EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

The Cube, la riforma delle pensioni francesi e il rebus dei vitalizi presidenziali

Proteste in Francia
Proteste in Francia Diritti d'autore Christophe Ena/Copyright 2023
Diritti d'autore Christophe Ena/Copyright 2023
Di euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'entourage del presidente francese Macron ha dichiarato al quotidiano francese Le Parisien che il capo di Stato rinuncerà al suo preziosissimo vitalizio presidenziale

PUBBLICITÀ

Giovedì è stato l'undicesimo giorno di scioperi in tutta la Francia contro il piano di riforma delle pensioni del presidente Emmanuel Macron. Le proteste arrivano in una situazione di stallo nelle discussioni tra sindacati e governo con i sostenitori del leader dell’Eliseo che si sono affrettati a difendere il leader francese.

Di recente, Stephane Vojetta, deputato per i cittadini francesi residenti all'estero e e membro del partito del Presidente, ha twittato un grafico pubblicato sulla rivista economica francese Capital.

Il grafico mette a confronto le pensioni durante i mandati degli ultimi tre presidenti francesi: Emmanuel Macron, François Hollande e Nicolas Sarkozy, spiegando che quest’ultimo, che è stato capo di Stato tra il 2007 e il 2012, percepisce 11.400 euro netti al mese. Francois Hollande, presidente dal 2012 al 2017, percepisce 15.000 euro al mese al netto delle tasse.

La rivista spiega che Macron ha rinunciato in anticipo alla pensione presidenziale e che non ha ricoperto altri incarichi politici. Tutto vero? Non esattamente. È vero che nel 2019 Macron ha voluto riformare il sistema pensionistico. Sarà istituito un nuovo sistema nell'ambito del futuro regime universale pensionistico a punti attualmente in fase di negoziazione. Il suo entourage ha dichiarato al quotidiano francese Le Parisien che il capo di Stato rinuncerà al suo preziosissimo vitalizio presidenziale.

Gli ex presidenti francesi ricevono circa 5.200 euro netti al mese di pensione. A loro viene inoltre garantito l'alloggio e pagate le spese di viaggio. E non c'è un requisito minimo di età come nel caso di altri dipendenti francesi. Come promemoria, Macron vuole aumentare l'età minima di pensionamento da 62 a 64 anni, ma non è la pensione completa. La maggior parte dei francesi riceve la tariffa piena a 67 anni.

Inoltre, la maggior parte degli ex presidenti percepisce più di 5.200 euro al mese perché si sommano tutte le pensioni per gli altri incarichi politici retribuiti. Quindi, ad esempio, se prima di diventare Capo dello Stato sono stati anche deputato e prima ancora sindaco, si sommano anche le pensioni per questi due mandati, il che spiega perché i precedenti presidenti Hollande e Sarkozy hanno tassi di pensionamento più alti.

Ma il problema è che a più di 3 anni dalla promessa di Macron di eliminare la pensione speciale presidenziale, non è stato fatto nulla di concreto.

Il quotidiano economico francese L'Opinion ricorda che nessuna misura del nuovo piano di riforma delle pensioni menziona il sistema pensionistico del Capo dello Stato. Quindi, la promessa di Macron di rinunciare alla sua pensione presidenziale rimane ancora solo una promessa.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Nuova Caledonia: rimpatriati i turisti, sette i morti per gli scontri nell'arcipelago

Proteste in Nuova Caledonia, arrivato Macron: la visita del presidente "senza limiti di tempo"

Proteste in Nuova Caledonia: il presidente francese Macron in partenza per una missione