EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Tutti parlano di Wagner, ma chi sono gli altri mercenari della Russia?

This undated photograph handed out by French military shows three Russian mercenaries in Mali.   -
This undated photograph handed out by French military shows three Russian mercenaries in Mali. - Diritti d'autore AP/AP
Diritti d'autore AP/AP
Di Joshua Askew
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Il gruppo Wagner fa spesso notizia, ma chi sono e cosa stanno facendo le altre figure mercenarie del Paese?

PUBBLICITÀ

Il gruppo mercenario russo Wagner ruba spesso le luci della ribalta, grazie soprattutto al suo capo, Evgeny Prigozhin, ma ce ne sono altri.

Molte delle ricche e potenti compagnie militari private della Russia (PMC), reclutano un mix eclettico di ex forze speciali, prigionieri, estremisti, vagabondi e drogati di adrenalina, operando in tutto il mondo.

Le elite "hanno capito che avere una PMC può far ottenere benefici dal Cremlino", ha detto ad Euronews Anton Shekhovtsov, direttore del Centro per l'integrità democratica. 

Secondo quanto riferito, il putiniano Ramzan Kadyrov, che guida la Repubblica cecena, sta pianificando di creare una PMC da affiancare al suo gruppo paramilitare "Guerrieri di TikTok", noti per essersi ripresi mentre presumibilmente combattono in Ucraina.

Il gigante energetico Gazprom ha anche creato due forze armate private, note come Fakel e Plamya, che hanno il compito di proteggere le risorse all'estero, in luoghi come la Siria e l'Ucraina.

"Presumibilmente stanno solo difendendo gli oleodotti, anche se non lo sappiamo", ha detto Stephen Hall, docente di Politica russa all'Università di Bath.

Tuttavia, le PMC non appartengono solo alle elite russe: il gruppo mercenario della Fratellanza ortodossa, legato alla potente Chiesa ortodossa, starebbe combattendo in Ucraina per proteggere la Russia cristiana da un Occidente decadente che ha preso il controllo di Kiev, ha detto Hall a Euronews.

ENOT, inoltre, era un gruppo di estrema destra ultranazionalista, che ha combattuto in Ucraina dal 2014: sebbene motivato da un "imperialismo virulento" che vede l'Ucraina come appartenente alla Russia, Shekhovtsov crede che il gruppo stesse combattendo solo perché in grado di "monetizzare la propria ideologia".

Il fondatore di ENOT, Igor Leonidovich Mangushev, famigerato nazionalista, è stato ucciso a febbraio da un colpo di pistola "stile esecuzione", nell'Ucraina occupata dai russi: ENOT è stato chiuso nel 2019.

'I gruppi mercenari della Russia sono legati allo Stato'

Sebbene nominalmente indipendenti, Hall ha affermato che le PMC possono esistere solo con la benedizione del Cremlino: sono infatti illegali secondo la legge russa, che vieta il "reclutamento, addestramento e finanziamento" di un mercenario.

"Faranno sempre ciò che lo Stato chiede", ha detto a Euronews, sottolineando che molti erano profondamente legati all'Fsb, i Servizi segreti russi: per il Cremlino, tali forze oscure sono utili per "negare la plausibilità", consentendo allo Stato di impegnarsi in attività più losche e imprecisate. 

I mercenari sono anche molto meno regolamentati rispetto agli eserciti convenzionali, dando loro un maggiore margine di manovra per impegnarsi in comportamenti criminali.

Hall afferma che Mosca è stata ispirata all'uso statunitense dell'ormai defunto gruppo di mercenari Blackwater in Iraq, che ha guadagnato notorietà dopo aver massacrato civili iracheni nel 2007.

Distinti dalle Forze armate convenzionali, i mercenari hanno contribuito a mascherare le perdite russe in Ucraina, dal momento che raramente rientravano nei conteggi ufficiali delle vittime.

Il gruppo di mercenari Patriot ne è un esempio, poiché non offre alla Russia alcun potere militare vincolato: fondato nel 2018, è controllato dal ministero della Difesa ed è composto da molti ex membri delle Forze speciali russe Spetsnaz, che guadagnano bene ma non ricevono pensioni o indennità di infortunio.

PUBBLICITÀ

La loro efficacia sul campo di battaglia resta da vedere, ma finora i mercenari non hanno lasciato un segno importante, secondo l'Istituto statunitense per lo studio della guerra.

"Gruppi mafiosi in lotta tra loro"

I gruppi mercenari stanno acquisendo un potere considerevole in Russia, comandando un gran numero di uomini e risorse militari. 

Alcuni sono impegnati in attività economiche, come l'estrazione mineraria in Africa, che rafforzano la loro posizione.

Il Cremlino rimane abbastanza potente da "spegnerli" se dovessero uscire dal seminato, tuttavia potrebbe non essere sempre così.

PUBBLICITÀ

Sebbene Putin abbia ancora saldamente il controllo, lampante è l'esempio del capo di Wagner, Evgeny Prigozhin, che sfida apertamente il Cremlino, cosa "inimmaginabile" un anno fa.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Manovre russe davanti alle coste NATO nel Baltico

Gli oppositori politici russi chiedono aiuto all'Ue

Russia: 16 anni di carcere per spionaggio al giornalista statunitense del Wsj Evan Gershkovich