EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

I minori ucraini a scuola, per lasciarsi la guerra alle spalle

Image
Image Diritti d'autore Euronews
Diritti d'autore Euronews
Di Alberto De Filippis
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Centinaia di migliaia di bambini, adolescenti e ragazzi cercano di continuare la loro educazione nei paesi limitrofi nel pien dell'aggressione russa

PUBBLICITÀ

Per i bambini ucraini in Polonia questo è già il secondo anno scolastico fuori dal loro paese. Sono più di 170.000 i minori iscritti nelle scuole polacche  – questo significa statisticamente che ci sarà almeno uno studente proveniente dall’Ucraina devastata dalla guerra in ciascuna delle 85.000 aule polacche.

Alcuni si sono iscritti alle scuole polacche, altri hanno deciso di frequentare le scuole ucraine come questa. A Varsavia come in altre città, le strutture e il sistema scolastico polacco debbono affrontare nuove sfide.

Dice Marina Yusyn di Unbreakable Ucraina: "La cosa più impegnativa è stata passare dall'istruzione gratuita a quella basata sulle tasse scolastiche, abbiamo dovuto farlo a causa della diminuzione dei donatori internazionali. L'assistenza ai rifugiati ucraini all'estero sta leggermente diminuendo, diciamo, ma questo non è male perché l'assistenza in Ucraina è in aumento." 

Gli studenti apprezzano l'istruzione in ucraino e l'atmosfera familiare che la scuola è riuscita a creare.

Viktoria: "Siamo stati qui e abbiamo viaggiato in Ucraina [durante le vacanze], ma abbiamo cercato di rimanere in contatto con i nostri compagni di classe. Oggi è un po' impegnativo, dopotutto siamo già in terza media, ma ci troviamo felicemente in un'azienda molto calorosa dove tutti si supportano a vicenda."

Continua Marina Yusyn: "La nostra missione è lavorare con i bambini ucraini, con le giovani generazioni che cresceranno e torneranno in Ucraina per costruire il Paese".

Altri bambini frequentano le scuole polacche, il che richiede più impegno, sostegno e attenzione. Tuttavia, le scuole polacche sembrano essere più impegnative per i rifugiati ucraini e, sebbene molti abbiano trovato la loro strada, ci sono bambini che hanno ancora bisogno di molto sostegno e attenzione.

Dice Alan Moseley di Rescue Committee: "Lo stress dello spostamento, del trauma e l'incertezza che ne deriva colpisce i genitori e anche i bambini. Quindi i bambini ci hanno riferito la sensazione di "aver perso il mondo intero" - questa è stata una frase che è emersa nel nostro studio. E questo ha reso più difficile per loro concentrarsi, adattarsi e avere successo nelle scuole polacche. Ci sono ancora sfide e barriere specifiche che i bambini ucraini devono affrontare, quindi ad esempio la barriera linguistica è quella che ci è stata menzionata che impedisce ai bambini di essere accettati, e essere incluso."

Come rilevato dalle Nazioni Unite, solo meno della metà dei bambini ucraini sono iscritti nelle scuole in Polonia. Pertanto, le Nazioni Unite hanno lanciato un appello ai genitori affinché iscrivano i propri figli nel sistema educativo offline poiché le scuole non riguardano solo l’apprendimento, ma anche la socializzazione e il benessere mentale.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Portatela da casa: cosa c'è dietro la cronica mancanza di carta igienica nelle scuole italiane?

Elezioni europee: Tusk invita i polacchi a votare, "Ue unico modo per evitare la guerra"

Polonia: il progetto di coalizione conservatrice Ppe-Ecr sulla strada del fallimento