EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

La siccità in Spagna minaccia il raccolto di cereali: "Servono misure immediate"

La siccità in Europa meridionale mette a rischio il raccolto di cereali
La siccità in Europa meridionale mette a rischio il raccolto di cereali Diritti d'autore Emilio Morenatti/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.
Diritti d'autore Emilio Morenatti/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La prolungata siccità in Spagna minaccia il raccolto di grano e orzo. Altre regioni dell'Europa meridionale sono colpite dall'evento climatico. Un minore raccolto porterebbe a un aumento dei prezzi, delle misure per contrastare il fenomeno sono necessarie

PUBBLICITÀ

L'Europa è sopravvissuta all'inverno con le preoccupazioni legate all'approvvigionamento di risorse energetiche, e quindi di calore. Ma ora si trova ad affrontare un altro problema: la minaccia di perdita dei raccolti e la mancanza di acqua.

Spagna senza pioggia significa Spagna senza grano

La Spagna potrebbe rimanere senza grano e orzo a causa di una prolungata siccità. "Sono stati causati danni irreversibili a più di 3,5 milioni di ettari di colture", ha avvertito la principale associazione spagnola di agricoltori COAG, lanciando l'allarme su una tendenza che, a suo dire, si sta osservando in gran parte del Paese.

Per valutare la situazione, il governo ha convocato una riunione del Comitato nazionale per la siccità per mercoledì 19 aprile.

"Se le precipitazioni non miglioreranno nel giro di pochi giorni, la produzione di colture piovose, in particolare di cereali invernali, sarà significativamente ridotta. Le prospettive non sono affatto buone. Se continua così, logicamente il raccolto diminuirà e quindi i prezzi aumenteranno", afferma Sergio Vicente-Serrano, ricercatore dell'Istituto pirenaico di ecologia di Saragozza.

"Non bisogna dimenticare che la siccità è un fenomeno caratteristico del clima mediterraneo, che non è qualcosa di nuovo, legato al processo di riscaldamento globale, e non è un processo che abbiamo sperimentato solo negli ultimi decenni. Ma il problema è che negli ultimi anni abbiamo anche sofferto di una mancanza di precipitazioni [...] sullo sfondo di un notevole aumento della temperatura".

Siccità invernale ed estiva in Europa

Anche altri Paesi europei devono affrontare questo problema. Una mappa dell'attuale siccità in Europa, compilata dal Servizio per i cambiamenti climatici "Copernicus", ha mostrato avvertimenti sulla scarsa umidità del suolo in molte regioni meridionali del continente nel mese di gennaio.

" Normalmente, soprattutto nei Paesi dell'Europa meridionale, ci aspettiamo una ricarica autunnale e invernale di pioggia. Quest'anno non è successo per molti di questi Paesi. Quindi, stiamo per entrare nella stagione agricola, la stagione della crescita, con un'umidità del suolo molto bassa", spiega Samantha Burgess, direttrice associata di Copernicus

" Molte risorse energetiche si basano sull'acqua, sia come refrigerante per il nucleare, nel caso della Francia, sia per la generazione di energia idroelettrica dai fiumi. Quindi, anche questa è una sfida. In Francia, ad esempio, ci sono state restrizioni idriche già a febbraio e marzo. È davvero insolito. Dobbiamo anche cercare nuove tecnologie che utilizzino meno acqua. E cercare di riciclare quanta più acqua possibile o di avere un impatto minore sull'acqua disponibile".

L'inverno 2022-23 in Francia è stato il più secco degli ultimi 60 anni. Sulle Alpi francesi, sui Pirenei e su altre catene montuose la neve è stata molto meno abbondante del solito.

Nel 2022 anche l'Italia è stata duramente colpita dalla siccità e le autorità hanno dichiarato lo stato di emergenza in cinque regioni. I livelli d'acqua del Po, il fiume più lungo del Paese, si sono abbassati e la carenza d'acqua ha colpito tutto, dall'agricoltura alla produzione di energia pulita. Anche l'inverno è stato secco e milioni di italiani potrebbero trovarsi di nuovo di fronte a restrizioni.

Il governo sta sviluppando un "piano nazionale di approvvigionamento idrico" e sta preparando un pacchetto di aiuti del valore di 7,8 miliardi di euro.

Come contrastare la nuova minaccia?

Secondo gli esperti, abbiamo nel nostro arsenale tutta una serie di misure che devono essere attuate immediatamente, per adattarci alla situazione ed evitare un ulteriore peggioramento.

"Dobbiamo imparare a convivere con questa mancanza di precipitazioni e con questi episodi di siccità. Naturalmente ci sono una serie di meccanismi ovvi, per esempio legati alla regolazione della domanda, alla riduzione del consumo di acqua nelle città, al miglioramento della qualità dei terreni irrigati. Ma abbiamo anche la possibilità di utilizzare le aree in cima alle montagne, perché nelle montagne, nella regione mediterranea, c'è la principale fonte di umidità", ha detto Sergio Vicente-Serrano.

"Considereremo la possibilità di adattarci maggiormente a colture che richiedono meno acqua", suggerisce Samantha Burgess. "Utilizzeremo fonti energetiche che non dipendono dagli alti livelli d'acqua dei fiumi o dei laghi. La realtà è che se non smettiamo di emettere gas serra nell'atmosfera, il cambiamento climatico aumenterà. Sappiamo che l'Europa come regione si sta riscaldando più velocemente di altre parti del mondo. Quindi, se sappiamo già in anticipo che è più probabile che si verifichino siccità, e che queste siccità saranno probabilmente più intense, allora dobbiamo cambiare il nostro comportamento per assicurarci di ridurre l'assunzione di acqua e di conservarla".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La siccità colpisce sempre più spesso, Spagna e Italia a secco e colture perse

A Mario Draghi il premio europeo Carlos V, "L'Europa non sia passiva se prosperità minacciata"

Olimpiadi Parigi 2024: esercitazioni congiunte tra polizia francese e spagnola