EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

"Non abbattete i nostri alberi¨!". Proteste a Madrid

Immagine d'archivio
Immagine d'archivio Diritti d'autore Virginia Mayo/AP Photo
Diritti d'autore Virginia Mayo/AP Photo
Di Jaime Velázquez
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

I residenti del quartiere Arganzuela sono scesi in piazza contro l'abbattimento degli alberi, per fare spazio alla nuova linea 11 della metro

PUBBLICITÀ

Per le strade del quartiere Arganzuela di Madrid alcuni residenti manifestano sullo slogan: "Non abbattete i nostri alberi!". Solo intorno a via Ancora verranno abbattuti un centinaio di alberi, ma i lavori di prolungamento della Linea 11 della metropolitana dovrebbero tagliare oltre mille alberi.

"Stanno tagliando 68 alberi qui in via Ancora, la maggior parte di loro sono alberi folti, sani, alti quattro piani... E anche tutti questi alberi che puoi vedere qui nella piazza della Palestina. La maggior parte delle città europee sta andando verso un modello sociale più sostenibile, ma qui stiamo tornando indietro", spiega José Enrique Garcia, della piattaforma contro la linea 11 della metro.  

I residenti in piazza dicono sì alla metro, ma non con queste modalità: "Non siamo contro la Metro, ma non così. Non vogliamo che taglino i nostri alberi", spiega una madrilena.

Vicino al Parco Madrid Río ci sono un'enorme fila di grandi alberi completamente recintati. "Qui è dove originariamente era stata progettata la stazione della metropolitana", dichiara ai nostri microfoni Máximo Florín, consulente tecnico della piattaforma dei residenti contro la linea 11. "Improvvisamente, nel giro di pochi mesi, i vicini hanno ricevuto una lettera dalle autorità in cui si scusavano per i disagi dovuti ai lavori qui, e poi hanno scoperto che invece stavano recintando laggiù. Hanno spostato la stazione della metropolitana in questo parco storico all'insaputa dei vicini e senza la dovuta valutazione ambientale. Questa è la Spagna, questo non è un Paese scandinavo. Qui a giugno non puoi stare al sole alle undici del mattino... Non sappiamo se il governo regionale abbia preso in considerazione l'alto prezzo che comporta perdere l'unica vera ombra che hanno qui al Madrid Río Park".

Il governo regionale di Madrid si è impegnato a fermare il progetto ed esplorare nuove alternative per ridurre al minimo l'impatto dei lavori, ma i residenti di Arganzuela rimangono vigili.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La vittoria dei socialisti alle elezioni in Catalogna pone fine al predominio degli indipendentisti

Spagna: la strategia di Sánchez per rispondere alle accuse dell'opposizione

Spagna, la sinistra fa campagna elettorale sull'edilizia abitativa per conquistare i più giovani