EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Quali sfide sta affrontando la Siria dopo il devastante sisma?

AP Photo
AP Photo Diritti d'autore Hussein Malla/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Hussein Malla/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Nei giorni successivi alle catastrofiche scosse che hanno colpito la Turchia sudorientale e la Siria settentrionale, la maggior parte delle persone online ha cercato maggiormente la prima

PUBBLICITÀ

Quali sfide sta affrontando la Siria dopo il devastante sisma?

Nei giorni successivi alle catastrofiche scosse che hanno colpito la Turchia sudorientale e la Siria settentrionale, la maggior parte delle persone online ha cercato maggiormente la prima.

Secondo i dati di Google Trends, solo due Paesi, Norvegia e Polonia – hanno avuto più ricerche per la Siria.

La Siria è alle prese con una guerra civile da quasi 11 anni e gran parte dell'area più colpita dai terremoti non è sotto il controllo del governo.

Gente sfollata 20 volte

"Sarebbe stato meglio scegliere un altro posto per colpire con un terremoto di questa portata - afferma Mark Kaye, dell'International Rescue Committee - alcune delle persone con cui lavoriamo nella Siria nordoccidentale sono state sfollate più di 20 volte negli ultimi 12 anni".

Si teme un'enorme epidemia di colera

Milioni di persone nel nord della Siria vivono in campi per sfollati.

Le tende generalmente non sono state colpite, ma altre strutture chiave sono andate distrutte.

Molte agenzie umanitarie hanno sede nella regione, ma i loro lavoratori, come il resto della popolazione locale, sono stati lasciati in gravi difficoltà e questo sta ostacolando la risposta sul campo.

"Parecchio del nostro personale semplicemente non ha un posto dove dormire - aggiunge Kaye - trascorre la notte dormendo sui pavimenti delle scuole, nelle moschee, nei palazzetti dello sport o persino nelle automobili.

Anche avere un nostro ufficio al momento si sta rivelando difficile, perché alcuni dei nostri uffici sul campo sono stati gravemente danneggiati dal terremoto stesso".

Hussein Malla/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
AP PhotoHussein Malla/Copyright 2023 The AP. All rights reserved

Difficoltà ad entrare in Siria

Nella Turchia meridionale, i soccorritori e gli aiuti sono stati ostacolati dalle macerie: le strade sono state distrutte, insieme ad altre infrastrutture cruciali.

Nel nord della Siria, tuttavia, le agenzie devono affrontare un ulteriore problema: il confine stesso.

Come risultato della guerra civile in corso, il nord-ovest della Siria è diviso tra governo, ribelli e controllo turco.

Prima del terremoto, la maggior parte degli aiuti umanitari arrivava dalla Turchia, tuttavia le restrizioni su ciò che può entrare o meno limitano l'arrivo di qualsiasi materiale.

PUBBLICITÀ

"L'intera area dipende in gran parte da un valico di frontiera dalla Turchia per l'assistenza umanitaria delle Nazioni Unite che già non era sufficiente", afferma Mark Kaye.

Sebbene alcuni aiuti siano stati richiesti e inviati al governo siriano, rimangono una piccola parte di ciò che è attualmente necessario.

E non c'è comunicazione tra il presidente siriano Bashar al-Assad e le fazioni ribelli.

Inoltre, le relazioni diplomatiche tra la maggior parte dei governi occidentali e Damasco sono inesistenti.

PUBBLICITÀ

Come osserva Xavier Castellanos, della Federazione internazionale delle società di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa, "le limitazioni che possiamo affrontare riguardo alle sanzioni influiscono sulla velocità con cui possiamo intervenire".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Siria, Assad visita le aree colpite dal sisma e si scaglia contro l'Occidente

Terremoto in Turchia e Siria: 20.700 vittime, peggio che a Fukushima. E salvataggi "miracolosi"

Siria, arrivano i primi camion di aiuti umanitari inviati dall'Onu