EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Più di 200 prigionieri russi e ucraini fanno ritorno alle loro case

Scambio di prigionieri tra Russia e Ucraina
Scambio di prigionieri tra Russia e Ucraina Diritti d'autore AP Photo
Diritti d'autore AP Photo
Di Isidoro Patalano Agenzie:  AP
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

In un raro momento di cooperazione russo-ucraina i due paesi hanno scambiato più di 200 prigionieri appartenenti ai rispettivi eserciti. Una tra i prigionieri ucraini è Valeria Karpilenko che si era sposata con un soldato ucraino nel sotterraneo della fabbrica Azovstal di Mariupol

PUBBLICITÀ

In un raro momento di cooperazione tra i due fronti lunedì più di 200 soldati russi e ucraini sono tornati alle loro case grazie a uno scambio di prigionieri. L'Ucraina è riuscita a rimpatriare un gruppo di cento tra membri dell'esercito, della marina, guardia nazionale e guardie di frontiera alcuni dei quali malati o gravemente feriti.

Il Ministero della Difesa russo ha dichiarato, invece, che 106 soldati russi sono stati rilasciati dalla custodia ucraina. I soldati erano stati catturati al fronte e, secondo Mosca, si trovavano "in pericolo di vita".

Dopo un viaggio in autobus i militari rilasciati sono stati trasportati a Mosca con aerei militari per ricevere cure mediche e riabilitazione, ha dichiarato il ministero in un comunicato.

 "È solo... sono così felice di essere in Russia, di aver sentito i miei parenti e i miei cari, ho sentito mia moglie, mio figlio, i miei genitori", ha detto un soldato russo con la voce rotta dall'emozione.

AP/Russian Defense Ministry Press Service
Soldati russi ritornano a casa dopo uno scambio di prigionieri tra Russia e UcrainaAP/Russian Defense Ministry Press Service

Il Comando di coordinamento ucraino per il trattamento dei prigionieri di guerra ha affermato che quasi la metà degli 80 uomini e delle 20 donne che sono tornati a casa "hanno gravi ferite, malattie o sono stati torturati".

Secondo le notizie ucraine, una delle donne prigioniere è Valeria Karpilenko, una guardia di frontiera che aveva contribuito a difendere l'acciaieria Azovstal di Mariupol. Lo scorso maggio, la donna ha sposato un soldato ucraino nel seminterrato dell'acciaieria mentre le forze russe circondavano il complesso. Suo marito è stato ucciso tre giorni dopo.

Questi scambi rappresentano una delle poche aree di cooperazione tra Ucraina e Russia. Dall'inizio della guerra, le due parti hanno restituito centinaia di soldati dell'altra parte e i corpi delle truppe cadute.

Nel frattempo, l'ufficio presidenziale ucraino ha dichiarato che almeno sei civili sono rimasti feriti negli ultimi bombardamenti russi.

Separatamente, il governatore di Donetsk Pavlo Kyrylenko ha dichiarato che le forze russe hanno colpito una centrale elettrica ed edifici residenziali nella provincia orientale. I russi hanno anche bombardato nove villaggi di confine nelle province di Kharkiv, Sumy e Chernihiv.

Invece il leader della regione di Donetsk imposto dalla Russia, Denis Pushilin, ha fatto visita al territorio da lui controllato e ha dichiarato che Mosca ricostruirà Bakhmut una volta completata la conquista.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Papa Francesco, nuovo appello per la pace in Ucraina

Ucraina, ancora raid a Kharkiv e Zaporizhzhia. Per Zelensky "Russia isolata dal mondo"

Ucraina: attacchi a infrastrutture energetiche, Usa impongono un raggio di azione per colpire Mosca