Israele, la revisione del sistema giudiziario divide il paese

Una protesta contro la riforma voluta dal premier israeliano Netanyahu
Una protesta contro la riforma voluta dal premier israeliano Netanyahu Diritti d'autore Ohad Zwigenberg/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Approvata la prima di una serie di leggi volute dal premier Netanyahu per limitare i poteri della Corte suprema, i manifestanti tornano in piazza

PUBBLICITÀ

Uno scudo per proteggere Benyamin Netanyahu, il primo ministro israeliano: la sua coalizione di governo ha appena approvato la prima di una serie di leggi sulla controversa revisione del sistema giudiziario. Obiettivo: evitare che il leader di Tel Aviv possa essere considerato inadatto a guidare il paese, a causa del processo per corruzione a suo carico. 

La nuova procedura in futuro limiterebbe la possibilità per la Corte suprema di ricusare il premier, e i 15 giudici solo all'unanimità potrebbero bocciare un dispositivo approvato dall'assemblea, mentre la cosiddetta "clausola di deroga" consentirebbe alla Knesset con la maggioranza semplice (61 voti su 12) di fermare quelle norme ritenute in contrasto con le leggi di base del paese. 

Si bilanciano i due rami di potere, si tutelano i diritti individuati di tutti i cittadini
Benyamin Netanyahu
primo ministro di Israele

Ma l'intervento legislativo divide profondamente la nazione. Tant'è che lo stesso Netanyahu ha espresso la volontà di "ricucire la frattura". Senza spiegare, però, come intende farlo e senza convincere i manifestanti, che hanno bloccato di nuovo il traffico sulle principali autostrade e si sono scontrati con la polizia. Gli agenti hanno usato gli idranti per di disperderli e hanno fatto scattare gli arresti, ma non sono riusciti a spegnere la protesta.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Francia: protesta contro la riforma delle pensioni, oltre 450 arresti

La Finlandia più vicina alla Nato, per la Svezia tempi ancora non definiti

Israele, ancora proteste di massa. Approvata dal Parlamento la legge pro-Netanyahu