EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Bambini in Ucraina, una generazione distrutta

Image
Image Diritti d'autore AP Photo
Diritti d'autore AP Photo
Di Rebekah DauntAlberto de Filippis
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Le famiglie chiedono solo una cosa: "dimenticare"

PUBBLICITÀ

In questa seconda parte Euronews indaga su come i bambini in Ucraina abbiano avuto la vita sconvolta dall'invasione russa. In che modo le ONG Save the Children e UNICEF stanno affrontando le sfide poste dallo sfollamento interno e dalle interruzioni dell'istruzione?

A gennaio 2023, in Ucraina c'erano 6,2 milioni di sfollati interni. Le Nazioni Unite stimano che più di 3,5 milioni di bambini in tutto il paese abbiano "un livello di bisogni da severo a catastrofico". Circa il 75% dei genitori ha riferito che i propri figli hanno sintomi di traumi psicologici a causa della guerra con ricordi compromessi, tempi di attenzione più brevi e una ridotta capacità di apprendimento.

"Cerchiamo di lavorare con le famiglie all'interno dell'Ucraina, quelle che cercano di riavere i propri figli [quelle deportate con la forza in Russia] ma anche le famiglie a cui sono stati restituiti i propri figli", Amjad Yamin, direttore di Save the Children per l'Ucraina ha detto a Euronews: "Questa è una delle situazioni più delicate per le famiglie. A volte, dopo che hanno riavuto i loro figli, di queste storie non vogliono più parlarne, perché temono che possa succedere ancora qualcos'altro".

Sono stati istituiti centri collettivi per provvedere alla popolazione sfollata dell'Ucraina. Ci sono circa 7.000 centri collettivi nel paese, ma molti di loro mancano di strutture e infrastrutture a misura di bambino per i bambini piccoli.

Inoltre, Save the Children ha riferito che i gestori collettivi dei siti non hanno l'esperienza per trattare con diversi gruppi di sfollati, come minoranze etniche, persone con bisogni specifici, famiglie con capofamiglia con bambini, persone anziane, ecc., che possono esacerbare le vulnerabilità degli sfollati interni e introdurre barriere all'accesso ai servizi.

Per rispondere meglio alle esigenze dei bambini, l'ente di beneficenza si concentra principalmente sul reinserimento attraverso quelli che Save the Children chiama "spazi a misura di bambino". Questi centri si rivolgono ai bambini che non sono al passo con il curriculum educativo, offrono spazio ai genitori per discutere delle loro esigenze finanziarie e aiutano i bambini a elaborare emozioni difficili attraverso cani da terapia designati.

Educare una generazione perduta

L'istruzione si divide in due parti, sia formale che sociale, come ha spiegato Ajman Yamin: "I bambini stanno cercando di formarsi le loro opinioni su come sia la vita. È estremamente importante per loro socializzare e incontrarsi. Ed è per questo che continuiamo a spingere non solo a lavorare con il Ministro dell'Istruzione, ma anche a lavorare con le famiglie per migliorare la qualità dell'apprendimento e assicurarsi che ci siano opportunità per i bambini di parlare tra loro, imparare gli uni dagli altri e socializzare che li aiuterà a sviluppare una visione più sana di se stessi e della vita».

Per molti bambini in Ucraina, l'apprendimento a distanza è diventato la norma. Il bombardamento di infrastrutture critiche e aree residenziali ha costretto molte scuole nelle aree di prima linea a tenere lezioni online.

La scarsa connessione a Internet, i blackout energetici e la mancanza di dispositivi intelligenti adatti possono interrompere le lezioni, mentre meno del 30% degli scolari ha accesso a un laptop o tablet.

Di conseguenza, e dopo due anni di apprendimento a distanza a causa della pandemia di COVID-19, molti bambini non sono istruiti o non hanno le competenze adeguate all'età richieste dal Dipartimento dell'Istruzione dell'Ucraina.

Per facilitare l'apprendimento online e di persona, Save the Children ha sviluppato centri di apprendimento digitale (DLC) e stazioni di apprendimento mobile. Gli insegnanti vengono trasportati su autobus appositamente attrezzati con materiali didattici nelle aree devastate dalla guerra per fornire alle famiglie e ai bambini un sostegno educativo e per consentire ai bambini di socializzare insieme.

L'UNICEF è anche sul campo fornendo servizi essenziali come cure mediche, supporto psicologico, supporto familiare, acqua potabile e istruzione.

"L'UNICEF sta fornendo sia assistenza umanitaria che recupero umanitario lungo tutto questo spettro, dall'acqua in bottiglia e kit medici in luoghi di prima linea fino al supporto delle cliniche sanitarie con la generazione di energia e tutte le attrezzature di cui hanno bisogno per rimettere in funzione gli impianti di trattamento delle acque reflue e funziona di nuovo", ha detto a Euronews Damian Ranch, capo delle comunicazioni dell'UNICEF in Ucraina.

"Una delle cose più importanti, per quanto riguarda l'UNICEF, è garantire che ovunque si trovino i bambini, indipendentemente dall'insieme delle circostanze, abbiano l'opportunità di accedere all'apprendimento, sia in un ambiente scolastico formale o sia online", ha detto.

Per l'UNICEF, l'obiettivo resta garantire che i bambini tornino a studiare il prima possibile. Tuttavia, molte organizzazioni umanitarie in Ucraina dipendono da donazioni private per continuare il loro lavoro.

Mentre l'invasione su vasta scala della Russia si avvicina al traguardo di un anno e mezzo, alcuni esperti temono che la fatica della compassione colpirà i sostenitori finanziari.

"Il mondo è stato molto generoso con l'Ucraina e con noi [Save the Children] in particolare", ha detto Yamin. "Ma purtroppo, il livello di finanziamento non può soddisfare il livello di bisogno, e il numero di persone bisognose è grande", ha continuato.

PUBBLICITÀ

L'Ucraina ha una superficie terrestre di 603.700 chilometri quadrati che la rende il secondo paese più grande del continente europeo dopo la Russia, il che aggiunge ulteriori sfide logistiche. "Possono essere necessarie più di 14 ore solo per andare da ovest al centro, quindi questo ci mette a dura prova", ha spiegato Yamin.

"Penso che al di là dell'UNICEF, sia qualcosa di cui si preoccupano tutte le organizzazioni che lavorano nelle zone di conflitto. Ma abbiamo assistito a un calo significativo [dei finanziamenti] nel 2023 rispetto allo scorso anno. Penso che le persone guardino al 2024 e si preoccupino di quanto programmazione che possono mettere in atto", ha fatto eco Damian Rance.

Mentre l'apprendimento online sta aiutando a colmare il divario per gli studenti nel frattempo, Rance ha avvertito che le scuole non verranno riparate dall'oggi al domani.

"Il recupero e la ricostruzione non riguardano solo le infrastrutture, si tratta anche di ricostruire la comunità e la società qui in Ucraina in modo che sia incentrata sui bambini e incentrata sui bambini, che metta i bambini e i loro bisogni al centro. E ciò richiede, di Naturalmente, risorse significative", ha concluso.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra in Ucraina: almeno 9 morti e 29 feriti nel raid russo a Kryvyj Rih, la città di Zelensky

Guerra in Ucraina: nel Donetsk ordinata l'evacuazione dei bambini, la Russia avanza su Chasiv Yar

Guerra in Ucraina, salgono a 16 le vittime dell'attacco russo su un negozio a Kharkiv