costo è di 400 milioni di euro.
Gli aiuti comprendono veicoli blindati, munizioni e sistemi di sminamento.

Secondo il governo federale tedesco, il totale degli aiuti dalla Germania all'Ucraina, da febbraio 2022 fino alla fine del 2023 (comprese le consegne previste, ma non ancora effettuate) supera già i 5,4 miliardi di euro.

"I ministri Ue ne discuteranno a New York!

I ministri europei di Esteri e Difesa si sono incontrati il 30 agosto a Toledo. Riparleranno dell'Ucraina in questi giorni a New York, durante l'High Level Week dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite. 

"Parleremo dei nostri futuri impegni di sicurezza nei confronti dell'Ucraina. A Toledo ne abbiamo già discusso. i ministri messo sul tavolo diverse proposte su cui continueremo a discutere, in preparazione dell'incontro che avremo a Kiev nelle prossime settimane, ad inizio ottobre", ha dichiarato il capo della diplomazia europeo, lo spagnolo Josep Borrell

Screenshot Eurovision
Josep Borrell, durante la dichiarazione.Screenshot Eurovision

Dubbi tedeschi

La Germania, tuttavia, non ha ancora deciso sui missili a lungo raggio "Taurus" richiesti da Kiev.
Venerdì scorso il ministro tedesco Pistorius aveva dichiarato che i missili potrebbero essere inviati in Ucraina “entro poche settimane”, ma il governo del Cancelliere Olaf Scholz nutre ancora qualche dubbio.
Uno di questi è garantire che i missili "Taurus", con una gittata di circa 500 km, non vengano utilizzati per colpire il territorio russo. 
L’altro è che l’implementazione in Ucraina di questo complesso sistema potrebbe richiedere l’assistenza di specialisti tedeschi.

Verso Bakhmut

Dal fronte, Kiev ha annunciato un importante successo nella sua controffensiva, con la penetrazione delle difese russe vicino a Bakhmut.
Secondo quanto riportato dalle forze ucraine, ora potrebbero prendere possesso di un’importante ferrovia che porta alla città.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ucraina: nella cittadella di Mariapolis gli sfollati aiutati dalla ong italiana

L'Aia, Mosca respinge ogni accusa di genocidio in Ucraina

Nato: per Stoltenberg l'Occidente deve ridurre le restrizioni sulle armi all'Ucraina