8 marzo, donne in marcia a Madrid e Città del Messico

Manifestazioni per l'8 marzo
Manifestazioni per l'8 marzo Diritti d'autore AFP
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Misure per le pari opportunità e contro la violenza di genere al centro delle manifestazioni dell'8 marzo. Cortei affollati a Madrid e a Città del Messico

PUBBLICITÀ

Nel bilancio finale della Giornata internazionale della donna, le immagini dei cortei a Madrid sottolineano l'impatto di una battaglia, quella per l'emancipazione e contro la violenza di genere, che in Spagna mobilita migliaia di persone: un esercito di donne, molte vestite di viola, ha affollato i viali alberati della capitale spagnola.

La Spagna è spesso considerata un punto di riferimento per i diritti delle donne in Europa, in particolare dopo l'adozione nel 2004 di una legge che promuove misure contro la violenza di genere.

Sempre dal 2004 l’Osservatorio nazionale sulla violenza di genere in Spagna si occupa di monitorare la situazione, garantire consulenze e coordinare le attività interministeriali, collaborando costantemente con il Ministero della Giustizia e l’Istituto nazionale di Statistica.

In più, i legislatori spagnoli hanno deciso che la violenza sulle donne in Spagna debba essere trattata da specifici tribunali dedicati al tema. Oggi sono presenti oltre 100 tribunali che trattano i casi di violenza di genere in via esclusiva. 

Dall'altra parte dell'Atlantico migliaia di donne hanno marciato per le strade di Città del Messico, ma questa volta in mezzo a una forte presenza di polizia.

In Messico la violenza contro le donne è assimilabile a un'emergenza umanitaria. Ogni giorno ne vengono uccise 20 e per ogni 100 donne assassinate solo quattro persone vengono condannate al carcere.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

"Mon Crime", l'omaggio alla forza delle donne del regista Ozon

Per la prima volta nella storia, donne in tutti i parlamenti del mondo

Afghanistan, la difficile condizione delle donne divorziate