EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Ucraina-Russia, la guerra dei droni

Image
Image Diritti d'autore Efrem Lukatsky/The AP.
Diritti d'autore Efrem Lukatsky/The AP.
Di Alberto De Filippis
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Come questi ordigni hanno cambiato la guerra

PUBBLICITÀ

Sul campo di battaglia fra Ucraina e Russia, i droni sono diventati l'arma preferita nella difesa contro le armi convenzionali. Questi ordigni sono passati da strumenti marginali da utilizzare nelle missioni di ricognizione a diventare inaspettatamente una priorità nella guerra.

Dice César Pintado Professore al Campus Internazionale per la Sicurezza e la Difesa, analista per il Dipartimento della Difesa spagnolo: "Né l'Ucraina né la Russia erano davvero preparate in termini di droni per questa guerra. La Russia era indietro nei suoi droni".

L'internazionalizzazione della guerra è stata amplificata dalla spinta dell'industria degli armamenti, che ha reagito sviluppando nuovi modelli adattati alle strategie sul terreno.

Così  Abishur Prakash, direttore di The Geopolitical Business: "Nei cieli dell'Ucraina non sono solo l'Ucraina e la Russia a combattere. Indirettamente abbiamo la Turchia e l'Iran che combattono. E questi droni turchi, in termini di contrattacco ucraino, sono stati responsabili di alcuni dei più letali contrattacchi di ritorsione dell'Ucraina colpendo depositi di petrolio all'interno della Russia e provocando anche l'affondamento dell'ammiraglia russa nel Mar Nero.

Il futuro immediato sta nell'espansione dei modelli, dei produttori in conto terzi in diversi paesi e persino nella costruzione di nuovi stabilimenti.

Continua César Pintado Professore al Campus Internazionale per la Sicurezza e la Difesa:  "I fornitori di droni per la Russia al momento sono Israele, Iran e, non potrebbe ancora dire con certezza se stiano utilizzando sistemi cinesi".

Conclude Abishur Prakash, direttore di The Geopolitical Business: "Penso che la grande domanda ora sia se l'Iran inizi a costruire fabbriche all'interno della Russia e se la Russia sia in grado di sostenere la propria catena di approvvigionamento a livello nazionale, che può fornire un gran numero di droni".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Carri armati ucraini in azione a Donetsk ma Kiev nega

Gaza, Netanyahu risponde a Biden: "Se necessario combatteremo da soli"

Ucraina: "Grande offensiva russa dal mese prossimo", Zelensky chiede aiuti per la difesa aerea